Parole chiave

Svimez

La Svimez, Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno, è un ente privato senza fini di lucro istituito il 2 dicembre del 1946. I fondatori sono stati un gruppo di importanti personalità del mondo industriale e finanziario italiano che decise durante la Seconda Guerra mondiale di dare vita a un centro di ricerche e studi specializzato sul Mezzogiorno. Tra questi: Rodolfo Morandi, Giuseppe Paratore, Francesco Giordani, Giuseppe Cenzato, Donato Menichella e Pasquale Saraceno. Obiettivo della Svimez è lo studio dell’economia del Mezzogiorno, per proporre a istituzioni centrali e locali concreti programmi di sviluppo delle Regioni meridionali, arrivando a realizzare «l’unificazione anche economica dell'Italia».

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Svimez
    • News24

    Ilva, il piano di Am Investco vale 3 miliardi di Pil all'anno

    Per Ilva si avvicina il momento delle decisioni. Il nuovo ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, potrebbe incontrare i commissari e le parti tra domani e giovedì in vista di una scelta sul futuro dello stabilimento.

    – di Carmine Fotina

    • News24

    Ilva, il governo M5S-Lega eviti una nuova Bagnoli

    L'Ilva è il primo vero banco di prova industriale per i Cinque Stelle e per la Lega. E nulla come l'Ilva ha una connotazione politica, nell'Italia di oggi. L'elaborazione econometrica della Svimez ha il pregio di offrire una quantificazione alla centralità strategica dell'Ilva nella siderurgia,

    – di Paolo Bricco

    • Econopoly

    Un programma di sei righe e una ministra: il Governo visto da Sud

    Nella prima bozza del contratto di governo ("Contratto"), non esisteva una sezione appositamente dedicata al Mezzogiorno. Nel documento finale, è stato inserito il seguente articolo, rubricato "Sud": "Con riferimento alle Regioni del Sud, si è deciso, contrariamente al passato, di non individuare specifiche misure con il marchio "Mezzogiorno", nella consapevolezza che tutte le scelte politiche previste dal presente contratto (con particolare riferimento a sostegno al reddito, pensioni, investim...

    – Francesco Bruno

    • News24

    Di che cosa ha bisogno il Sud: gabbie salariali o investimenti?

    Recentemente, una ricerca sui divari di produttività del lavoro tra nord e sud Italia, di Tito Boeri, Andrea Ichino, Enrico Moretti e Johanna Posch, presentata presso il Dipartimento di Economia dell'Università di Roma Tre il 10 aprile scorso (la prima versione dello studio risale al 2014) ha fatto

    – di Pasquale Tridico *

    • News24

    Un mese di stipendio in meno all'anno, il gap di chi lavora al Sud

    Avere vent'anni e averli vissuti tutti a Bari dalla nascita al nido, alla scuola materna alle elementari via via fino all'università, può far scatenare una voglia di scappare irrefrenabile. Bari, forse, potrebbe essere qualsiasi altra città del Sud, ma il nostro dialogo, una sera, a cena, con

    – di Cristina Casadei

    • Econopoly

    Reddito di cittadinanza, smettiamola di giocare

    Sembra essersi innescata una gara al ribasso, fatta di speculazioni e smentite, sugli asseriti aspiranti in fila ad alcuni CAF del Sud, desiderosi di poter accedere ai benefici economici del cosiddetto reddito di cittadinanza ("RdC"), cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle, partito che ha dominato le recenti elezioni nel Mezzogiorno. Sgombriamo subito il campo dal trend topic: Se i casi fossero veri, a prescindere dai numeri, ci sarebbe solo da preoccuparsi, seriamente, e davvero poco p...

    – Francesco Bruno

    • News24

    Spesa pubblica, in bilico la norma sul 34% di investimenti al Sud

    C'è una norma del governo uscente, ancora da attuare, che potrebbe rivelare le vere intenzioni sul Sud di chi arriverà a Palazzo Chigi. Verrà applicata la famosa clausola sul 34% di investimenti pubblici nel Mezzogiorno?

    – di Carmine Fotina

    • News24

    Il Sud a Cinque Stelle figlio del declino della spesa pubblica

    Il Sud dei Cinque Stelle come l'Ohio di Trump. Soltanto che, al posto delle acciaierie dismesse della Rust Belt, nel nostro Mezzogiorno ci sono le fabbriche del disagio sociale, della povertà economica e della disperazione individuale che, con l'inizio della Grande Crisi del 2008, hanno aumentato

    – di Paolo Bricco

    • News24

    «La nostra Italia, nonostante tutto»

    Giuseppe De Rita accende un toscanello. «Ho sempre preferito i toscani. Ora ho cambiato. Guardi il pacchetto: questi toscanelli sono fatti con il Kentucky di Pontecorvo. Pontecorvo è vicino a Cassino. Questo tabacco è coltivato nei campi appartenuti più di un secolo fa ai miei bisnonni».

    – di Paolo Bricco

    • News24

    La fuga di 200mila laureati al Nord, così il Sud ha perso 30 miliardi

    Se negli anni cinquanta e sessanta si emigrava al Nord con la valigia di cartone oggi lo si fa con una laurea in tasca. Dal 2000 sono stati almeno 200mila i giovani laureati che hanno lasciato il Meridione per trovare casa e lavoro da Roma in su. Un brain drain per il Sud (e brain gain per il Nord)

    – di Marzio Bartoloni

1-10 di 315 risultati