Persone

Pietro Grasso

Pietro Grasso è nato il 1° gennaio del 1945 a Licata (AG) ed è un magistrato e politico italiano, attualmente Presidente del Senato della Repubblica.

Come dichiarato in diverse interviste, ha manifestato, fin da ragazzo, la volontà di intraprendere la carriera di magistrato.

Dopo aver conseguito il diploma di maturità classica presso il Liceo Statale Giovanni Meli di Palermo, si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza, presso l'Università degli Studi di Palermo, dove si laurea nel 1966.

Il 1969 entra in magistratura con la qualifica di pretore di Barrafranca (paese in provincia di Enna) nel 1972 si trasferisce a Palermo dove, il 6 gennaio del 1980, gli viene affidata l'inchiesta sull'omicidio del Presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella.

Nel 1985 viene designato, dal Presidente del Tribunale di Palermo Francesco Romano, giudice a latere nel primo maxiprocesso a Cosa Nostra, tenutosi a Palermo tra il 10 febbraio 1986 ed il 10 dicembre 1987. In tale circostanza ebbe l'occasione di conoscere professionalmente e quindi collaborare con i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Il maxiprocesso, con imputati eccellenti quali Luciano Leggio, Pippo Calò, Michele Greco, Leoluca Bagarella, Salvatore Montalto e (giudicati in contumacia) i boss Salvatore Riina e Bernardo Provenzano, si è concluso dopo 35 giorni di camera di consiglio con l'irrogazione di 19 ergastoli e 2.665 anni di reclusione ed una sentenza, della cui stesura è stato delegato Pietro Grasso, di 7000 pagine.

Terminato il maxiprocesso, Grasso è stato nominato nel 1989 consulente della Commissione parlamentare Antimafia.

Nel 1991 è stato designato, dall'allora guardasigilli Claudio Martelli, consigliere alla Direzione affari penali del Ministero di Grazia e Giustizia.

Successivamente, lasciato l'incarico presso il Ministero, viene nominato procuratore aggiunto presso la Direzione nazionale antimafia (guidata da Pier Luigi Vigna), dove ha seguito e coordinato le inchieste sulle stragi del 1992 e del 1993.

Dalle confessioni di due eccellenti pentiti (Giovanni Brusca e Giacchino La Barbera) è emerso che nel 1992 la Commissione Provinciale di Cosa nostra avrebbe progettato un attentato contro Pietro Grasso, attentato che non sarebbe stato eseguito, come appreso dallo stesso Grasso nella confessione del pentito La Barbera, per motivi di ordine tecnico (la presenza, nelle vicinanze del luogo scelto per l'attentato, di un controllo elettronico di sicurezza che avrebbe interferito col telecomando dell'esposivo).

Nel 1999 ha assunto l'incarico di Procuratore della Repubblica di Palermo, nell'ottobre del 2005 è stato nominato procuratore nazionale antimafia.

Dopo aver presentato al CSM domanda di aspettativa per motivi elettorali, nel dicembre 2012 si dimette dalla magistratura e si candida, col Partito Democratico, all' elezioni politiche del 2013 per la carica di Senatore della Repubblica.

Diventato Senatore, il 16 marzo del 2013 viene eletto, contro il presidente uscente Renato Schifani (vinto al ballottaggio) nuovo Presidente del Senato della Repubblica italiana.

Tra il 14 gennaio ed il 3 febbraio 2015, con le dimissioni di Giorgio Napolitano, assume il ruolo di presidente supplente della Repubblica Italiana.

E' sposato dal 1970 ed è padre di un figlio, Maurilio, funzionario di Polizia.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Pietro Grasso
    • News24

    Pensioni, l'asse tra Cgil e sinistra in alternativa al Pd

    Se poi la formazione politica a sinistra del Pd dovesse essere guidata, come sembra, da un personaggio di peso come il presidente del Senato Pietro Grasso l'appello al voto utile rischia di non sortire l'effetto sperato, con un drenaggio di voti dalla coalizione di centrosinistra alla sinistra alternativa che avrebbe il solo effetto di perdere la partita con il centrodestra nei collegi uninominali.

    – di Emilia Patta

    • News24

    Pisapia apre al Pd: dialogo avviato

    In grado di competere ma anche di attrarre, è il ragionamento che si fa sia in casa Pd sia tra i pisapiani: Laura Boldrini e Pietro Grasso vorranno davvero seguire Mdp in una ridotta estrema o daranno una mano al centrosinistra come chiede Prodi?

    – Emilia Patta

    • News24

    Grasso: non abbassiamo la guardia. Maria Falcone: né gioia né perdono

    Porta con sé molti misteri che sarebbero stati fondamentali per trovare la verità su alleanze, trame di potere, complici interni ed esterni alla mafia, ma noi, tutti noi, non dobbiamo smettere di cercarla» ha affermato il presidente del Senato, Pietro Grasso (ex procuratore nazionale antimafia) in un post pubblicato su Facebook.

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Un'alleanza ipotetica di 14 sigle: così torna l'incubo Unione

    Utopia o incubo? E' ancora presto per dire quali risultati porterà la ritrovata voglia di unità di Matteo Renzi. Certo è che se l'obiettivo di una coalizione «la più vasta possibile» dovesse andare in porto ci sarebbe quasi da preoccuparsi: l'elenco di movimenti e partiti che Piero Fassino e Lorenzo

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Pd, Fassino sente D'Alema: da Mdp nuovo «niet» ad alleanza

    Nel suo giro di "consultazioni", oggi Fassino ha incontrato il presidente del Senato Pietro Grasso e la presidente della Camera Laura Boldrini e ha avviato colloqui con Idv, Psi, Democrazia solidale.

    – di Alessia Tripodi

    • News24

    Renzi «apre» ma non convince Mdp

    Da quelle parti per la verità non spira aria di riconciliazione («le chiacchiere stanno a zero», è stato a caldo il commento di Bersani, ormai intento a costruire la sinistra alternativa sotto la leadership di Pietro Grasso), eppure tutti nel Pd pensano che la porta vada tenuta aperta.

    – Emilia Patta

    • News24

    Il Pd «costretto» alla vocazione maggioritaria

    Mentre la riunione di domenica ha assistito alla nascita dell'ennesimo potenziale leader della costituenda sinistra alternativa, dal momento che la presidente della Camera Laura Boldrini - seguendo in questo il collega del Senato Pietro Grasso - si è voluta distinguere da Pisapia dicendo chiaro e tondo, tra gli applausi, che «non ci sono le condizioni per un'alleanza con il Pd».

    – di Emilia Patta

    • News24

    Renzi e Alfano «uniti» dal rebus alleanze

    Anzi l'attesa investitura del presidente del Senato Pietro Grasso il 2 dicembre a leader di quella sinistra oggi divisa in mini tronconi (da Mdp di Bersani al Campo progressista di Pisapia a Si) allontana le possibilità di un'alleanza anche con una parte di questo schieramento.

    – Barbara Fiammeri

1-10 di 971 risultati