Persone

Peppino Impastato

Giuseppe Impastato, meglio noto come Peppino è nato il 5 gennaio del 1948 a Cinisi (PA) ed è deceduto, sempre a Cinisi, il 9 maggio 1978, famoso per le sue battaglie contro cosa nostra, in seguito alle quali fu assassinato la notte dell'8 maggio del 1978 è stato un giornalista, attivista e poeta italiano.

Nato da una famiglia vicina a cosa nostra, il padre aveva diversi parenti mafiosi ed era cognato del capomafia Cesare Mazzella ucciso in un attentato di mafia nel 1963, Peppino ruppe fin da giovanissimo i rapporti col padre.

In seguito al suo attivismo antimafioso, condotto prima col giornalino "L'idea socialista", poi con la costituzione del gruppo "Musica e cultura" ed infine con la fondazione di "Radio Aut, radio libera", viene cacciato di casa dal padre, che così facendo vuole pubblicamente prendere le distanze dalle sue battaglie contro la mafia.

Con "Radio Aut, radio libera" ed in partcolare col programma satirico "Onda pazza", conduce un'intensa attività di ridicolizzazione sugli intrecci e sulle attività politico-mafiose locali, riuscendo a sbeffeggiiare personaggi di primo piano, della malavita organizzata, come Gaetano Badalamenti, per il quale Peppino escogita l'appellativo di «Tano Seduto».

Nel 1978 decide di candidarsi alle ammnistrative del comune di Cinisi nelle liste di Democrazia Proletaria, ma viene ucciso in piena campagna elettorale nella notta tra l'8 ed il 9 maggio del 1978.

Il cadavere di Peppino venne trovato dilaniato lungo i binari della linea ferroviaria Palermo - Trapani la mattina del 9 maggio del 1978. In un primo momento gli inquirenti ritennerò che Impastato fosse morto nel tentativo di piazzare un ordigno lungo la linea ferroviaria, ma il fortissimo impegno del fratello Giovanni e della madre Felicia Bartolotta, convinti del fatto che si trattasse di un tentativo di depistaggio degli assassini che così facendo avrebbero voluto uccidere Peppino due volte, consentiro di giungere, dopo diversi anni, alla matrice mafiosa dell'assasinio ed all'inviduazione degli autori materiali e del mandante.

Per l'omicidio di Peppino il 5 marzo del 2001 la Corte d'assise ha riconosciuto Vito Palazzolo, quale autore materiale, colpevole, condannandolo a trent'anni di reclusione, mentre l'11 aprile del 2002 Gaetano Badalamenti, quale mandante, è stato condannato all'ergastolo, morendo in carcere, per un arresto cardiaco, il 29 aprile del 2004.

La figura di Peppino Impastato è stata innalzata a pieno titolo e legittimamemte alla qualità di paladino per eccellenza della lotta alla mafia, alla sua memoria sono state dedicate numerose iniziative e rappresentazioni teatrali, musicali e cinematografiche.

Indimenticabile è il film del 2000 di Marco Tullio Giordana "I cento passi", con la magistrale interpretazione di Luigi Lo Cascio nel ruolo di Impastato.

In occasione del 38° anniversario dall'assasinio di Peppino Impastato, il 9 maggio del 2016 è stata organizzata a Cinisi (PA) una grande manifestazione commemorativa.

Il 10 maggio è andato in onda su Rai 1, in prima serata, il film "Felicia Impastato", dedicato all'eroismo di Felicia, madre di Peppino, scomparsa nel 2004.

Ultimo aggiornamento 11 maggio 2016

Ultime notizie su Peppino Impastato
    • News24

    Ritorna l'Antimafia, ecco i 50 anni di lavoro della Commissione

    Il caso Impastato Nelle precedenti legislature, l’Antimafia ha indagato sui principali fatti di cronaca, come l’omicidio di Peppino Impastato giornalista e attivista italiano, noto per le sue denunce contro Cosa Nostra, a seguito delle quali fu assassinato il 9 maggio 1978.

    – di Andrea Marini e Marta Paris

    • News24

    Mattarella: «Liberare il pensiero di Moro dalla prigione»

    A quarant'anni dal ritrovamento del corpo di Aldo Moro, la politica e le istituzioni hanno reso omaggio stamattina alla memoria dello statista democristiano a via Caetani, nel centro di Roma, lì dove il corpo fu ritrovato nel bagagliaio di una Renault 4. Aldo Moro, fra i fondatori della Democrazia

    – di Nicoletta Cottone

    • News24

    Peppino Impastato: oggi la sua "Radio aut" sarebbe web e social

    Fosse stato ancora vivo, Peppino Impastato sarebbe stato con molte probabilità un pioniere della comunicazione antimafia nel web con la stessa forza e la stessa lungimiranza con le quali, nel 1977, fece irruzione nel mondo dei media con "Radio aut". Dalle remote frequenze siciliane - fu tra le

    – di Roberto Galullo

    • NovaCento

    Dario, Addiopizzo Travel, il lavoro e la legalità

    Caro Diario, Dario Riccobono è un altro degli incontri ravvicinati di lavoro ben fatto che  bellissime connessioni che ho potuto costruire grazie a Join Maremma Online 2018. Lui era lì per raccontare Addiopizzo Travel, ma quelli come lui raccontano molto di più di quello che debbono raccontare, e come sai io quelli come lui non me li faccio scappare. Senti come ha cominciato: «Diecimila anime. Poco distante dall'aeroporto e alle porte di una città di grande interesse storico-artistico, Palermo. ...

    – Vincenzo Moretti

    • News24

    La città dei valori che ricorda Ambrosoli

    C'è un'apparente contraddizione dietro alla scelta di intitolare alla memoria del cardinale Carlo Maria Martini la nona edizione della Giornata della Virtù civile organizzata dall'associazione civile Giorgio Ambrosoli, in programma domani a Milano: una grande personalità religiosa per un'iniziativa

    – di Marco Ferrando

    • News24

    Sicilia, 4,6 milioni al voto per rinnovare il Parlamento regionale

    Cinque candidati alla presidenza della Regione siciliana, quasi un migliaio di aspiranti a una delle 70 poltrone del Parlamento siciliano come si chiama da queste parti l'Assemblea o consiglio regionale. E poi: quasi 4,6 milioni di aventi diritto al voto. Sono i numeri chiave di questa tornata

    – di Nino Amadore

    • News24

    Elezioni siciliane, ecco chi sono i cinque in corsa

    Sono rimasti, per ora, in cinque. Ma sono quattro i candidati alla presidenza della Regione siciliana i veri protagonisti della sfida. Tutti diversi tra loro, per cultura, formazione politica, provenienza professionale che fa di questa sfida tra politica e antipolitica, tra militanza decennale e

    – di Nino Amadore

    • Agora

    Esce il libro "Il Mutamento: le mafie hanno davvero cambiato pelle?"

    Ha ragione il vicequestore Daniele Manganaro quando dice che bisogna andare sui Nebrodi per comprendere il mutamento della mafia. E ha ragione perché lì, sui Nebrodi, grazie alla manna dei fondi pubblici destinati all'agricoltura la mafia è diventata sempre più sfuggente e per di più sempre più integrata nei sistemi tutelati dai colletti bianchi. E' un caso da studiare e approfondire perché spesso i cittadini, in buona fede, rispondono: ma questa che mafia è? Certo questa non è una novità e dimo...

    – Nino Amadore

    • News24

    Strage di Capaci, errori e veleni affossano la rivolta delle coscienze

    Il 3 aprile 2017 un lungo lancio dell'agenzia di stampa Ansa batte questa notizia: «Si è concluso con 11 assoluzioni e cinque condanne il processo, celebrato in abbreviato dal gup Omar Modica, nei confronti di capimafia, gregari ed estortori dei clan mafiosi di Bagheria, Villabate, Ficarazzi,

    – di Roberto Galullo

1-10 di 103 risultati