Le nostre Firme

Paul Krugman

Economista statunitense nato nel 1953 e vincitore del premio Nobel per l’Economia nel 2008, Paul Krugman attualmente è professore di Economia e di Relazioni Internazionali all’Università di Princeton, negli Usa, ed editorialista di un prestigioso quotidiano americano, il New York Times. Laureatosi all’Università di Yale, Paul Krugman ha insegnato proprio alla Yale, al Mit, all’Università di Berkeley, alla London School of Economics e all’Università di Stanford, prima di arrivare all’Università di Princeton nel 2000. Per un anno (tra il 1982 e il 1983) ha lavorato anche nel Consiglio dei consulenti economici della Casa Bianca, durante l’amministrazione Reagan. Famoso nel mondo accademico per i suoi studi riguardanti la teoria del commercio e per i suoi libri di testo sulle crisi valutarie e sull'economia internazionale, insieme a Maurice Obstfeld, Paul Krugman ha scritto il saggio “Economia internazionale: Teoria e Politica".

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Paul Krugman
    • News24

    La specialità dei media Usa? Dare Hillary per spacciata (e sbagliare)

    Ogni volta che c'è un'elezione presidenziale, io e molti altri americani ci meravigliamo a vedere come i mezzi di informazione si fissino su una certa interpretazione e non se ne schiodino nemmeno quando i fatti la smentiscono a più riprese.

    – di Paul Krugman

    • News24

    Hillary batterà Trump perché non gli somiglia

    Greg Sargent, del «Washington Post», recentemente ha intervistato Joel Benenson, lo stratega capo di Hillary Clinton, a proposito delle imminenti elezioni generali, e Benenson si è detto sicuro che Donald Trump non riuscirà a ripetere la marcia trionfale delle primarie repubblicane. Certo, non si

    – Paul Krugman

    • News24

    Trump e la (finta) crisi del debito americano

    La gente ride quando sente Donald Trump dire che se verrà eletto Presidente negozierà un condono del debito. Non è il primo a giocare con la fiducia e il credito del Governo americano: hanno cominciato i Repubblicani della Camera dei rappresentanti. Ma una cosa di cui si è parlato poco è perché

    – Paul Krugman

    • News24

    Perché i politologi non hanno capito Trump e Hillary Clinton e gli statistici sì

    A novembre (ne sembra passato di tempo) osservavo che la campagna per la nomination repubblicana stava mettendo un po' in crisi i politologi. La forma mentis «è il partito che decide» li spingeva, nella larga maggioranza dei casi, a pronosticare una convergenza su un candidato dell'establishment

    – Paul Krugman

    • News24

    G7 per la crescita, asse Renzi-Abe

    FIRENZE - Un caloroso abbraccio sotto la pioggia poco fuori l'ingresso di Palazzo Vecchio al «caro Shinzo» ha testimoniato ieri visivamente la sintonia tra Matteo Renzi e il premier giapponese. Al briefing congiunto nel Salone dei Cinquecento è balzata sotto i riflettori una comune lunghezza d'onda

    – dal nostro inviato Stefano Carrer

    • News24

    Le tasse progressive e l'«austerità espansiva»

    I candidati alla nomination democratica, Bernie Sanders e Hillary Clinton, stanno discutendo delle tasse sulle bibite gassate. La Clinton è favorevole, perché lo vede come un modo per raccogliere fondi da destinare a programmi importanti come l'estensione universale degli asili nido, e al tempo

    – Paul Krugman

    • News24

    Le imprese del G7: «La politica monetaria non basta»

    TOKYO - «E' imperativo per il G7 non contare solo sulla politica monetaria ma adottare una politica fiscale flessibile in accordo con la situazione economica, pur assicurando la sostenibilità» ed è «indispensabile per ciascun Paese del G7 portare avanti senza paura riforme strutturali». E' questo il

    – Stefano Carrer

1-10 di 931 risultati