Ultime notizie:

Paul Dano

    • Agora

    Primo bilancio di Cannes 70: Fiabe nere della diversità Piccoli protagonisti derubati dell'infanzia, emarginazione e immigrazione. Il film più bello è «Loveless»

    Adulti raffreddati e autocompiaciuti, ragazzini derubati di calore e leggerezza, una società egoista allergica al diverso: la prima parte del 70esimo festival di Cannes ha raccontato un occidente malato e allarmante. La rassegna è partita con una pellicola confusa nei generi e nella trama, Il fantasma di Ismael, di Arnaud Desplechin, in cui una moglie, Carlotta (Marion Cotillard), torna dopo vent'anni a guastare l'esistenza a Ismaël Vuillard (Mathieu Amalric), che vive una nuova relazione con S...

    – Cristina Battocletti

    • News24

    Fiabe nere della diversità. Piccoli protagonisti derubati dell'infanzia

    Adulti raffreddati e autocompiaciuti, ragazzini derubati di calore e leggerezza, una società egoista allergica al diverso: la prima parte del 70esimo festival di Cannes ha raccontato un occidente malato e allarmante. La rassegna è partita con una pellicola confusa nei generi e nella trama, Il

    – di Cristina Battocletti

    • Agora

    Arriva a Cannes Tilda Swinton con la sua favola animalista e anticapitalista. Dall'ungheria si parla di immigrazione

    Fischi e un levare di applausi polemici alla proiezione del primo film di Netflix in gara alla 70esima edizione del festival del cinema di Cannes, "Okja", di Bong Joon-ho. I dietrologi hanno pensato alla congiura contro la piattaforma streaming on demand, iniziata con la dichiarazione del presidente della giuria, Pedro Almodovar, all'inaugurazione del festival in cui il regista spagnolo sosteneva di non aver nulla contro le nuove tecnologie ma di considerare paradossale che la rassegna del cinem...

    – Cristina Battocletti

    • News24

    Tenero e grottesco «Okja», fiaba ecologista a Cannes

    Fischi e un levare di applausi polemici alla proiezione del primo film di Netflix in gara alla 70esima edizione del Festival del Cinema di Cannes, "Okja", di Bong Joon-ho. I dietrologi hanno pensato alla congiura contro la piattaforma streaming on demand, iniziata con la dichiarazione del

    – di Cristina Battocletti

    • News24

    «Love & Mercy», biopic su Brian Wilson dei Beach Boys

    La musica è protagonista nelle sale italiane grazie a «Love & Mercy», atteso biopic su Brian Wilson dei Beach Boys, che è indubbiamente uno dei film da non perdere tra le novità al cinema di questo weekend. Tra le nuove uscite anche «L'infinita fabbrica del Duomo», documentario di Massimo D'Anolfi

    – Andrea Chimento

    • News24

    Biondi diversi: Wilson e Cobain

    MONTAGE OF HECK di Brett Morgen, documentario su Kurt Cobain, e LOVE AND MERCY di Bill Pohlad, film biografico su Brian Wilson dei Beach Boys, sono due tentativi riusciti di fare cinema con la depressione altrui. Se prescindiamo dalla fama dei due protagonisti, potremmo considerarli un'unica

    – Veronica Raimo

    • Agora

    Nel lager della schiavitù: Steve McQueen gira una pellicola coraggiosa

    Il corpo per Steve McQueen è leva di un ragionamento sulla libertà. E' stato così in Hunger (2008), sulla prigionia dell'attivista irlandese Bobby Sands, e in Shame (2011), epopea di un giovane benestante prostrato dalla dipendenza sessuale. Nel primo, il fisico è arma di lotta politica; nel secondo, propaggine patologica di una società malata, in cui la sessualità è lo sfiato di un dolore. In 12 anni schiavo la corporeità (che il regista indaga con l'esperienza di ex calciatore) è fonte immediat...

    – Cristina Battocletti

    • News24

    Storia privata della mia apocalisse

    Finché non verrà l'apocalisse ognuno starà chiuso nella sua immaginazione: hai visto The Day After? Hai visto Kenshiro? Li hai visti tutti e due? Non ne hai

    – di Francesco Pacifico

1-10 di 37 risultati