Parole chiave

Loan to value

Il loan to value (Ltv) è il rapporto fra il valore del finanziamento e quello dell'immobile soggetto a ipoteca. Più questo valore è basso, più la banca è tutelata dalla garanzia sull'immobile. In questi anni la percentuale finanziata si è ridotta per la caduta dei valori immobiliari di garanzia e per l'esigenza delle banche di trattenere liquidità a fini patrimoniali. Ora c'è meno paura, e i finanziamenti sono fra il 50 e l'80 per cento. Con qualche istituto che si spinge anche oltre ma chiedendo in cambio uno spread più caro. Le banche praticano spread differenziati in base al loan to value. Chi chiede un mutuo al 50% paga uno spread più basso rispetto a chi chiede un mutuo pari all’80% del valore dell’immobile.

Ultimo aggiornamento 06 luglio 2016

Ultime notizie su Loan to value
    • News24

    Il mutuo costa meno se la casa è efficiente

    Presto, entro un anno nella migliore delle ipotesi, potrebbe esplodere il settore dei "mutui verdi", finalizzati ad aumentare la classe energetica degli immobili, sia nel caso di una ristrutturazione sia nella combinazione acquisto più ristrutturazione. Si tratterebbe di finanziamenti con tassi e

    – di Adriano Lovera

    • News24

    Igd, +74% di utile netto nei primi 9 mesi a 64,7 milioni

    Igd, Immobiliare Grande Distribuzione Siiq, ha chiuso i nove mesi dell'anno con un utile netto di gruppo pari a 64,7 milioni, in aumento del +74,1% rispetto allo stesso periodo del 2016. Il risultato netto ricorrente (Ffo) è pari a 49 milioni di euro (+22,8%) e i ricavi da gestione caratteristica

    – di Radiocor Plus

    • Econopoly

    Banche che stress parte seconda: i test della Bce spiegati per essere capiti

    L'autore di questo post è Riccardo Tedeschi, senior specialist di Prometeia - Simplicity does not precede complexity, but follows it. Alan Jay Perlis (1922-1990) [1] Gli stress test macro-prudenziali della BCE Nella prima parte del presente articolo, si è visto come gli EU wide stress test dell'EBA (European Banking Authority) rappresentino fondamentalmente una valutazione micro-prudenziale e severa della solvibilità delle singole banche vigilate dalla BCE, utile per interventi preventivi in ...

    – Econopoly

    • News24

    Perché in Italia non ci sono mutui subprime

    In 10 anni il mercato dei mutui è profondamente cambiato in Italia. Sia la domanda che l'offerta hanno compiuto passi in avanti. La scossa è arrivata con ritardo rispetto al mondo anglosassone.

    – di Vito Lops

    • News24

    Mutui, i costi lievitano con le polizze. Ecco qual è il prezzo giusto

    Costano dal 2% fino a punte che superano il 10-12% dell'importo erogato e continuano ad assicurare alle banche lauti guadagni in provvigioni. Ma i consumatori sono più informati e potrebbe presto aprirsi un mercato più competitivo, con conseguente discesa dei prezzi, grazie alle ultime novità

    – di Adriano Lovera ed Emiliano Sgambato

    • Econopoly

    Banche centrali, tassi bassi e tanta liquidità: vigilanza macroprudenziale de che?

    Ho ricevuto una nota di Commerzbank (Economic Insight - "Supervisors can't cope" di Krämer) che si riallaccia a due miei articoli del 2016 qui e qui su Econopoly. Le due pagine di riflessioni vanno lette assieme all'ivi richiamato "Macroprudential frameworks: (too) great expectations?" di Borio; l'insieme dei lavori espone alcuni fatti: 1 - Ha preso corpo una supervisione bancaria il cui scopo si è evoluto dalla verifica delle condizioni di operatività bancaria "in sicurezza" rispetto ai rischi...

    – Leonardo Baggiani

    • News24

    Exor vola con la semestrale. Bene anche Fca e Juventus

    Corre in Borsa la galassia Agnelli, che vedeExor in rialzo del 3,5% a 53,4 euro (nuovamente a un passo dai massimi storici) e Fiat Chrysler riprendere la propria corsa e avanzare dell'1,4% a 12,56 euro. Anche la Juventus Fc balza del 4,4% a 0,74 euro, tornando sui livelli di inizio giugno: dalla

    – di Cheo Condina

    • News24

    Il balzo del Nav tra acquisizioni e spin-off

    I dati al 30 giugno 2017 di Exor fotografano una holding ricca come mai in passato. E questo è il frutto della complessa rivoluzione che ha coinvolto il portafoglio investimenti dal 2009 fino ad oggi. Exor ha ceduto diversi asset ma ne ha acquistati altrettanti compiendo tra l'altro, con PartnerRe,

    – Laura Galvagni

    • News24

    Agli immigrati il 4% delle compravendite residenziali

    Muovono circa il 4% del mercato dei mutui, coprono l'8% delle compravendite residenziali - circa 42mila con previsione di 45mila a fine 2017 -?e già il 19,1% di loro vive in una casa di proprietà. Ecco l'impatto degli immigrati residenti in Italia sul mercato immobiliare.

    – di Adriano Lovera

1-10 di 205 risultati