Parole chiave

Pasdaran

È la guardia rivoluzionaria islamica che venne istituita in Iran dopo la rivoluzione dell'ayatollah Khomeini del 1979, con l'obiettivo di tutelarla da elementi eversivi. I pasdaran - diventati con il tempo un corpo di élite dell'esercito iraniano - sostituirono le forze armate pre-rivoluzionarie proprio nel timore che potessero essere un pericolo per la neonata Repubblica islamica. Le Guardie della rivoluzione sono formate da circa 125mila militari e hanno assunto sempre più potere da quando è presidente Mahmoud Ahmadinejad. Al loro interno esistono poi delle milizie volontarie organizzate militarmente, dette basiji, in cui si arruolano i più giovani.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Pasdaran
    • News24

    L'Iran sceglie ancora il riformismo e la realpolitik di Rohani

    TEHERAN -La tradizione è riconfermata: tutti i presidenti iraniani della repubblica islamica hanno avuto due mandati consecutivi di quattro anni. E' stato così anche per Hassan Rohani, netto vincitore delle elezioni sull'ultraconservatore Ebrahim Raisi, che si conferma alla guida del governo così

    – dall'inviato Alberto Negri

    • News24

    L'Iran sceglie tra Rohani e Raisi: test sull'apertura al mondo

    TEHERAN - Le elezioni presidenziali in Iran sono le più strategiche del Medio Oriente e della «mezzaluna sciita». Scegliendo tra due ayatollah, il presidente uscente Hassan Rohani e il conservatore Ebrahim Raisi, un seyed con il turbante nero simbolo di discendenti dalla famiglia del Profeta, gli

    – dal nostro inviato Alberto Negri

    • News24

    Iran al voto e grandi manovre in Medio Oriente

    Questa è una settimana dove si decidono le sorti del Medio Oriente: come orientarsi in mezzo a rivelazioni - vere, false o inverificabili - sulla Siria, l'Isis e i rapporti Casa Bianca-Russia, che provengono dall'America di Trump? La campagna per le presidenziali di venerdì 19 in Iran è diventata

    – di Alberto Negri

    • News24

    Iran al voto: escluso il falco Ahmadinejad, candidato di punta il moderato Rohani

    Un bocciato eccellente, l'ex presidente Mahamud Ahmadinejad, e sei candidati approvati tra cui il presidente uscente Hassan Rohani: questo è stato il responso del Consiglio dei Guardiani della Rivoluzione. Dalla corsa alle elezioni presidenziali iraniane del 19 maggio è stato quindi escluso

    – di Alberto Negri

    • News24

    Tutte le ambiguità della dottrina Trump

    «Sarebbe cambiato qualcosa se invece di Trump fosse stato eletto un repubblicano tradizionale?», si interroga Paul Krugman sul Sole 24 Ore. In politica estera non molto perché il presidente ha fatto retromarcia su Russia e Medio Oriente anche rispetto alle dichiarazioni più recenti quando ancora

    – di Alberto Negri

    • News24

    Cartografia della questione ebraica

    Come altrove in Occidente, così in Israele si vive nello stordimento dell'effetto Trump. Né si discute unicamente del controverso proposito di spostare l'ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a Gerusalemme. Si discute anche - per esempio - dell'ebreo ortodosso Jared Kushner, il giovane e

    – di Sergio Luzzatto

    • News24

    L'interesse nazionale e i conti con la realtà

    Interesse nazionale: ecco una parola che rischia di essere desueta dopo essere stata un pilastro nel campo delle relazioni sociali e politiche. Certo è stata spesso usata male, finendo per essere troppo contigua all'ambigua definizione di "egoismo nazionale". Eppure può un Paese trovare quella

    – di Paolo Pombeni

    • News24

    Siria, De Mistura: «Aleppo può scomparire in due mesi»

    «In massimo due mesi, due mesi e mezzo, la città di Aleppo potrebbe essere totalmente distrutta. E migliaia di persone, non terroristi, saranno morte mentre festeggeremo il Natale». L'allarme lanciato ieri dall'inviato speciale dell'Onu per la Siria, Staffan de Mistura, è forse il più drammatico

    – di Roberto Bongiorni

1-10 di 301 risultati