Persone

Peppino Impastato

Giuseppe Impastato, meglio noto come Peppino è nato il 5 gennaio del 1948 a Cinisi (PA) ed è deceduto, sempre a Cinisi, il 9 maggio 1978, famoso per le sue battaglie contro cosa nostra, in seguito alle quali fu assassinato la notte dell'8 maggio del 1978 è stato un giornalista, attivista e poeta italiano.

Nato da una famiglia vicina a cosa nostra, il padre aveva diversi parenti mafiosi ed era cognato del capomafia Cesare Mazzella ucciso in un attentato di mafia nel 1963, Peppino ruppe fin da giovanissimo i rapporti col padre.

In seguito al suo attivismo antimafioso, condotto prima col giornalino "L'idea socialista", poi con la costituzione del gruppo "Musica e cultura" ed infine con la fondazione di "Radio Aut, radio libera", viene cacciato di casa dal padre, che così facendo vuole pubblicamente prendere le distanze dalle sue battaglie contro la mafia.

Con "Radio Aut, radio libera" ed in partcolare col programma satirico "Onda pazza", conduce un'intensa attività di ridicolizzazione sugli intrecci e sulle attività politico-mafiose locali, riuscendo a sbeffeggiiare personaggi di primo piano, della malavita organizzata, come Gaetano Badalamenti, per il quale Peppino escogita l'appellativo di «Tano Seduto».

Nel 1978 decide di candidarsi alle ammnistrative del comune di Cinisi nelle liste di Democrazia Proletaria, ma viene ucciso in piena campagna elettorale nella notta tra l'8 ed il 9 maggio del 1978.

Il cadavere di Peppino venne trovato dilaniato lungo i binari della linea ferroviaria Palermo - Trapani la mattina del 9 maggio del 1978. In un primo momento gli inquirenti ritennerò che Impastato fosse morto nel tentativo di piazzare un ordigno lungo la linea ferroviaria, ma il fortissimo impegno del fratello Giovanni e della madre Felicia Bartolotta, convinti del fatto che si trattasse di un tentativo di depistaggio degli assassini che così facendo avrebbero voluto uccidere Peppino due volte, consentiro di giungere, dopo diversi anni, alla matrice mafiosa dell'assasinio ed all'inviduazione degli autori materiali e del mandante.

Per l'omicidio di Peppino il 5 marzo del 2001 la Corte d'assise ha riconosciuto Vito Palazzolo, quale autore materiale, colpevole, condannandolo a trent'anni di reclusione, mentre l'11 aprile del 2002 Gaetano Badalamenti, quale mandante, è stato condannato all'ergastolo, morendo in carcere, per un arresto cardiaco, il 29 aprile del 2004.

La figura di Peppino Impastato è stata innalzata a pieno titolo e legittimamemte alla qualità di paladino per eccellenza della lotta alla mafia, alla sua memoria sono state dedicate numerose iniziative e rappresentazioni teatrali, musicali e cinematografiche.

Indimenticabile è il film del 2000 di Marco Tullio Giordana "I cento passi", con la magistrale interpretazione di Luigi Lo Cascio nel ruolo di Impastato.

In occasione del 38° anniversario dall'assasinio di Peppino Impastato, il 9 maggio del 2016 è stata organizzata a Cinisi (PA) una grande manifestazione commemorativa.

Il 10 maggio è andato in onda su Rai 1, in prima serata, il film "Felicia Impastato", dedicato all'eroismo di Felicia, madre di Peppino, scomparsa nel 2004.

Ultimo aggiornamento 11 maggio 2016

Ultime notizie su Peppino Impastato
    • Agora

    Esce il libro "Il Mutamento: le mafie hanno davvero cambiato pelle?"

    Ha ragione il vicequestore Daniele Manganaro quando dice che bisogna andare sui Nebrodi per comprendere il mutamento della mafia. E ha ragione perché lì, sui Nebrodi, grazie alla manna dei fondi pubblici destinati all'agricoltura la mafia è diventata sempre più sfuggente e per di più sempre più integrata nei sistemi tutelati dai colletti bianchi. E' un caso da studiare e approfondire perché spesso i cittadini, in buona fede, rispondono: ma questa che mafia è? Certo questa non è una novità e dimo...

    – Nino Amadore

    • News24

    Strage di Capaci, errori e veleni affossano la rivolta delle coscienze

    Il 3 aprile 2017 un lungo lancio dell'agenzia di stampa Ansa batte questa notizia: «Si è concluso con 11 assoluzioni e cinque condanne il processo, celebrato in abbreviato dal gup Omar Modica, nei confronti di capimafia, gregari ed estortori dei clan mafiosi di Bagheria, Villabate, Ficarazzi,

    – di Roberto Galullo

    • NovaCento

    LO CHIAMARONO ATLAS UFO ROBOT (aggiornato al 1° dicembre)

    1978: tre pontefici, la legge Basaglia, la legge 194, Pertini Presidente, l'uccisione di Peppino Impastato, i mondiali di calcio nell'Argentina del dittatore Videla, l'uscita in edicola de "il Male", l'uccisione di Aldo Moro e della sua scorta e tante altre cose ancora in un anno bello, inquietante, divertente, terribile. C'è così poco tempo per scrivere i post (e, in verità, per fare qualsiasi altra cosa) che anche le iniziative in cui sono coinvolto vengono pubblicizzate in ritardo. Mi scus...

    – Luca Boschi

    • News24

    La «bellezza» come motore della crescita

    «Bella», «bellezza», «cultura» sono le parole nuove, e ricorrenti, che Vincenzo Boccia ha usato - introdotto da un filmato sulla creatività, le competenze e il patrimonio artistico e industriale italiani - nel suo discorso d'insediamento al vertice di Confindustria. Aggiungiamo le citazioni di un

    – Guido Gentili

    • Agora

    Cinisi, 9 maggio 1978

    Un luogo e una data per ricordare chi ha avuto il coraggio di percorrere cento passi. Grazie Peppino  Peppino Impastato

    – Vitaliano D'Angerio

    • Agora

    La mafia fa schifo (cit. Gratteri) è montagna di merda (cit. Impastato) ma ha vinto (cit. Lodato) e sta diventando "Casa Nostra"

    La mafia ha vinto è il titolo di un libro di Saverio Lodato del 1999.  Un'intervista con Tommaso Buscetta, pentito di Cosa nostra, tra i pochissimi a dare un contributo vero e dall'interno dell'associazione mafiosa per disarticolare la stessa. Missione compiuta per una minima quota parte, impossibile per il "tutto", dal momento che non solo le mafie sono in grado di autoriprodursi sempre più forti e immuni agli "antibiotici" di Stato ma sono capaci di evolversi come straordinari Pokemon crimina...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Raffaele Cantone sulle mafie: "Abbiamo bisogno di una battaglia culturale". E la Rai che fa?

    Scusate se torno sulle mafie. Ma Riina junior in tv (unico merito) ha riportato d'attualità quella che Raffaele Cantone, presidente dell'authority anticorruzione, definisce "battaglia culturale.. Ecco quanto Cantone ha dichiarato stamane, 11 aprile, in una scuola di Afragola (provincia di Napoli): "Bisogna fare una lotta contro l'oppressore di oggi che è la camorra". E ancora: "Dobbiamo fare una resistenza quotidiana - ha aggiunto Cantone, presentando il libro sul partigiano Armando Izzo - a...

    – Vitaliano D'Angerio

    • News24

    Impastato, la memoria e il presente anche nelle parole del pm Di Matteo

    Conciliare passato e innovazione creando nuove occasioni di sviluppo per i giovani basate sull'autoproduzione e l'eco sostenibilità. E' uno degli obiettivi del progetto "La memoria e il presente" promosso da "Casa memoria Felicia e Peppino Impastato onlus" in collaborazione con l'associazione

    – Roberto Galullo

1-10 di 95 risultati