Persone

Pietro Grasso

Pietro Grasso è nato il 1° gennaio del 1945 a Licata (AG) ed è un magistrato e politico italiano, attualmente Presidente del Senato della Repubblica.

Come dichiarato in diverse interviste, ha manifestato, fin da ragazzo, la volontà di intraprendere la carriera di magistrato.

Dopo aver conseguito il diploma di maturità classica presso il Liceo Statale Giovanni Meli di Palermo, si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza, presso l'Università degli Studi di Palermo, dove si laurea nel 1966.

Il 1969 entra in magistratura con la qualifica di pretore di Barrafranca (paese in provincia di Enna) nel 1972 si trasferisce a Palermo dove, il 6 gennaio del 1980, gli viene affidata l'inchiesta sull'omicidio del Presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella.

Nel 1985 viene designato, dal Presidente del Tribunale di Palermo Francesco Romano, giudice a latere nel primo maxiprocesso a Cosa Nostra, tenutosi a Palermo tra il 10 febbraio 1986 ed il 10 dicembre 1987. In tale circostanza ebbe l'occasione di conoscere professionalmente e quindi collaborare con i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Il maxiprocesso, con imputati eccellenti quali Luciano Leggio, Pippo Calò, Michele Greco, Leoluca Bagarella, Salvatore Montalto e (giudicati in contumacia) i boss Salvatore Riina e Bernardo Provenzano, si è concluso dopo 35 giorni di camera di consiglio con l'irrogazione di 19 ergastoli e 2.665 anni di reclusione ed una sentenza, della cui stesura è stato delegato Pietro Grasso, di 7000 pagine.

Terminato il maxiprocesso, Grasso è stato nominato nel 1989 consulente della Commissione parlamentare Antimafia.

Nel 1991 è stato designato, dall'allora guardasigilli Claudio Martelli, consigliere alla Direzione affari penali del Ministero di Grazia e Giustizia.

Successivamente, lasciato l'incarico presso il Ministero, viene nominato procuratore aggiunto presso la Direzione nazionale antimafia (guidata da Pier Luigi Vigna), dove ha seguito e coordinato le inchieste sulle stragi del 1992 e del 1993.

Dalle confessioni di due eccellenti pentiti (Giovanni Brusca e Giacchino La Barbera) è emerso che nel 1992 la Commissione Provinciale di Cosa nostra avrebbe progettato un attentato contro Pietro Grasso, attentato che non sarebbe stato eseguito, come appreso dallo stesso Grasso nella confessione del pentito La Barbera, per motivi di ordine tecnico (la presenza, nelle vicinanze del luogo scelto per l'attentato, di un controllo elettronico di sicurezza che avrebbe interferito col telecomando dell'esposivo).

Nel 1999 ha assunto l'incarico di Procuratore della Repubblica di Palermo, nell'ottobre del 2005 è stato nominato procuratore nazionale antimafia.

Dopo aver presentato al CSM domanda di aspettativa per motivi elettorali, nel dicembre 2012 si dimette dalla magistratura e si candida, col Partito Democratico, all' elezioni politiche del 2013 per la carica di Senatore della Repubblica.

Diventato Senatore, il 16 marzo del 2013 viene eletto, contro il presidente uscente Renato Schifani (vinto al ballottaggio) nuovo Presidente del Senato della Repubblica italiana.

Tra il 14 gennaio ed il 3 febbraio 2015, con le dimissioni di Giorgio Napolitano, assume il ruolo di presidente supplente della Repubblica Italiana.

E' sposato dal 1970 ed è padre di un figlio, Maurilio, funzionario di Polizia.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Pietro Grasso
    • News24

    Falcone e Borsellino, il ricordo di Matarella

    «Sarebbe un peccato se la legislatura finisse prima che ci sia una legge sui beni confiscati alla mafia» a dirlo, nell'aula bunker dell'Ucciardone è il ministro dell'Interno Marco Minniti. Ad ascoltare, in insieme a una platea di ragazzi, il capo dello stato Sergio Mattarella e la ministra

    – di Patrizia Maciocchi

    • News24

    Lo sbarco dei ragazzi

    «Bella fra'». Alle 8 e 25 la nave della legalità abbassa il ponte e i mille ragazzi sbarcano alzando gli occhi verso la facciata del traghetto per una saluto alle immagini di Falcone e Borsellino. Poi, tra gli applausi, serrano le fila con l"esercito"della legalità locale più che mai colorato tra

    – di Patizia Maciocchi

    • News24

    Bambini e ragazzi sulla nave della legalità nel giorno di Falcone e Borsellino

    «Abbiamo parlato molto di Falcone, di Borsellino e degli uomini della loro scorta: un risultato l'abbiamo raggiunto: non chiamano più i poliziotti "infami"». Bartolomeo Perna, preside dell'Istituto comprensivo Parco verde di Caivano provincia di Napoli, accompagna la V elementare a Palermo per far

    – di Patrizia Maciocchi

    • News24

    Oltre mille studenti sulla Nave della Legalità diretta a Palermo

    "Gli uomini passano le idee restano e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini". Le gambe sulle quali cammina l'idea della legalità sono quelle dei 70mila studenti che, a Palermo e nelle piazze d'Italia, si incontreranno martedì 23 per ricordare le stragi di Capaci e di via D'Amelio,

    – di Patrizia Maciocchi

    • News24

    Legge elettorale, Berlusconi al Pd: testo condiviso, da Pd no a forzature

    «Le sfide elettorali decisive sono alle porte. Al più tardi al principio del 2018 finalmente gli italiani potranno di nuovo scegliere da chi vogliono esseregovernati. Io spero che lo si possa fare il più presto possibile con una legge elettorale condivisa. Spero che il Pd comprenda che questa è

    • News24

    Pietro Grasso: «La rivolta etica che serve all'Italia»

    La fila è di quelle riservate a Luciana Littizzetto o Checco Zalone, un serpente di persone che parte dall'ingresso della Sala Rossa (una delle più grandi) e arriva fuori al Lingotto. E non crediamo sia solo per la presenza di Pif, accanto al presidente del Senato Pietro Grasso e al giornalista

    – di Eliana Di Caro

    • News24

    Il Salone del Libro di Torino va «oltre confine»

    Si apre oggi e va avanti fino a lunedì la XXX edizione del Salone del Libro di Torino, la prima affidata alla direzione editoriale di Nicola Lagioia e la prima immediatamente successiva alla esordiente fiera milanese Tempo di libri. A giudicare dai numeri, e dal programma, "Oltre confine" (questo

    – di Eliana Di Caro

    • News24

    Nel 2016 sanzionati 574 ecoreati grazie alla nuova legge

    La legge sugli ecoreati ha consentito di sequestrare 133 beni per circa 15 milioni di euro e di sanzionare 574 reati - più di uno e mezzo al giorno - di cui 173 hanno riguardato specificamente i nuovi delitti (30% del totale). A dare i risultati dell'applicazione della legge sugli ecoreati a due

    – di Marco Libelli

    • News24

    Sommerso dalla zona grigia

    Brandelli di un diario scritto soltanto ora. Conobbi Falcone un pomeriggio d'autunno del 1979 in una stanzina che gli faceva da ufficio al pianterreno del Palazzo di Giustizia di Palermo, intimidente e avvelenato da sempre. Sostituto procuratore per 15 anni a Trapani, era arrivato alla fine

    – di Corrado Stajano

1-10 di 854 risultati