Le parole chiave

Pagamenti tracciabili

La diffusione dei pagamenti tracciabili, ovvero effettuati con moneta elettronica, bonifici, assegni nominativi o altri strumenti finanziari che consentano la ricostruzione delle transazioni, ha ricevuto un ulteriore impulso dalla manovra «salva Italia» (Dl 201/2011), che ha imposto il divieto dei contanti per i pagamenti da mille euro in su. La tracciabilità dei pagamenti è utilizzata in funzione di controllo nei confronti di possibili infiltrazioni criminali (ad esempio negli appalti pubblici), contro operazioni di riciclaggio, nonché in funzione di lotta all'evasione fiscale

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Pagamenti tracciabili
    • News24

    Fisco, Orlandi: in arrivo a ottobre 220mila lettere sul «730»

    Meno spazio per redditometro e indagini finanziarie, da usare solo se strettamente necessari. E sempre più lettere preventive: a ottobre ne partirà un altro stock, legato all'operazione 730, che dovrebbe avere le stesse dimensioni dell'invio dello scorso anno, quando vennero spedite 220mila

    – di Jean Marie Del Bo e Marco Mobili

    • News24

    Un cambio di strategia per scelta e per necessità

    Forse era nato sotto una cattiva stella, forse è stato superato come è capitato in questi anni a molte attività dall'avanzata delle tecnologie. Per quanto la prima ragione non sia da escludere ne diremo più oltre il declino del redditometro come strumento principe dell'accertamento e soprattutto

    – Mauro Meazza

    • News24

    Riscossione e sanzioni, la delega va avanti

    Ok del Senato: la riforma del fisco alla Camera per il via libera definitivo - Rafforzato il fondo taglia tasse - TUTELA DEI MINORI - Unica modifica in aula il divieto di spot pubblicitari per i giochi con vincite in denaro che inducono a comportamenti compulsivi

    – Marco Mobili

    • News24

    Pagamenti tracciabili in stand-by

    L'obbligo del Pos per professionisti e imprese scatta il 1° gennaio ma non c'è il decreto attuativo

    – Valentina Melis

    • Agora

    Quel "sommerso" che condanna l'Italia a una crisi perenne

    Nel 2011 circolavano sul territorio italiano ben 15 miliardi di banconote, che alimentavano un sommerso di 500 miliardi. Il dato, elaborato dalla Guardia di Finanza, viene riportato da Stefano Liviadiotti nell'inchiesta pubblicata nel numero dell'Espresso in edicola questa settimana. Un'economia, quella sommersa, che pesa per il 17,4 per cento sul nostro prodotto interno lordo. L'ennesimo record in negativo che ci allontana anni luce dai Paesi del nord Europa - Norvegia 0,3%, Olanda 0,7%, Danim...

    – Stefano Natoli

1-10 di 29 risultati