Aziende

Pimco

Fondata nel 1971 a Newport Beach in California, ma dal 2000 di proprietà della multinazionale assicurativa tedesca Allianz, Pimco (sigla per Pacific Investment Management Company) è una società di gestione di investimenti che è uno tra i leader mondiali nella gestione obbligazionaria attiva. William Gross, fondatore e, insieme a Mohamed El-Erian, corresponsabile degli investimenti di Pimco, è infatti riconosciuto come uno dei più autorevoli e credibili personaggi del mondo finanziario americano, oltre ad essere il creatore del Total Return Fund, il fondo di investimento che è gestito tramite un sistema “collettivo” che raccoglie denaro da numerosi investitori e lo impegna in diversificate fonti di valore attraverso un processo largamente strutturato. A testimonianza della grande considerazione nella quale è tenuta Pimco nel mondo finanziario internazionale, nel 2007 l’ex presidente della Federal Reserve, il noto economista americano Alan Greenspan, ha assunto il ruolo di consulente speciale della società. Tra i suoi compiti quello di partecipare ai forum internazionali organizzati da Pimco sulle più importanti tematiche economiche e quello di coadiuvare i manager della società nel delineare le politiche di investimento legate al Total Return Fund. Attualmente per Pimco collaborano circa 1.300 dipendenti, che sono distribuiti negli uffici internazionali ubicati a Newport Beach, New York, Amsterdam, Singapore, Tokyo, Londra, Sydney, Monaco di Baviera, Toronto, Hong Kong e Zurigo. Tre sono le aree di business nelle quali è suddivisa l’attività di Pimco: Portfolio Management, struttura che riceve gli input dagli specialisti dei vari mercati e decide quali investimenti proporre; Account Management, che si occupa dei rapporti con i clienti e di quelli istituzionali; Business Management, che ha il compito di stabilire le strategie di investimento.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Pimco
    • News24

    Rischio Italia, su Piazza Affari investitori «mordi e fuggi»

    All'indomani di una seduta in forte ribasso, segnata dal ritorno del rischio politico legata all'ipotesi di ritorno al voto, è tornato il sereno sulla Borsa Italiana, che ieri ha recuperato mezzo punto percentuale mentre ancora qualche incertezza si è vista sui titoli di Stato: lo spread tra i Bund

    – di Andrea Franceschi

    • Agora

    Da Starwood a Bain fino a Pimco, i grandi fondi Usa in campo per i crediti difficili di Cariparma e Carige

    I grandi fondi americani entrano in campo per gli Utp, i prestiti "unlikely to pay", delle grandi banche italiane. Sono due i processi che in questo momento sono sotto i riflettori: da una parte la vendita di circa 1,5 miliardi di Utp da parte di Banca Carige e dall'altra altri 450 milioni che sta cedendo Credit Agricole-Cariparma. La prima asta è soltanto all'inizio e vede un'ampia platea di investitori che è stata contattata dall'advisor Kpmg con l'assistenza sul lato finanziario di BonelliE...

    – Carlo Festa

    • News24

    I fondi Usa sui crediti Utp di Mps, Carige e Cariparma

    I grandi fondi americani entrano in campo per gli Utp, i prestiti "unlikely to pay", delle grandi banche italiane. Sono tre i processi che in questo momento si trovano sotto i riflettori: da una parte la vendita 4,5 miliardi di Utp di Mps, circa 1,5 miliardi di Utp da parte di Banca Carige e infine

    – di Luca Davi e Carlo Festa

    • News24

    L'arma di Europa e Giappone contro il rischio dazi si chiama superdollaro

    La tregua sui dazi tra Europa e Stati Uniti durerà fino al 1° giugno. Donald Trump ha infatti deciso di rinviare fino ad allora i dazi protettivi su acciaio e alluminio contro numerosi alleati, a cominciare, appunto, dall'Unione europea. Le pressioni di Angela Merkel, Emmanuel Macron e Theresa May

    – di Andrea Franceschi

    • News24

    Perché i mercati emergenti vanno bene nonostante Trump e la Fed

    I mercati emergenti sono una delle classi di investimento che sta andando meglio sui mercati da diversi mesi a questa parte. Negli ultimi 12 mesi l'indice delle Borse emergenti ha guadagnato il 23,4% contro un +15% di Wall Street e un +1,27% dell'Europa. Da inizio anno il paniere dei mercati

    – di Andrea Franceschi

    • News24

    Sugli Stati debiti per 61mila miliardi, ma meno esposti agli speculatori

    Oggi gli occhi sono tutti puntati sulla Cina, che detiene 1.176 miliardi di dollari di debito pubblico americano. Dato che Donald Trump ha dichiarato guerra commerciale al Paese, il timore che Pechino possa "vendicarsi" vendendo titoli di Stato statunitensi si diffonde sui mercati finanziari. Ma il

    – di Morya Longo

    • News24

    Trump nomina Richard Clarida vicepresidente della Fed

    Donald Trump, se nella politica economica e sociale ama alzare il tiro di nazionalismo e populismo, quando si tratta della Federal Reserve gioca sul sicuro: ha nominato quale vice chairman della banca centrale un economista repubblicano pragmatico ed esperto, Richard Clarida.

    – di Marco Valsania

    • News24

    Il vento in Borsa è cambiato: la spirale in Siria può accelerare i ribassi

    Secondo la Risk Map del gruppo assicurativo Aon, nel 2017 i Paesi occidentali sono stati colpiti da 204 attacchi terroristici. Più del doppio rispetto ai 96 del 2016. E la probabilità di un conflitto tra Stati, anche con il coinvolgimento delle grandi potenze, ha raggiunto il «livello massimo dalla

    – di Morya Longo

    • News24

    La profezia della «curva dei tassi»: l'economia Usa rallenta

    Gli aruspici esaminavano le interiora degli animali per prevedere il futuro. In tempi più moderni c'è chi cerca di leggere l'ignoto nei fondi di caffé. Anche oggi i mercati finanziari hanno il loro «fondo di caffè» con cui prevedere il futuro: si tratta della cosiddetta «curva dei rendimenti». Cioè

    – di Morya Longo

    • News24

    E' finita la festa per l'economia? Dai super-debiti ai «social», tutti i rischi

    Il crollo delle azioni dei social network in Borsa arriva in un momento, per l'economia mondiale, a dir poco idilliaco. Dopo un 2017 che ha registrato una crescita sincronizzata globale, l'anno attualmente in corso dovrebbe chiudere con soli 6 Stati in recessione su 206 totali. Mai era successo,

    – di Morya Longo

1-10 di 401 risultati