Parole chiave

Ventotene

Alla base del “Manifesto per l’Europa” scritto a Ventotene da Altiero Spinelli, Eugenio Colorni ed Ernesto Rossi tra il 1941 e il 1944 era prima di tutto l’idea di abbattere gli Stati nazionali. Vittime del regime fascista, durante gli anni di soggiorno forzato sull’isola pontina cercarono di studiare le cause della Seconda guerra mondiale arrivando alla convinzione, come scrive Colorni nella prefazione, che «la contraddizione essenziale, responsabile delle crisi, delle guerre, delle miserie e degli sfruttamenti che travagliano la nostra società, è l’esistenza di Stati sovrani».

Ultimo aggiornamento 23 agosto 2016

Ultime notizie su Ventotene
    • News24

    La sfida di Renzi alla Ue: deficit al 2,9% per cinque anni

    La nostra proposta, allora, è che per tornare credibile l'Europa torni simbolicamente in tre luoghi fisici: a Ventotene per quel che riguarda gli ideali; a Lisbona per la strategia; a Maastricht per la direzione economica. A Ventotene perché quell'utopia, lanciata da personaggi che sembravano sconfitti e mandati al confino, ha superato ogni frontiera spaziale e temporale. ... Ma tornare all'Europa di Ventotene significa non limitarsi a fare delle istituzioni europee un condominio di buone pratiche...

    – di Matteo Renzi

    • News24

    L'Europa riscopre le virtù del centrismo

    Si sta assistendo a un ritorno in auge del centrismo in Europa, quasi come ai tempi lontani della creazione nel 1957 della Cee, quando ne erano stati protagonisti Robert Schuman, Konrad Adenauer e Alcide De Gasperi. Naturalmente si tratta di una situazione ben diversa da quella di allora, in cui

    – di Valerio Castronovo

    • News24

    I falsi alibi degli europeisti nostrani

    Mentre sulle colonne di questo giornale si svolge un interessante dibattito sui vantaggi e svantaggi della permanenza dell'Italia nell'euro e quindi nell'Unione europea, in Francia abbiamo assistito sullo stesso tema a un referendum in dimensioni reali. L'Europa è lungi dall'essere perfetta. Essa è

    – di Riccardo Perissich

    • News24

    Un'alleanza fondata su rigore e investimenti

    Condivido la tesi (tra l'altro già presente nel Manifesto di Ventotene) dello spartiacque attuale delle forze politiche tra chi vuole l'apertura all'Europa e chi invoca la chiusura nazionale; uno spartiacque che sta sostituendo quello tradizionale tra destra e sinistra e che passa all'interno di

    – di Antonio Padoa-Schioppa

    • News24

    Alle Terme di Diocleziano come in una macchina del tempo la storia della Ue

    «L'Italia in Europa - L'Europa in Italia". Un tuffo nel passato, come se esistesse una macchina del tempo, con la mostra inaugurata nel pomeriggio presso l'Aula Ottagonale delle Terme di Diocleziano, ex Planetario. La rassegna, promossa nell'ambito delle Celebrazioni del 60° anniversario dei

    • News24

    Il coraggio e la forza di pensare un'Europa che funziona e che serve

    Colpisce che nel suo ultimo libro - "Sdoppiamento. Una prospettiva nuova per l'Europa" (in uscita per Laterza) - Sergio Fabbrini scriva che un futuro di maggiore integrazione riguarda solo alcuni fra gli Stati europei ed è bene, per la salvaguardia dell'insieme, prenderne atto. I lettori de "Il

    – di Giuliano Amato

    • News24

    Non c'è una risposta convenzionale alla crisi dell'Europa

    Attenzione, avverte l'ex premier spagnolo José Maria Aznar: l'Europa rischia la disintegrazione, e la risposta alla crisi non può correre sui binari tradizionali, in sostanza tentando faticose mediazioni tra spinte nazionali divergenti. D'accordo - replica l'ex presidente del Consiglio e attuale

    – di Dino Pesole

    • News24

    Renzi lancia il suo blog, il futuro prima o poi torna

    Matteo Renzi riparte dal suo blog. «Il futuro, prima o poi, torna», è lo scritto con cui spiega di rimettersi in cammino con un blog «non pensato per i reduci» maper «camminare verso il futuro» aprendo a discussioni su Ue ma anche sul centrosinistra. «La sconfitta al referendum - ammette Renzi - ci

    • News24

    Torna l'idea del «direttorio» con Berlino e Parigi

    Era un "sogno" quello del direttorio dell'Unione europea a tre Germania, Francia, Italia che l'ex premier, Matteo Renzi aveva accarezzato per mesi e che sembrava quasi trasformarsi in realtà il 22 agosto scorso quando Angela Merkel e François Hollande resero omaggio insieme a Renzi alla tomba di

    – di Ge.P.

1-10 di 182 risultati