Le parole chiave

Quantitative easing

Qe, o quantitative easing, è uno strumento non convenzionale di politica monetaria attraverso il quale una banca centrale aumenta la base monetaria - banconote più depositi alla banca centrale - e, per questa via, l'offerta di moneta, attraverso l'acquisto di prodotti finanziari sul mercato secondario come titoli di Stato, Abs, covered bond, obbligazioni societarie e altro. Diverse autorità monetarie hanno adottato tassi negativi sui depositi delle aziende di credito presso la banca centrale come strumento di espansione monetaria.

Ultimo aggiornamento 07 settembre 2016

Ultime notizie su Quantitative easing
    • News24

    Banche, auto, greggio: Borse ancora giù

    Banche e auto tornano sotto pressione in Germania e a ruota anche negli altri Paesi europei, trascinando i mercati in un ritrovato clima di avversione al rischio. A questo quadro di fondo si aggiunge poi l' "effetto-petrolio", con il barile in forte calo (sotto 45 dollari) e decisamente volatile.

    – Vito Lops

    • News24

    Def, tensione con la Ue sulle spese fuori-Patto

    Trattativa serrata sulle spese extra Patto per 0,4 punti di Pil: 0,2% per la ricostruzione post-sisma e un altro 0,2% per l'emergenza migranti. Ieri il Governo e Bruxelles non sembravano ancora vicini a trovare la quadratura del cerchio sulla revisione del quadro macro-economico. In serata è stato

    – di Davide Colombo, Marco Rogari e Gianni Trovati

    • News24

    Ecco perché le banche centrali sono ostaggio dei mercati

    I mercati azionari sono tornati in modalità "bad news is good news". Ovvero sono tornati a salire quando dall'economia arrivano notizie cattive (rallentamento della crescita, diminuzione dell'inflazione, fiducia dei consumatori in calo, indice Pmi sotto la soglia di espansione, ecc.). Secondo

    – di Vito Lops

    • News24

    Difendersi dall'ondata "populista"

    Uno spettro si aggira sui mercati finanziari: quello del rischio populista. La variabile politica pende come una spada di Damocle su bond e azioni, soprattutto nel Vecchio Continente. Un condizionamento che ha pochi precedenti nel recente passato. L'avanzata di partiti antisistema in Europa e la

    – di Andrea Gennai

    • News24

    Ecco perché il mercato potrebbe restare nervoso

    La sensazione è che la festa della liquidità, quella che per anni ha elargito plusvalenze agli investitori di tutto il mondo, possa essere sulla via del tramonto. La Fed potrebbe alzare i tassi a dicembre, anche se in passato più volte ha smentito se stessa e i suoi «dots». La Bank of Japan ha

    – di Morya Longo

    • News24

    La Banca del Giappone come la Fed (nel dopoguerra)

    Non è la prima volta. La decisione della Nippon Ginko di introdurre un «controllo della curva dei rendimenti», o meglio dei rendimenti dei titoli di stato decennali, ha molto stupito ma non è esattamente una novità. La Federal reserve ha seguito la stessa politica per molto tempo, subito dopo la

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    La sindrome di Woody Allen che affligge i mercati

    «Dio è morto, Marx è morto e anch'io mi sento poco bene». I mercati finanziari sembrano ormai afflitti dalla sindrome di «Woody Allen»: le banche centrali danno l'impressione di avere perso la bussola, l'economia sembra non rispettare più le regole basilari e - in questo contesto - anche i mercati

    – di Morya Longo

    • News24

    E' la settimana delle banche centrali: che cosa aspettarsi da Fed e Giappone

    New normal o normal? In questa settimana - da molti analisti ribattezzata come quella delle banche centrali - scopriremo se la politica monetaria virerà verso un mondo che fino a pochi anni fa era considerato normale (costo del denaro e inflazione intorno al 2%) oppure confermerà l'attuale trend

    – di Vito Lops

1-10 di 3277 risultati