Parole chiave

Nutraceutica

Il termine «Nutraceutica» deriva dalla fusione dei termini «nutrizione» e «farmaceutica» e indica la disciplina che indaga tutti i componenti o i principi attivi degli alimenti con effetti positivi per la salute, la prevenzione e il trattamento delle malattie. La maggior parte dei prodotti «nutraceutici» ha origine vegetale e si trova nella frutta e nella verdura o negli integratori alimentari. Possono essere usati per il mantenimento del benessere, la prevenzione di alcune patologie, a fini sportivi o cosmetici.

Ultimo aggiornamento 16 luglio 2017

Ultime notizie su Nutraceutica
    • News24

    Bio-On inaugura il primo impianto di bioplastica per l'industria cosmetica

    A poco più di 60 anni dall'invenzione di Giulio Natta del catalizzatore per orientare i polimeri e dall'avvio a Ferrara del primo impianto al mondo di polipropilene, l'Emilia e l'Italia hanno iniziato a scrivere ieri un nuovo capitolo della storia della chimica mondiale, verde questa volta. Perché

    – di Ilaria Vesentini

    • News24

    Il cibo del futuro sarà così

    «L'identità culturale non esiste», sostiene il filosofo francese François Jullien, nel pamphlet omonimo (Einaudi); perché la questione dell'identità è «viziata all'origine. Suggerisco di affrontare la diversità delle culture in termini di scarto; invece dell'identità, in termini di risorsa o

    – di Riccardo Piaggio

    • News24

    Pomodoro con superpoteri

    Se vi è un settore su cui occorre indirizzare fondi e ricerche scientifiche nei prossimi anni, questo è la produzione di cibo. Di ciò si parlerà nella seconda edizione del Food & Science Festival che si terrà a Mantova dal 18 al 20 maggio. In Italia, e in parte anche in Europa, per la maggior parte

    – di Andrea Grignolio

    • News24

    Kolinpharma, forte crescita per la «small pharma» dell'Aim

    Se non vi fidate di "big pharma", perché non provare con "small pharma"? Difatti Kolinpharma, la prima matricola AIM Italia del 2018 con una vera e propria attività produttiva (prima di lei si erano quotate ben quattro Spac) è veramente piccola: nel 2017 ha conseguito ricavi per 4,1 milioni, il 62%

    – di Valeria Novellini

    • Agora

    La startup che mette in una pastiglia l'equivalente di due chili di frutta e verdura

    Si è trasferito in Gran Bretagna dopo la laurea - ancora non si chiamavano "cervelli in fuga" -, e da lì è rientrato nel 2005 per costituire e dirigere il Centro Ricerche della Fondazione Mach di San Michele all'Adige, storica istituzione specializzata nel settore dell'agroalimentare e della nutrizione. Oggi è un imprenditore. Roberto Viola, biochimico milanese trapiantato in Trentino, guida una startup della nutraceutica, Mirnagreen, tanto promettente da essere stata selezionata come una delle ...

    – Barbara Ganz

    • News24

    Mirnagreen punta agli Stati Uniti

    A guidarla, in veste di presidente, c'è un biologo milanese, Roberto Viola, che ha scelto di operare in Trentino, a Rovereto, attratto dalla vitalità di un ecosistema tradizionalmente molto sensibile all'innovazione. La specialità di Mirnagreen è la nutraceutica, il suo vanto quello di aver

    – di G.Rus.

    • News24

    Il business salutista in Italia muove 5,5 miliardi di euro

    a fenomeno di nicchia a fenomeno di massa (o quasi). Fino a dieci anni fa i prodotti alimentari, cosmetici o curativi ispirati a principi naturali o salutisti erano prerogativa di una distribuzione specializzata, rivolta a consumatori di fascia sociale medio-alta e caratterizzati da prezzi molto

    – di Giovanna Mancini

    • News24

    Gli integratori alimentari fanno triplicare i ricavi della Laborest

    «Quarantaquattro. Anzi no, 45: una nuova persona arriva oggi». Nuovi ingressi che da qualche tempo in Laborest sono lo standard, innesti necessari per assecondare la crescita. «A fine 2015 - spiega il direttore generale dell'azienda Roberto Cassanelli - qui eravamo 35, a fine anno saremo 47 e altre

    – di Luca Orlando

    • NovaOther

    Dagli scarti nasce un mondo intero

    Ce n'è per tutta l'industria italiana: ciò che è considerato rifiuto di un settore può diventare materia prima e pure di valore per un altro. Facciamo l'esempio del lattiero-caseario: siero e scotta di caseificazione sono scarti pure costosi da smaltire e i centri di ricerca non si lasciano sfuggire l'opportunità di estrarne molteplici sostanze come proteine, amminoacidi e zuccheri non solo per usarli in applicazioni zootecniche, per produrre mangimi per animali, o per la produzione di energia, ...

    – M.Cristina Ceresa

1-10 di 28 risultati