Parole chiave

Spending review

Il suo significato letterale è “revisione della spesa”, intesa come spesa pubblica. Ne fanno parte le procedure che analizzano le tendenze della spesa e l'efficacia degli interventi che la compongono, al fine di attuarne una razionalizzazione. Introdotta in Italia nel 2007 dall’allora ministro dell’Economia, Tommaso Padoa Schioppa, la spending è tornata d’attualità a partire dal 2012 con il Governo Monti e resta tutt’ora all’ordine del giorno

Ultimo aggiornamento 04 giugno 2018

Ultime notizie su Spending review
    • News24

    Le indispensabili sponde europee per portare il deficit a quota 3%

    «La posizione del governo è netta e unanime. Non è in discussione alcun proposito di uscire dall'euro». Erano necessarie, attese e fondamentali le parole pronunciate dal ministro dell'Economia Tria al riguardo della posizione della coalizione giallo-verde sulla permanenza nell'area valutaria comune.

    – di Gustavo Piga

    • Econopoly

    Con Tria la Borsa va a rimbalzo, ecco perché i mercati apprezzano

    Non si hanno ancora notizie sull'improvvisa afasia accusata da diversi esponenti della coalizione giallo-verde all'indomani della sorprendente intervista al Corriere della Sera del ministro dell'Economia e delle Finanze, Giovanni Tria. Il professore ha di fatto rovesciato le tesi portanti dei programmi delle forze politiche che lo hanno accomodato sulla poltrona di via XX Settembre. Sarà perché erano tutti un po' presi dai risultati delle amministrative - c'era da capire da che parte sarebbe and...

    – Alberto Annicchiarico

    • News24

    Spread & Mercati, la vera storia del martedì nero e l'attacco all'Italia

    La mattina del 29 maggio a Roma caldo e umidità sono tropicali. Per i vertici di banche e istituzioni finanziarie è un sollievo entrare nei saloni condizionati di Palazzo Koch, dove il governatore di Bankitalia Ignazio Visco sta per tenere il suo discorso annuale con le «considerazioni finali». Ma

    – di Morya Longo e Gianni Trovati

    • News24

    Quel silenzio sulle coperture

    E' un contratto «per il Governo del cambiamento», quello illustrato ieri dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che parte con alcuni omissis.

    – di Dino Pesole

    • News24

    Spending review, dal 2014 tagli per 32 miliardi ma subito riutilizzati

    Tagli per circa 32 miliardi, euro più euro meno, nel periodo 2014-2018. Ma quasi tutti utilizzati per coprire misure espansive come il bonus degli 80 euro e quelle sul lavoro o come concorso indiretto alla riduzione del deficit. E' il "conto" della revisione della spesa realizzata nell'ultima

    – di Marco Rogari

    • News24

    Fraccaro: «Ereditate 400 leggi inutili, ora semplificazione e lavoro»

    Ministro Fraccaro, cosa si aspetta dal discorso del premier Conte oggi in Parlamento? Che significa mettere la fiducia sul contratto di governo?«Con il Governo del cambiamento i temi annunciati in campagna elettorale sono al centro dell'azione politica. Abbiamo riportato fedelmente il nostro

    – di Giorgio Santilli

    • News24

    Flat tax, la via stretta delle coperture passa da tagli strutturali

    Se per evitare l'aumento dell'Iva (12,4 miliardi nel 2019) si può provare a "forzare" sul deficit per lo 0,6-0,7% del Pil (elevando cosi l'asticella fissata dal Def allo 0,8%), per le coperture della "flat tax" la strada è una sola: non si può ricorrere al deficit, occorre individuare risorse

    – di Dino Pesole

    • News24

    Governo Conte, dal bilancio alla spending review: ecco i primi scogli da affrontare

    Nonostante lo spazio dedicato in campagna elettorale da molti partiti al delicato capitolo dei tagli alla spesa, la scadenza del 31 maggio, fissata dalla riforma del bilancio dello Stato per varare il Decreto del presidente del Consiglio (Dpcm) con gli eventuali nuovi obiettivi di spending review

    – di Marco Rogari

1-10 di 4295 risultati