Persone

Peppino De Filippo

Peppino De Filippo è nato il 24 agosto del 1903 a Napoli ed è deceduto il 27 gennaio del 1980 a Roma, è stato un attore, comico e commediografo italiano.

Figlio naturale del commediografo Eduardo Scarpetta e di Luisa De Filippo, nonché fratello di Eduardo e Titina, è stato reso celebre dall'interpretazione di numerosi ed indimenticabili film in coppia con Totò (Antonio De Curtis).

Nel 1931 ha fondato, insieme ai fratelli Eduardo e Titina, la "Compagnia Teatro Umoristico: i De Filippo" con la quale ha riscosso fino al 1944, anno della sua uscita per dissidi col fratello Eduardo, grandi successi teatrali quali, tra gli altri:

— "Don Rafele 'o trumbone", (Commedia in un atto) (1931);

— "Miseria bella", (Farsa in un atto) (1931);

— "Quaranta ma non li dimostra", (Commedia in due parti in collaborazione con Titina De Filippo) (1933);

— "Non è vero... ma ci credo", (Commedia in tre atti) (1942).

Nel 1957 ha vinto il Nastro d'Argento quale miglior attore non protagonista, col film "Totò, Peppino e i fuorilegge".

Celebre nel mondo televisivo è il personaggio "Pappagone", inventato ed interpretato da Peppino, che fonde nella nuova figura scenica, due celebri maschere del teatro napoletano (Pulcinella e Felice Sciosciamocca).

Per il cinema ha interpretato, tra gli altri, molti successi quali:

— "Non ti pago!" (regia di Carlo Ludovico Bragaglia,1942);

— "Non è vero... ma ci credo" (1952);

— "Un giorno in pretura" (1954);

— "Totò, Peppino e la... malafemmina" (regia di Camillo Mastrocinque (1956);
— "Totò, Peppino e i fuorilegge", regia di Camillo Mastrocinque (1956);
— "Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo" (1956);
— "La banda degli onesti", regia di Camillo Mastrocinque (1956);
— "Peppino, le modelle e chella là" (1957);
— "La nonna Sabella" (1957);

— "Vacanze a Ischia" (1957);
— "Totò, Peppino e le fanatiche" (1958);

— "Tuppe tuppe, Marescià!" (1958);

— "Ferdinando I° re di Napoli" (1959);
— "Signori si nasce" (1960);
— "Letto a tre piazze" (1960);

— "Totò, Peppino e... la dolce vita" (1961);

— "Gli onorevoli" (1963);
— "Gli infermieri della mutua" (1969);
— "Ninì Tirabusciò, la donna che inventò la mossa" (1970);
— "Giallo napoletano" (1979).

E' stato insignito dell'onorificienza di Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (Roma, 2 giugno 1975).

Sposato tre volte, dalla sua prima moglie Adele Carloni ha avuto un figlio, Luigi (nato nel 1930) che continua a portare avanti con successo l'attività paterna.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Peppino De Filippo
    • NovaCento

    Raffaele, le foto e il lavoro

    Caro Diario, oggi ti racconto Raffaele Franzese, 22 anni, una laurea in arrivo in Autunno all'Accademia di Belle Arti di Napoli. Raffaele l'ho incontrato per la prima volta per genio e per caso, poco meno di un mese fa, a Poggiomarino, in occasione dell'inaugurazione della nuova sede della Cgil. Io venivo da Castel San Giorgio, dove avevo partecipato alla cerimonia in onore di Mastro Antonio Zambrano, che a 94 anni è diventato Cavaliere dell'Ordine "Al merito della Repubblica Italiana"; lui - ho...

    – Vincenzo Moretti

    • NovaCento

    Sentimenti, Gastronomia & Creatività

    Tra una cosa e l'altra, anche quest'anno è ormai arrivata la tragicomica ricorrenza di S. Valentino (14 febbraio). I soggetti di sesso maschile sanno bene che questa è una occasione nella quale bisogna produrre uno sforzo di creatività per fare bella figura con la partner. E di solito, tali soggetti non hanno la minima intenzione di produrre questo sforzo (smile). Annotiamo, dunque, alcune possibili idee per superare anche questa prova (smile). Per le coppie molto italo globali, c'è il World ...

    – Gabriele Caramellino

    • NovaCento

    Emanuele, Gianluca e Lives

    Emanuele Notarangelo, Gianluca Mingotto e Lives sono entrati nella mia vita grazie a un racconto che ha per protagonista Lelio Morra, un poeta imprenditore cantautore artista che avevo raccontato qui qualche tempo fa. E' che mentre io racconto con le parole, Emanuele e Gianluca lo fanno con le immagini e i suoni e così è successo che quando ho visto il loro video con le riprese effettuate all'Upcycle Bike Caffè di Milano, il contrabbasso di Bolla e la regia di Gianluca mi è piaciuto così tanto c...

    – Vincenzo Moretti

    • NovaCento

    I racconti di Fedele Menale

    Caro Diario, come sai il tempo passa per tutti, anche per i ragazzi come Fedele, che insomma adesso è un insegnante con abilitazione e concorso vinti e anche se non ha ancora una sede il suo rapporto con il lavoro e con la vita è diverso da quello che aveva prima. Sì, diverso, ma per fortuna come dice Morpheus a Niobe in Matrix Reloaded, «nella vita ci sono cose che cambiano e altre invece no» e a Fedele la voglia di raccontare il lavoro non è passata, e così quando l'altra sera mi ha scritto pe...

    – Vincenzo Moretti

    • News24

    La guerra culturale del cinema italiano

    Tra la fine del Secondo tragico Fantozzi (1976) e l'inizio di Fantozzi contro tutti (1980) si consuma uno dei grandi rivolgimenti della storia d'Italia. Certo,

    – di Guido Vitiello

    • News24

    L'Europa dei luoghi comuni / vista da?Italia

    Incuriosisce anche come Tsvetkov immagina che gli italiani vedano la cartina geografica. A partire dal proprio territorio con l'Etiopia che parte poco sotto

1-10 di 17 risultati