Persone

Pierre Moscovici

Pierre Moscovici, (Parigi, 16 settembre 1957) è un politico francese, da novembre 2014 eletto commissario europeo agli Affari economici e finanziari.

Figlio dello psicologo e sociologo Serge, Pierre Moscovici, dopo la laurea in economia e filosofia al Science Po e studi all’ENA (la famosa Ecole Nationale d'Administration) si iscrive al partito socialista francese nel 1984.

Eurodeputato dal 1994 ed è stato ministro per gli Affari europei 1997-2002. Sostenitore di Domi­nique Strauss-Kahn alle primarie socialiste del 2007, nel 2012 diventa l’organizzatore della campagna per le presidenziali di Francois Hollande e poi fino al 1 marzo 2014 ricopre la carica di ministro delle Finanze e dell'Economia del governo Ayrault. Su proposta di Hollande ma con veto contrario dei tedeschi il primo novembre del 2014 diventa commissario europeo agli Affari economici e finanziari nella commissione di Jean Cluade Juncker. Appena eletto è stato definito dagli addetti ai lavori come “ la fetta di prosciutto francese all'interno di un panino tedesco”.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Pierre Moscovici
    • News24

    Nella partita sul Governo resiste il Def «europeista»

    Ancora una volta "europei". Sono i tratti somatici che sembra proprio destinato ad avere il prossimo Documento di economia e finanza. Dalla partita che si sta giocando tra le forze politiche per aprire la strada alla nascita di una maggioranza parlamentare, e consentire al Capo dello Stato di

    – di Marco Rogari

    • News24

    L'ambiguità sul deficit sotto il 3%

    Il problema è solo in parte il deficit, tanto più se si continua ad agitare il feticcio del 3% dicendo che si starà sotto. I dati di riferimento, se si vuole rispettare il percorso concordato con Bruxelles, sono altri: l'1,6% di quest'anno anno e lo 0,9% previsto per il prossimo. Se si vuole

    – di Dino Pesole

    • News24

    Moscovici: l'Italia segua politiche di bilancio responsabili

    La premessa, ripetuta più e più volte, è di non voler interferire con le questioni interne di uno Stato membro. Né di chiedere azioni impopolari. «Ma in Italia la questione della debolezza della competitività è una sfida che deve essere affrontata con riforme, il livello del debito è elevato e per

    – di Nicola Barone

    • News24

    Ue: subito una web tax del 3% sul fatturato delle imprese digitali

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTEBRUXELLES - Dinanzi alle difficoltà di trovare un accordo a livello internazionale, come ha dimostrato il recente incontro del G-20 a Buenos Aires, la Commissione europea ha presentato oggi qui a Bruxelles nuove soluzioni per affrontare l'annosa questione della tassazione

    – di Beda Romano

    • News24

    Big tech nel mirino di Bruxelles: web tax europea fino al 5% del fatturato

    La Commissione europea presenterà la settimana prossima una attesa proposta legislativa con la quale imporre una corretta ed equa tassazione alle imprese digitali. L'iniziativa giunge sulla scia di una richiesta dei Paesi membri in settembre. A tutta prima potrebbe sembrare impopolare presso le

    – di Beda Romano

    • News24

    Bruxelles: ecco i 7 Paesi Ue che mettono a rischio l'equità fiscale

    BRUXELLES - Per la prima volta, la Commissione europea ha effettuato una analisi dei diversi sistemi fiscali nazionali dell'Unione. Secondo l'esecutivo comunitario, sette paesi membri "mettono a rischio l'equità" nel mercato interno. Pubblicando oggi attesi rapporti-paese, come avviene ogni anno,

    – di Beda Romano

    • News24

    Sull'incognita manovra-bis pesano il voto e l'output gap

    Ora che il 2017 sta per essere archiviato con una crescita media dell'1,4% (l'Istat comunicherà il dato definitivo il 1° marzo), l'imminente trattativa con Bruxelles sulla possibile manovra bis in arrivo tra maggio e giugno si sposta tutta su tre fattori: il cosiddetto output gap, che misura lo

    – di Dino Pesole

    • News24

    Atene colloca titoli per 3 miliardi

    La Grecia prepara il suo rientro sui mercati con un'emissione obbligazionaria di successo. Ieri Atene ha lanciato tramite un pool di banche un nuovo bond a sette anni - il primo dal 2010 - con l'obiettivo di raccogliere tre miliardi a un rendimento del 3,75%; nel pomeriggio il rendimento finale era

    • Info Data

    L'Ue rivede il Pil italiano. Le nuove stime di crescita

    La Commissione europea ha confermato ieri nelle sue ultime previsioni economiche che la ripresa nella zona euro è "robusta", tanto che dovrebbe confermarsi sia nel 2018 che nel 2019. Nel contempo, però, non ha potuto esimersi dal mettere in guardia per via della volatilità finanziaria di questi giorni. L'Italia rimane al traino, rispetto agli altri paesi dell'unione monetaria, ultima in classifica. Al paese in campagna elettorale Bruxelles ha esortato di continuare il consolidamento di bilanci...

    – Infodata

1-10 di 649 risultati