Parole chiave

Pil

Il Prodotto interno lordo rappresenta il valore complessivo dei beni e servizi finali prodotti all’interno di un Paese in un certo intervallo di tempo, generalmente l’anno). Il Pil può essere anche definito come il valore della ricchezza o del benessere di un Paese.

Il Pil si distingue in reale e nominale. Il primo esprime un valore reale della produzione di beni e servizi, sterilizzato dall’effetto dell’inflazione e misura la produzione in termini di effettivo potere d'acquisto della collettività.

Il Pil nominale misura invece il valore finale della produzione in un certo periodo ai prezzi di quel periodo (prezzi correnti). L’andamento del Pil rappresenta una misura chiave nello scenario macroeconomico di un Paese.

Ultimo aggiornamento 31 marzo 2017

Ultime notizie su Pil
    • News24

    Renzi: il futuro sono gli Stati Uniti d'Europa

    «Il futuro sono gli Stati Uniti d'Europa e noi chiediamo agli altri partiti da che parte stanno. In Italia abbiamo i no euro, i boh euro e i sì euro». Lo ha detto il segretario Pd, Matteo Renzi, parlando oggi a Milano all'evento pro Europa organizzato insieme con gli eurodeputati dem. «In Italia la

    – di Redazione Roma

    • News24

    I 20 punti del programma M5s

    La crescita, è la speranza, permetterà una riduzione del rapporto debito/Pil di 40 punti in dieci anni.

    – di Manuela Perrone

    • News24

    Riscaldamento climatico. Ecco i nuovi studi (e le nuove contromisure)

    Il ritratto di una catastrofe dipinto dai ricercatori assume contorni meglio definiti. Il rischio di riscaldamento climatico sta fra 1,2 e 3 gradi in più, invece che tra 1,5 e 4,5 gradi. La rivista scientifica Nature ha pubblicato uno studio sulle previsioni del cambiamento climatico il quale

    – di Jacopo Giliberto

    • News24

    L'evoluzione della specie passa dall'hi-tech

    Dieci anni dopo la grande crisi dell'auto a "stelle e strisce" che ha coinciso proprio con una drammatica edizione del Salone di Detroit dove le "big tree" le tre Case americane, nell'ordine General Motors, Ford e Chrysler sembravano ormai sull'orlo del fallimento, per poi miracolosamente

    – di Corrado Canali

    • News24

    A Milano il panino più caro. Ma il cappuccino costa di più a Bolzano e Parma

    Il panino più caro? Si mangia a Milano. Nel capoluogo lombardo occorrono ben 7 euro per consumare questo pasto veloce - magari in piedi e sgomitando con altredecine e decine di avventori che frequentano uno degli 8.548 bar attivi in città. Un po' caro, se confrontato non solo con i panini che si

    – di Giovanna Mancini

    • News24

    Tornano i mutui subprime: li gestirà la blockchain (quella dei Bitcoin)

    Oggi siamo lontani dai 2700 miliardi di dollari di titoli che circolavano dieci anni fa, anche se all'inizio del 2017 resistevano ancora qualcosa come 823 miliardi di dollari di obbligazioni garantite da mutui immobiliari, cifra superiore al Pil di nazioni come Olanda o Svizzera.

    – di Enrico Marro

    • News24

    Schlumberger svaluta crediti per 939 milioni di dollari con Caracas e va in rosso

    Il Venezuela è costato a Schlumberger quasi un miliardo di dollari in svalutazioni nel quarto trimestre 2017, contribuendo ad affondarne il bilancio: il colosso dei servizi petroliferi ha registrato una perdita netta di 2,26 miliardi, quasi dieci volte quella dello stesso periodo del 2016, quando

    – di S.Bel.

    • News24

    La soluzione-rinvio rilancia lo Statuto del contribuente

    Il fisco in versione 2018 riparte esattamente da dove ci aveva lasciati nel 2017: dallo spesometro, ovvero la trasmissione telematica all'agenzia delle Entrate dei dati delle fatture emesse e ricevute. Ma non più lo spesometro che nell'autunno scorso ha letteralmente fatto impazzire decine e decine

    – di Salvatore Padula

    • News24

    Se il voto dipende dagli astensionisti «intermittenti»

    Il 24-25 Febbraio 2013 per il rinnovo della Camera dei Deputati ha votato il 75,2% degli elettori italiani. Cinque anni prima la percentuale era stata l' 80,5. Nel 1994, agli albori della Seconda Repubblica, fu l' 86,1. In venti anni l'astensionismo è cresciuto di circa undici punti percentuali.

    – di Roberto D'Alimonte

1-10 di 102688 risultati