Le nostre Firme

Paul Krugman

Economista statunitense nato nel 1953 e vincitore del premio Nobel per l’Economia nel 2008, Paul Krugman attualmente è professore di Economia e di Relazioni Internazionali all’Università di Princeton, negli Usa, ed editorialista di un prestigioso quotidiano americano, il New York Times. Laureatosi all’Università di Yale, Paul Krugman ha insegnato proprio alla Yale, al Mit, all’Università di Berkeley, alla London School of Economics e all’Università di Stanford, prima di arrivare all’Università di Princeton nel 2000. Per un anno (tra il 1982 e il 1983) ha lavorato anche nel Consiglio dei consulenti economici della Casa Bianca, durante l’amministrazione Reagan. Famoso nel mondo accademico per i suoi studi riguardanti la teoria del commercio e per i suoi libri di testo sulle crisi valutarie e sull'economia internazionale, insieme a Maurice Obstfeld, Paul Krugman ha scritto il saggio “Economia internazionale: Teoria e Politica".

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Paul Krugman
    • News24

    Da Trump una leadership ignorante e impulsiva

    Una recente intervista su Trump al giornalista dell'Economist David Rennie, trasmessa da Public Radio International, mi ha messo i brividi. Parafrasando una vecchia frase di Brad DeLong, Trump è più ignorante e impulsivo di quello che potete immaginare, anche se partite dal presupposto che sia più

    – di Paul Krugman

    • News24

    Il filo rosso che lega Carli, Krugman e Draghi

    Paul Krugman ha definito la teoria delle manifatture complesse e internazionalizzate. ... Proprio nel 1991 Paul Krugman scrive "Geography and Trade", in cui analizza la costituzione di specializzazioni produttive in territori sempre più coesi, articolati ma non frastagliati. ... Non a caso, Boccia cita proprio Krugman: «La produttività non è tutto, ma nel lungo periodo è quasi tutto».

    – di Paolo Bricco

    • News24

    Gli elettori di Trump non ammettono (ancora) l'errore

    I giudizi sui primi 100 giorni sono arrivati, e sono pessimi. I trapianti di faccia della controriforma sanitaria continuano, il «piano» fiscale dell'amministrazione ha lo stesso livello di dettaglio dello scontrino di un supermercato, Trump ha calato le braghe sulle promesse di fare la voce grossa

    – di Paul Krugman

    • News24

    Nell'Europa di Macron non c'è più spazio per i deficit

    Il premio Nobel Joseph Stiglitz aveva argomentato che fosse possibile, nel suo libro sull'euro pubblicato l'anno scorso; ma poi ha vergognosamente ritrattato, sottoscrivendo il manifesto pro-Macron firmato da 25 premi Nobel, pubblicato su «Le Monde» il 18 aprile scorso, che si apre con la straordinaria diffida contro chiunque cerchi di utilizzare gli scritti dei firmatari contro l'euro (trasparente il riferimento proprio a Stiglitz e al suo collega Paul Krugman).

    – di Stefano Micossi

    • News24

    Mercato, moneta e istituzioni fanno la Ue

    Paul Krugman ha spiegato bene sulle colonne di questo giornale perché uscire per chi sta dentro produrrebbe conseguenze finanziarie devastanti (chiedere all'ex ministro greco Varoufakis per un'esperienza dal vivo).

    – di Stefano Micossi

    • News24

    Bisogna migliorare l'architettura della Ue

    Nell'articolo sul Sole 24 Ore del 20 aprile, Paul Krugman, un economista che peraltro ha più volte aspramente criticato l'Unione Monetaria, afferma che i «costi di transizione […] sarebbero enormi: la fuga di capitali su larga scala provocherebbe una crisi bancaria, bisognerebbe imporre controlli di capitali e chiudere le banche fino a nuovo ordine, il problema di come valutare i contratti creerebbe un pantano legale e si aprirebbe un lungo periodo di confusione e incertezza che seminerebbe...

    – di Lorenzo Codogno e Giampaolo Galli

    • News24

    Il peso dell'indentità nelle urne francesi

    Marine Le Pen sarà il prossimo Trump? Non ne ho idea. Ma è interessante osservare quanta poca somiglianza ci sia fra la situazione economica di fondo della Francia e quella degli Usa, cosa che fa sorgere dubbi sulla rilevanza dell'angoscia economica' come spiegazione dell'ascesa dei finti populisti.

    – di Paul Krugman

    • News24

    Il peso dell'indentità sul voto francese

    Marine Le Pen sarà il prossimo Trump? Non ne ho idea. Ma è interessante osservare quanta poca somiglianza ci sia fra la situazione economica di fondo della Francia e quella degli Usa, cosa che fa sorgere dubbi sulla rilevanza dell'angoscia economica' come spiegazione dell'ascesa dei finti populisti.

    – di Paul Krugman

    • News24

    Tutte le ambiguità della dottrina Trump

    «Sarebbe cambiato qualcosa se invece di Trump fosse stato eletto un repubblicano tradizionale?», si interroga Paul Krugman sul Sole 24 Ore.

    – di Alberto Negri

    • News24

    L'uscita dall'Unione non salverà la Francia

    Tra pochi giorni si concluderanno le elezioni presidenziali francesi e ci sono comprensibili timori che possa verificarsi un altro shock alla Trump. In particolare, le traversie dell'euro hanno intaccato la reputazione del progetto europeo (la lunga marcia verso la pace e la prosperità attraverso

    – di Paul Krugman

1-10 di 972 risultati