Parole chiave

Rinuncia ai crediti

La rinuncia ai crediti, sia commerciali sia finanziar, vantati dai soci verso la società rappresenta una modalità di rafforzamento patrimoniale della stessa, che ai sensi dell’Oic 28 trasforma il debito della società verso il socio in una posta di patrimonio netto. Dal 2016, affinché la rinuncia non comporti sopravvenienza attiva tassata in capo alla società, è necessaria un’autocertificazione del socio.

Ultimo aggiornamento 13 novembre 2017

Ultime notizie su Rinuncia ai crediti
    • News24

    Amministratori-soci, tassabile la rinuncia al Tfm

    Per gli amministratori-soci, è tassabile la rinuncia al trattamento di fine mandato. Con la risoluzione n. 124/E, diffusa ieri, l'agenzia delle Entrate rispolvera il teorema dell'"incasso giuridico", sostenuto da alcune sentenze della Corte di cassazione, secondo cui la rinuncia ai crediti

    – di Luca Gaiani

    • News24

    Penalizzate le rinunce ai crediti

    Rinuncia ai crediti dei soci detassata, ma solo fino al limite del valore fiscale. Lo schema di decreto legislativo sulla internazionalizzazione delle imprese corregge l'articolo 88 del Testo unico stabilendo che l'irrilevanza delle sopravvenienze attive derivanti dalla remissione di debiti dei

    – Luca Gaiani

    • News24

    Ti Media, Telecom rinuncia ai crediti

    La7 a Cairo al valore simbolico di 1 euro - Dieci giorni per firmare il contratto - FOCUS SULLE TLC

    – di Antonella Olivieri

    • News24

    La check-list sullo stato patrimoniale

    Cassa- Verificare corrispondenza del saldo contabile con la cassa effettiva (contante, assegni, valori bollati);- Individuazione di eventuali partite fuori