Aziende

Pepsi

PepsiCo Incorporated è un grande conglomerato con interessi nell’imbottigliamento, nell'introduzione sul mercato e nella vendita di un'ampia varietà di bevande gassate e non, così come di spuntini e di altri alimenti. Oltre alla Pepsi-Cola (marchio che commercializza anche Sierra Mist, Slice, SoBe, Ocean Spray, Montain Dew, Aquafina, Tazo, No Fear, Mug Root Beer e partnership con Starbuck e Lipton), il gruppo controlla i brand Frito-lay, Gatorade e Tropicana.

La capogruppo PepsiCo Incorporated controlla le affiliate: PepsiCo Americas Beverages, PepsiCo Americas Foods, PepsiCo Europe, PepsiCo Middle East e Africa. La compagnia è nata nel 1898 con il nome di Pepsi Cola Company ed è diventata PepsiCo nel 1965, dopo la fusione con Frito-Lay. Fino al 1997, è stata anche proprietaria di Kfc, Pizza Hut e Taco Bell. Successivamente, nel 1998 PepsiCo Incorporated ha rilevato Tropicana e tre anni più tardi Quaker Oats.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Pepsi
    • News24

    Cento supermanager alla corte di Macron per investire in Francia

    «Scegliete la Francia». O meglio, con una scelta linguistica inconsueta a Parigi, «Choose France!». Domani, nella reggia di Versailles, il governo francese prima, e poi il presidente Emmanuel Macron incontreranno più di cento manager delle grandi multinazionali globali. Un incontro organizzato

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Basket, Nba: lo show di Curry lancia gli Warriors, Cleveland ko

    Un rientro con il botto per Steph Curry. Dopo oltre un mese di assenza, la stella dei Golden State Warriors torna a prendersi la scena grazie ad una prova superlativa nella vittoria per 128-141 contro i Memphis Grizzlies. Il numero 30 festeggia mettendo a segno 38 punti e realizzando 10

    – a cura di Datasport

    • Agora

    Milan, ecco le carte presentate da Mr Li sul suo patrimonio

    Il New York Times ha ottenuto un grande clamore dall'articolo su Yonghong Li. Ma ad aprile di quest'anno, al momento del closing, Il Sole 24 Ore aveva già anticipato patrimonio e ricchezza dell'imprenditore cinese facendone emergere le incertezze. Tuttavia Mr Li ha un patrimonio, non ingentissimo, ma pur sempre di qualche centinaio di milioni. Insomma, almeno in questo, il New York Times sembra aver fatto qualche errore di stima. Ecco un passaggio del libro Berlusclosing uscito nell'aprile di q...

    – Carlo Festa

    • News24

    Ecco il primo Etf che investe sulle «quote rosa»

    Il codice con cui trovarlo sui mercati è, non a caso, è "SHE". Lo SSGA Gender Diversity Index è un Etf lanciato circa un anno e mezzo fa negli Stati Uniti da State Street, uno dei grandi operatori del settore con i suoi 2,5 trilioni di dollari di asset in gestione. La particolarità è che è il primo

    – di Enrico Marro

    • News24

    Borsa: quelle azioni «aristocratiche» che battono sempre gli indici

    Si chiama "S&P 500 Dividend Aristocrat" ed è un indice creato nel maggio del 2005 da Standard and Poor's. Anzi, più che un indice è un club molto nobile ed esclusivo. Per riuscire a entrarci, sono necessari tre requisiti non da poco: fare parte dell'indice S&P500, avere una capitalizzazione minima

    – di Enrico Marro

    • Agora

    Fuga dalle bevande gassate: Coca-Cola si rifà con i prodotti senza zucchero

    Estate bollente bevande fredde. Almeno per cole e aranciate gassate, che continuano, come in passato, a perdere volumi. Coca-Cola Hbc Italia chiude però un 2016 molto ricco anche se con volumi che calano di circa il 3%. L'anno scorso Coca-Cola Hbc (imbottiglia e distribuisce i prodotti di Coca-Cola company e delle acque Lilia e Sveva, Sicilia esclusa, e dei succhi Amita) ha chiuso il bilancio con ricavi in calo da 948,5 milioni a 920, un Mol in crescita da 114,5 milioni a 121,5 e un utile netto...

    – Emanuele Scarci

    • Agora

    Etichette a semafori: Scordamaglia, ok a trasparenza e regole europee ma niente inganni

    Braccio di ferro tra industria alimentare italiana e le sei multinazionali (Coca-Cola Company, Pepsi, Nestlé, Unilever, Mars e Mondelez) che hanno chiesto a Bruxelles un'operazione trasparenza con il ricorso alle etichette a semafori, adottate in Gran Bretagna e richieste dal governo francese. E regole valide in tutta l'area Ue. Il presidente di Federalimentare Luigi Scordamaglia si è detto d'accordo "sulla totale trasparenza e sulle regole uniche europee, ma che non devono essere però tricky e...

    – Emanuele Scarci

    • News24

    Segnali di ripresa per i consumi in Italia

    Cambio di marcia nelle vendite della grande distribuzione. Nel quadrimestre gennaio-aprile 2017 le vendite a valore hanno fatto registrare una crescita media annua del 2,1%. La risultante di una forte accelerazione dell'alimentare, +3,4%, e di una frenata del non food, -2,5%. Insomma l'alimentare

    – di Emanuele Scarci

    • Agora

    Etichette a semafori: Novikov (Coca-Cola Hbc) e Wencel (Nestlé), servono trasparenza e regole europee

    Etichette alimentari a semafori sì o no? Fermo no da parte dell'industria e del Governo italiano; sì deciso da parte dei country manager italiani che fanno capo alle sei multinazionali (Coca-Cola Company, Pepsi, Nestlé, Unilever, Mars e Mondelez) che hanno chiesto a Bruxelles di adottare i semafori. Nonostante il rischio concreto che i semafori rossi scattino anche per alcuni prodotti realizzati dalle sei multinazionali nel nostro Paese. Secondo Vitaliy Novikov, general manager di Coca-Cola Hbc...

    – Emanuele Scarci

    • News24

    I giovani ridisegnano il food

    Bai Brands è stata fondata nel 2009, a Princeton, con l'obiettivo di produrre bibite ricche di antiossidanti e a basso contenuto calorico. Un sogno impossibile, negli Stati Uniti dominati da Coca Cola e Pepsi? Non proprio: sette anni dopo, nell'ottobre 2016, è stata acquisita per 1,7 miliardi di

    – di Alberto Magnani

1-10 di 271 risultati