Parole chiave

Naspi

La Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego (Naspi) è una prestazione a domanda, erogata a favore dei lavoratori dipendenti che abbiano perduto involontariamente l’occupazione. Spetta ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato che abbiano perduto involontariamente l’occupazione, compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato; il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato;

i dipendenti a tempo determinato delle Pubbliche Amministrazioni.

Ultimo aggiornamento 03 settembre 2017

Ultime notizie su Naspi
    • News24

    Nodo costi per la Cig, ora più politiche attive

    Il 2017 si chiude con poco più di 351 milioni di ore di cassa integrazione richieste dalle imprese. Rispetto a un anno prima si registra un crollo del 39,9 per cento. Il calo a doppia cifra interessa un po' tutti i settori economici, industria -39,73%, commercio -34,13%, edilizia 30,05%; e tutte e

    – di Claudio Tucci

    • News24

    Inps: nel 2017 crolla la Cig (-39,3%), ma sale la Naspi (-3,6%)

    A dicembre sono state autorizzate dall'Inps 19,8 milioni di ore di cassa integrazione alle aziende con un calo del 30,1% su novembre (quando erano state autorizzate 28,4 milioni di ore) e del 47,6% rispetto a dicembre 2016 (erano 37,7 milioni le ore autorizzate). Lo si legge sugli Osservatori

    – di Redazione Roma

    • News24

    Lezione tedesca per gli «Npl dell'impiego»

    Cosa unisce la garanzia unica sui depositi al centro del difficile completamento dell'Unione bancaria e la garanzia pubblica per i disoccupati europei simbolo per l'Italia del nuovo corso della nuova Europa sociale e inclusiva? Il pregiudizio sfavorevole dei tedeschi, assai scettici nell'impiegare

    – di Alberto Orioli

    • News24

    Fact-checking al Jobs act: cosa ha prodotto e come va completato

    La campagna elettorale continua a mettere nel mirino il Jobs act, la riforma del mercato del lavoro varata nel 2014 dal governo Renzi, che, con leggi ordinarie e una serie di decreti delegati, ha riformato ampi aspetti del nostro diritto del lavoro, dall'introduzione delle tutele crescenti (in caso

    – di Claudio Tucci

    • News24

    Via alla decontribuzione piena per le assunzioni stabili al Sud

    E' pronto il decreto Anpal, che con circa 500 milioni di fondi Ue, proroga per un altro anno, il 2018, la decontribuzione piena per le assunzioni stabili di giovani e disoccupati del Sud. Salgono a 13 (entrano anche la Campania, con i territori di Acerra, Torre Annunziata, Battipaglia, e il Veneto,

    – di Claudio Tucci

    • News24

    Per i bancari arriva il riscatto della laurea

    Per i bancari arriva il via libera al riscatto e alla ricongiunzione dei periodi contributivi attraverso il Fondo di solidarietà del credito ordinario e cooperativo. E' stata infatti pubblicata l'attesa circolare dell'Inps (n.188 del 22 dicembre che dà attuazione ai commi 234 e 237 della legge 11

    – di Cristina Casadei

    • Agora

    62 ex dipendenti Ferroli destinati alla disoccupazione ricominciano da Dante (in cooperativa)

    C'è Elena, giovanissima, assunta da poco in amministrazione, che è andata in merceria a comprare il nastro tricolore da tagliare. C'è il sindaco con la fascia tricolore, che ricorda quando, tre anni fa, erano tutti fuori al freddo con i gazebo a protestare contro l'annunciata dismissione dei reparti. E c'è la signora Carla, moglie di Giovanni, 52 anni, da 36 al lavoro alla Ferroli di San Bonifacio, Verona. Uno dei 62 ex dipendenti - età media vicina ai 50 anni - della fonderia e del reparto asse...

    – Barbara Ganz

    • News24

    Licenziamenti, indennizzi record: in Italia fino a 24 mesi contro 20 della Francia

    ln Spagna si parte da un minimo di 33 giorni di paga per ogni anno di servizio fino a un massimo di 24 mesi di indennizzo nel caso in cui un lavoratore venga licenziato illegittimamente. Anche in Germania, per "recessi" di personale per motivi operativi, il ristoro economico inizia da mezzo mese

    – di Claudio Tucci

    • News24

    Dirsi addio (in azienda) costa sempre più caro

    Dirsi addio non è mai stato facile in nessun contesto, ma questi sembrano i tempi in cui canticchiare in azienda quella celebre canzone che nel 1968 è uscita dal repertorio di Caterina Caselli, Insieme a te non ci sto più, costi molto caro. Sempre più caro. Cominciamo dai giorni nostri. Il giovane

    – di Cristina Casadei

    • News24

    Al via il reddito di inclusione: a chi spetta e come fare domanda

    Da oggi al via le domande per ottenere il ReI, la nuova misura permanente di contrasto alla povertà che potrà riguardare in prima battuta una platea di 490mila famiglie per un totale di circa 1,8 milioni di persone nel complesso.A regime, dopo luglio, la misura - destinata a sostituire

    – di Alessia Tripodi

1-10 di 251 risultati