Parole chiave

Ricoperture

La vendita allo scoperto, chiamata anche «short selling» in inglese, è un’operazione finanziaria che consiste nella vendita a uno o più soggetti terzi di titoli che al momento del contratto di vendita non sono ancora direttamente posseduti dal venditore. Si definiscono così le operazioni finanziarie attuate con l'intento di ottenere un profitto a seguito di un trend o movimento ribassista delle quotazioni di Borsa, perché le azioni vengono vendute prima di possederle, dunque saranno comprate in seguito, prima di consegnarle, sperando di acquistarle a un prezzo inferiore rispetto a quelle di vendita. La vendita allo scoperto è considerata un'operazione speculativa orientata in un orizzonte temporale di breve periodo.

Ultimo aggiornamento 19 aprile 2017

Ultime notizie su Ricoperture
    • News24

    Ricoperture

    La vendita allo scoperto, chiamata anche «short selling» in inglese, è un'operazione finanziaria che consiste nella vendita a uno o più soggetti terzi di titoli che al momento del contratto di vendita non sono ancora direttamente posseduti dal venditore. Si definiscono così le operazioni

    • News24

    Asta BoT, tassi in calo e forte domanda

    Tassi in calo all'asta dei BoT annuali, un esito positivo per il Tesoro, meno per gli investori. L'asta effettuata con il modello competitivo dei BoT in scadenza il prossimo 13 aprile 2018, informa la Banca d'Italia, è stata assegnata a un tasso negativo dello 0,239% che si confronta con il -0,226%

    – di Gerardo Graziola

    • News24

    Domande & risposte

    Quali le indicazioni dell'analisi tecnica sul titolo di Elica? Il titolo Elica è in una prolungata fase laterale. Il trend è caratterizzato da massimi discendenti e da una base costituita da 1,43 euro. Negli ultimi tre anni il supporto è stato testato più volte facendo sempre scattare ricoperture.

    • News24

    I tre indizi per una correzione delle Borse (e i tre motivi che la frenano)

    E' davvero un risveglio brusco quello dei mercati azionari europei di questa mattina. Dopo che ieri Wall Street ha subito la peggior battuta d'arresto da quando Donald Trump ha assunto il potere tocca oggi ai listini del Vecchio Continente difendersi dalle vendite, che colpiscono in primo luogo i

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    Listini contrastati, positiva Milano grazie a recupero Leonardo

    I listini europei hanno chiuso contrastati dopo il tonfo di Wall Street di ieri che ha chiuso in calo di oltre un punto come non succedeva da quattro mesi (oggi ha invece chiuso sulla parità). Fra gli operatori restano le preoccupazioni sulla capacità del presidente Trump di mettere in atto la sua

    – di Di Cristofaro e Maurino

    • News24

    Ecco perché i tassi salgono ma l'oro corre lo stesso

    Non c'è due senza tre. L'oro anche stavolta - come a dicembre 2015 e dicembre 2016 - ha reagito in modo controintuitivo al rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve: le quotazioni, invece di indebolirsi, come insegnano i manuali di economia, sono salite. E non poco.La soglia dei

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    La tendenza «rialzista» partita a inizio dicembre

    L'indice Ftse Mib ha rivisto quota 20mila punti. Un segnale di fiducia con significative implicazioni grafiche e tecniche. Era dal gennaio del 2016, il mese «horribilis» di Piazza Affari, che non veniva rivista questa soglia. Se analizziamo le dinamiche dei prezzi osserviamo che il principale

    – Andrea Gennai

    • News24

    Europa in rosso. Milano paga banche e Saipem. Wall Street ancora su

    Chiusura ancora in rialzo per Wall Street, con il Dow Jones che per l'undicesima seduta di fila mette a segno un nuovo record guadagnando lo 0,05% a 20.819,84 punti. In territorio positivo anche il Nasdaq e l'indice S&P500, che accelerano rispettivamente dello 0,17% a 5.845,31 punti e dello 0,15% a

    – di Chiara Di Cristofaro e Andrea Fontana

    • News24

    Perché (dopo Mosca) Milano è la Borsa peggiore da inizio anno

    Nel 2017 la Borsa di Wall Street non fa che macinare, giorno dopo, nuovi record. Tutti e tre i principali indici di New York, l'S&P 500, il Dow Jones e il tecnologico Nasdaq, viaggiano oggi su livelli inesplorati. Gli investitori stanno comprando le azioni statunitensi nonostante le quotazioni

    – di Vito Lops

    • News24

    Maxi-rimbalzo della sterlina dopo May, scattano le ricoperture

    Scattano le ricoperture sulla sterlina, che recupera fino al 3% sulla moneta americana a 1,2385 dollari e quasi il 2% sull'euro (0,8649 il rapporto euro/sterlina) dopo l'atteso intervento della premier inglese Theresa May che ha confermato l'approccio "duro" all'uscita dall'Unione europea. Il pound

    – di Andrea Fontana

1-10 di 348 risultati