Persone

Piero Fassino

Piero Fassino è nato il 7 ottobre del 1949 ad Avigliana (TO), in Val di Susa ma la sua città d’elezione è Torino, dove è stato sindaco dal 16 maggio del 2011 al 19 giugno del 2016.

È un politico per vocazione: laurea in scienze politiche, figlio d’arte, il suo impegno civile inizia a quindici anni.

Nel 1975 è stato eletto nel Consiglio comunale e nell’80 in quello provinciale, sempre a Torino.

Nel 1987 Achille Occhetto, coordinatore nazionale del Pc, l’ha chiamato a guidare la difficile transizione dal Pci al Pds (Partito democratico della sinistra) fino all’ingresso nell’Internazionale Socialista.

Eletto per la prima volta alla Camera dei Deputati nel 1994, è stato riconfermato in altre quattro legislature.

È stato ministro del Commercio estero nel governo D’Alema e ministro della Giustizia in quello Amato.

Il quinquennio che va dal 2002 al 2006 lo ha visto protagonista nell’Ulivo e vincente in tutte le elezioni amministrative, regionali, europee e politiche.

Poco dopo, nel ruolo di ultimo segretario nazionale dei DS (ex PDS), svolge una parte fondamentale nella fusione con la Margherita e conseguente fondazione del Pd (Partito democratico).

Fra il 2007 e il 2010 ha dedicato una parte significativa della sua attività politica ai rapporti con l’estero, assumendo il ruolo di ministro degli Esteri del governo ombra dell’opposizione e diventando, nel 2009, inviato speciale in Birmania per l’Unione Europea.

E' stato insignito dell'onorificienza di Commendatore della legion d'onore (19 dicembre 2013).

Eletto sindaco del comune di Torino nel 2011, dall'8 aprile del 2014 al 19 giugno del 2016 ha assunto la carica, di nuova istituzione, di sindaco metropolitano di Torino.

Ricandidatosi alla carica di sindaco di Torino nelle elezioni del 5 giugno 2016, ha superato il primo turno col 41,8 % dei voti.

Il 19 giugno del 2016 ha ottenuto al ballottaggio il 45,4% dei voti, risultando battuto dalla candidata del Movimento 5 Stelle Chiara Appendino, nuovo sindaco di Bologna.

Ultimo aggiornamento 23 giugno 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Elezioni | Sindaco | Torino | Achille Occhetto | DS | PDS | Chiara Appendino | Internazionale Socialista | Legione d'onore | PCI | Piero Fassino | La Margherita | L'Ulivo | Camera dei deputati |

Ultime notizie su Piero Fassino
    • News24

    Direzione Pd, sì alla relazione Martina: «Con M5S capitolo chiuso»

    In apertura della Direzione nazionale dem, convocata al Nazareno a Roma, il segretario reggente Maurizio Martina liquida come un «capitolo ormai chiuso» il diaologo con i 5 Stelle, così come è impossibile per i dem «un governo a trazione leghista», due fronti politici superati «dal rischio di un

    – di Vittorio Nuti

    • News24

    Un Pd spaccato che non aiuta Mattarella nelle sue scelte

    L'attesa direzione del Pd di oggi finirà per rimandare la vera resa dei conti all'assemblea, che probabilmente sarà convocata entro maggio, per imboccare la strada che il partito seguirà per scegliere il successore del segretario dimissionario Matteo Renzi: o far eleggere il nuovo leader

    – di Emilia Patta

    • News24

    Renzi chiude al M5S: chi ha perso non può andare al governo. Ma rilancia patto su riforme

    «Siamo seri, chi ha perso non può andare al governo. Il 4 marzo non è stato uno scherzo. Ora tocca a loro governare. Non possiamo rientrare dalla finestra con un gioco di palazzo». L'ex segretario del Pd Matteo Renzi, intervenendo a Che tempo che fa, la trasmissione di Fabio Fazio su Rai 1, chiude

    – di Riccardo Ferrazza e Andrea Marini

    • News24

    Governo, Fico vede di nuovo delegazioni Pd e M5s

    Le consultazioni del presidente della Camera Roberto Fico riprenderanno domani nel Salottino del Presidente. Alle 11 è fissato l'incontro con la delegazione del Pd, alle 13 con quella del M5S. Occhi puntati dunque all'esito della trattativa con i dem. Da un lato le aperture a "vedere le carte" del

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    La trattativa Pd-M5s parte senza Renzi, che non esclude la scissione

    Da una parte l'apertura del segretario reggente del Pd Maurizio Martina, dall'altra la chiusura del forno con la Lega da parte del leader del M5s Luigi Di Maio. Un uno-due che apre di fatto il tavolo della trattativa tra democratici e pentastellati nonostante resti, forte e chiaro, il no dell'ex

    – di Emilia Patta

    • News24

    M5S e Lega dall'arte di insultare il Pd agli appelli per formare un governo

    «Noi siamo pronti al dialogo con tutti, ma dovete venire a parlare con noi altrimenti è difficile che questa legislatura parta», dice uno. «C'è una tradizione di Sinistra che non vota o che guarda alla Lega e cercheremo di raccogliere queste forze», rilancia l'altro. Il primo è Luigi Di Maio,

    – di Francesco Prisco

1-10 di 1110 risultati