Parole chiave

Accordo di ristrutturazione

L’accordo di ristrutturazione dei debiti (articolo 182-bis, legge fallimentare) è un contratto stipulato dal debitore con i suoi creditori (o con alcuni di essi) per il pagamento a stralcio e anche dilazionato dei debiti. L’accordo, accompagnato da un piano che giustifichi la possibilità di attuare l’accordo, è sottoposto ad omologa del Tribunale, producendo notevoli tutele per le parti interessate, sia immediate, sia in caso di successivo fallimento. I creditori non aderenti devono essere pagati integralmente entro 120 giorni

Ultimo aggiornamento 15 febbraio 2018

Ultime notizie su Accordo di ristrutturazione
    • Agora

    La crisi dell'elettronica di consumo, la milanese Galimberti chiede il concordato

    e.scarci709@gmail.com -------------------------- La crisi dell'elettronica di consumo fa un'altra "vittima". La catena milanese Galimberti, aderente all'insegna Euronics, ha chiesto al Tribunale fallimentare di Milano di accedere al concordato preventivo in continuità. E oggi si definiscono meglio i contorni dell'ennesima crisi aziendale che ha colpito il settore negli ultimi anni. Sostanzialmente una stasi del mercato, con volumi fermi e parziale trasferimento delle vendite sul canale online: ...

    – Emanuele Scarci

    • Econopoly

    Come ti risolvo la crisi d'azienda, spiegato semplice (ma semplice non è)

    Leonardo Dorini, autore di questo post, è un consulente e manager; ha lavorato in Livolsi & Partners, di cui è stato managing director ed è stato direttore generale di DLA Piper per l'Italia; attualmente è vice presidente del Consorzio Cooperative di Costruzione - CCC di Bologna - In un post apparso qui su Econopoly ho cercato di ripercorrere due decenni evoluzione nella disciplina che riguarda le crisi d'azienda: abbiamo assistito infatti ad un processo di progressivo ammodernamento che ha for...

    – Econopoly

    • Agora

    Rummo, stop alla procedura concorsuale. Il tribunale dispone la cessazione dei tre commissari

    Il tribunale di Benevento, con decreto del 12 dicembre, ha dichiarato estinta la procedura concorsuale richiesta nel luglio 2016 dal Pastificio Rummo. Pertanto hanno cessato la loro funzione nell'impresa i commissari Leopoldo Papa, Vincenzo Moccia e Luciana Carpentieri. Probabilmente Rummo ha raggiunto un accordo di ristrutturazione del debito con le banche che, di fatto, interrompe la procedura del concordato preventivo in continuità a favore dell'accordo di ristrutturazione del debito. Secon...

    – Emanuele Scarci

    • News24

    Via libera a Bybrook per il salvataggio di Dema

    Via libera del Tribunale di Nola al salvataggio di Dema (aerospazio) da parte di Bybrook Capital. Con l'omologazione da parte del Tribunale di Nola degli accordi alla base del piano di ristrutturazione del debito di Dema SpA, si apre la strada all' ingresso di Bybrook Capital nel capitale sociale

    – di Vera Viola

    • News24

    Bancarotta, estesa la non punibilità

    C'è un rischio penale nella riforma fallimentare. Ed è quello dell'impatto sui processi in corso. Che potrebbero essere investiti dall'estinzione per effetto dell'applicazione della nuova causa di non punibilità. E questo sul piano diretto. Su quello indiretto, invece, all'estinzione del giudizio

    – di Giovanni Negri

    • Agora

    Pasta Rummo, in dirittura d'arrivo l'accordo con le banche sulla ristrutturazione del debito

    Rummo starebbe per raggiunge un accordo di ristrutturazione del debito con le banche e interrompere la procedura del concordato preventivo in continuità. L'accordo tra le parti prevede il pagamento integrale del debito bancario e non il 47% come nel piano concordatario: 80 milioni (su un totale di 98,8 milioni). Tuttavia il piano di ristrutturazione specifica che il rimborso avverrà con un allungamento dei tempi rispetto alla proposta concordataria e con tassi ridotti. Nei documenti depositati d...

    – Emanuele Scarci

    • News24

    Fallimento, allerta dai professionisti

    Arriva la procedura di allerta . A introdurla è la riforma fallimentare, approvata mercoledì scorso dal Senato (atto 2681). Una legge delega, che dovrà essere attuata nei prossimi mesi dal Governo. Ma i principi e criteri direttivi stabiliti dall'articolo 4 della legge permettono di delineare gli

    – di Giovanni B. Nardecchia

    • News24

    Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le novità

    Ok dall'Aula della Senato al Ddl sui fallimenti, la delega al governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell'insolvenza. Il testo, approvato a Palazzo Madama con 172 voti a favore, 34 contrari e zero astenuti, diventa così legge. «Non uso mai questi termini ma si tratta di

    – di Nicola Barone

    • Econopoly

    Le banche, le aziende (zombie) e il credito: se fallire non è un'opzione

    In un recente articolo abbiamo parlato della (mancata) efficienza del sistema finanziario italiano e dei suoi effetti sull'economia. Riprendiamo il discorso con altri due articoli, volti ad approfondire alcune possibili aree di intervento politico: con il primo - pubblicato lunedì - ci siamo concentrati sul lato dell'offerta di credito (le banche); quello di oggi avrà invece come oggetto il lato della domanda (le imprese). Ad oggi il dibattito sul sistema finanziario si è concentrato fortemente...

    – Tortuga

    • News24

    Borse, semestre si chiude con Milano a +7%. Londra maglia nera con +2,4%

    Le incertezze relative all'andamento dell'inflazione e delle politiche monetarie dalle due parti dell'Atlantico e i timori legati al tonfo di Wall Street di ieri portano a una nuova seduta di debolezza per le Borse europee mentre sul fronte dei titoli di stato sono proseguite le vendite anche se

    – di C. Di Cristofaro e A.Fontana

1-10 di 187 risultati