Le nostre Firme

Philip Stephens

Philip Stephens è editorialista e associate editor del Financial Times.

Ultimo aggiornamento 27 marzo 2017

Ultimi articoli di Philip Stephens

    Iran e Kim. Come l'«Io fragile» di Trump può portare a una guerra

    Torna la tensione Usa-Nord Corea. Il leader Kim Jong Un è a «mesi di distanza dallo sviluppare le capacità di colpire l'America con un missile balistico armato di testata nucleare». Lo dice il direttore della Cia, Mike Pompeo. Quando affrontano la questione nordcoreana, gli Stati Uniti devono

    – di Philip Stephens

    Corea, Iran e Kim. Come l'«Io fragile» di Trump può portare a una guerra

    Torna la tensione Usa-Nord Corea. Il leader Kim Jong Un è a «mesi di distanza dallo sviluppare le capacità di colpire l'America con un missile balistico armato di testata nucleare». Lo dice il direttore della Cia, Mike Pompeo. Quando affrontano la questione nordcoreana, gli Stati Uniti devono

    – di Philip Stephens

    Da Brexit alla Catalogna. L'illusione che il voto popolare risolva tutto

    La maggior parte delle nazioni di oggi è nata dalla dissoluzione di imperi. I nazionalismi minacciano adesso la dissoluzione degli Stati. Il movimento per l'indipendenza in Catalogna rappresenta lo scontro fra ciò che sembra una ragionevole richiesta di autodeterminazione nazionale e la sovranità

    – di Philip Stephens

    Trump fa il gioco di Putin nel mettere in crisi l'ordine globale

    Donald Trump può essere frenato in quello che fa, ma non sempre in quello che dice. Cambiare la testa del presidente, infatti, è tutt'altra cosa. Un esponente di lungo corso dell'amministrazione Usa descrive così la lotta sulla direzione della politica estera americana tra lo stesso Trump e gli

    – di Philip Stephens

    Il filo che lega Macron e Trump

    Ci sono politici e leader che possono far cambiare il tempo. La Quinta Repubblica francese ne ha visti di tutti i colori. Eleggendo Emmanuel Macron, ha scelto come presidente un mago della pioggia.A questo punto è quasi d'obbligo un elenco delle perplessità. La Francia è un Paese profondamente

    – di Philip Stephens

    La May anni 50 e Corbyn anni 70: un'elezione che guarda al passato

    Ogni generazione lascia il posto alla successiva. La Gran Bretagna, però, ha sovvertito l'ordine naturale delle cose: i Giovani Turchi del governo di David Cameron sono stati detronizzati dagli adulti con i capelli brizzolati dell'amministrazione di Theresa May. Quando vinse le elezioni per la

    – di Philip Stephens

    Brexit, adesso l'Europa controlla tutte le carte

    Fino a questa settimana, Brexit era una faccenda della Gran Bretagna. Ora è una questione dell'Europa. Una discussione in gran parte concentrata su quale tipo di accordo il Regno Unito vorrebbe conseguire per la sua dipartita dall'Unione è diventata un dibattito su che cosa i 27 membri dell'Unione

    – di Philip Stephens

    Nato per perdere: così Corbyn il rosso ha favorito la «hard Brexit»

    I partiti di opposizione contano solo in quanto rivendicano una quota di potere. Il bello e il cattivo tempo sono determinati da coloro che esercitano il potere o da quelli che hanno una ragionevole aspettativa di conquistarlo. Altrimenti, opposizione è sinonimo di irrilevanza.

    – di Philip Stephens

    Donald Trump e l'attrazione fatale per Vladimir Putin

    Donald Trump pensava di poter fare quel che voleva alla Casa Bianca. E' toccato alla nona Corte federale di Seattle fissare dei limiti all'autorità del presidente ribaltando un ordine esecutivo che vietava l'ingresso agli immigrati di sette Paesi a maggioranza musulmana. Ora le dimissioni del

    – di Philip Stephens

1-10 di 21 risultati