Parole chiave

Pasdaran

È la guardia rivoluzionaria islamica che venne istituita in Iran dopo la rivoluzione dell'ayatollah Khomeini del 1979, con l'obiettivo di tutelarla da elementi eversivi. I pasdaran - diventati con il tempo un corpo di élite dell'esercito iraniano - sostituirono le forze armate pre-rivoluzionarie proprio nel timore che potessero essere un pericolo per la neonata Repubblica islamica. Le Guardie della rivoluzione sono formate da circa 125mila militari e hanno assunto sempre più potere da quando è presidente Mahmoud Ahmadinejad. Al loro interno esistono poi delle milizie volontarie organizzate militarmente, dette basiji, in cui si arruolano i più giovani.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Pasdaran
    • News24

    Iran: «Testato con successo nuovo missile balistico»

    «Durante i due giorni di combattimenti simulati - ha riferito il comandante delle Forze di terra dei Pasdaran, generale Mohammad Pakpour -, le élite corazzate, aeree, artiglierie, commando e droni di ultima generazione mostreranno la preparazione e la potenza delle Forze terrestri dell'Irgc per salvaguardare e proteggere i confini dell'Iran islamico».

    • News24

    La retorica del male che aggrava le crisi

    imbarazzante perché l'Iran con la Russia e Assad hanno sconfitto l'Isis e se non ci fossero stati i pasdaran iraniani e le milizie sciite il Califfato avrebbe messo Baghdad sotto assedio.

    – di Alberto Negri

    • News24

    La Superbomba degli ayatollah sfida gli Usa

    Pasdaran che in questi giorni sono tiro del presidente Hassan Rouhani per il loro peso eccessivo nell'economia del Paese con i loro distrati conglomerati. Forse proprio per sfuggire a questa dura lotta intestina e rilanciare la loro immagine appannata da recenti scandali e arresti eccellenti per corruzione e incapacità gestionale, la Forza aerospaziale dei Pasdaran, come ha riferito il generale, ha spiegato come è nata l'idea di realizzare il super-ordigno, tutto "Made in Iran", in grado di...

    – Vittorio Da Rold

    • News24

    Iraq, rinascita o decostruzione di una nazione tormentata

    Per liberare Mosul c'è voluto il ritorno in Iraq degli americani, una coalizione internazionale e un esercito iracheno, addestrato sì dagli occidentali ma sostenuto fortemente da Teheran, dalle milizie curde, da quelle sciite, dai pasdaran del... Fioriscono però corruzione e contrabbando: fanno affari d'oro i generali iracheni delle milizie, dei pasdaran iraniani, i businessmen turchi con la triangolazione Turchia-Kurdistan iracheno-Iran.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Trump e il dilemma iraniano

    La prima è che l'Iran sta effettivamente rispettando l'accordo, la seconda che l'Iran può colpire quando vuole le truppe americane in Iraq e in Siria con pasdaran, milizie sciite ed Hezbollah, la terza che sta per insediarsi il presidente Rohani il 5 agosto e che i moderati sono sotto pressione dell'ala più oltranzista del regime, al punto che domenica scorsa è stato arrestato per corruzione il fratello del presidente Fereidoun.

    – di Alberto Negri

    • News24

    La corsa al messianesimo preelettorale

    Si tratta di una tecnica di comunicazione, che in parte riesce spontanea ai vari attori in campo, ma in parte è supportata da spin doctor e pasdaran vari e che trova la sua giustificazione nel convincimento che siamo di fronte ad un passaggio epocale per cui la gente aspetta con ansia la venuta, se non proprio del Messia, almeno del Mosé che li liberi dalla prospettiva delle cipolle d'Egitto.

    – Paolo Pombeni

    • News24

    Iraq, perché la vittoria di Mosul rischia di essere effimera

    Oggi Mosul viene liberata dall'esercito iracheno appoggiato dagli Stati Uniti ma anche dalle milizie sciite, dai pasdaran iraniani e dagli Hezbollah, ovvero da quelli che Washington ritiene i suoi peggiori avversari.

    – di Alberto Negri

    • News24

    L'Isis semina il terrore a Teheran: perché l'Iran è finito sotto attacco

    La rivendicazione dell'Isis degli attentati a Teheran è quasi un marchio di fabbrica, una sorta di sanguinoso sigillo a decenni di politica estera dell'Iran e di contrapposizione tra la repubblica islamica e un universo sunnita che ha sempre mal sopportato l'esistenza di una "Mezzaluna sciita".

    – di Alberto Negri

    • News24

    Per che cosa si combatte oggi in Siria? Contenere l'Iran

    Chi combatte e per che cosa si combatte oggi in Siria? Tre giorni fa è morta in una sparatoria intorno a Raqqa, Ayse Deniz Karacagil, la militante filo-curda raccontata da Zerocalcare in "Kobane Calling", libro che ha reso celebre con le sue strisce la resistenza di curdi all'Isis nella città ai

    – di Alberto Negri

1-10 di 311 risultati