Parole chiave

Loan to value

Il loan to value (Ltv) è il rapporto fra il valore del finanziamento e quello dell'immobile soggetto a ipoteca. Più questo valore è basso, più la banca è tutelata dalla garanzia sull'immobile. In questi anni la percentuale finanziata si è ridotta per la caduta dei valori immobiliari di garanzia e per l'esigenza delle banche di trattenere liquidità a fini patrimoniali. Ora c'è meno paura, e i finanziamenti sono fra il 50 e l'80 per cento. Con qualche istituto che si spinge anche oltre ma chiedendo in cambio uno spread più caro. Le banche praticano spread differenziati in base al loan to value. Chi chiede un mutuo al 50% paga uno spread più basso rispetto a chi chiede un mutuo pari all’80% del valore dell’immobile.

Ultimo aggiornamento 06 luglio 2016

Ultime notizie su Loan to value
    • News24

    Mutui, cresce la quota di prezzo finanziata (loan to value) e l'importo erogato

    Il 2017 si conferma anno positivo per il modo dei mutui, con aumenti sia negli importi richiesti, sia in quelli erogati. Secondo l'Osservatorio Facile.it e Mutui.it, che ha preso in esame un campione di oltre 25mila richieste di finanziamento presentate tramite i due portali, nel corso dello scorso

    – di E.Sg.

    • News24

    In Spagna la rata più bassa d'Europa

    La politica espansiva della Bce ha influenzato la politica sui mutui di tutti i principali Paesi dell'area euro. Tuttavia dal confronto emergono differenze sostanziali che, in teoria, in un'area valutaria perfettamente funzionante non dovrebbero esistere. Da un'analisi di Mutui.it e Facile.it - si

    – di V.L.

    • News24

    Decisiva la durata nella ricerca del tasso perfetto

    Quale mutuo converrà stipulare nel 2018? Anche con l'inizio del nuovo anno il dubbio amletico tra tasso variabile e tasso fisso accompagnerà il percorso di scelta del prestito ipotecario. A porsi questo dubbio saranno in circa 250mila. Posto che il mercato delle compravendite si confermi - migliaia

    – di Vito Lops

    • News24

    Il mutuo costa meno se la casa è efficiente

    Presto, entro un anno nella migliore delle ipotesi, potrebbe esplodere il settore dei "mutui verdi", finalizzati ad aumentare la classe energetica degli immobili, sia nel caso di una ristrutturazione sia nella combinazione acquisto più ristrutturazione. Si tratterebbe di finanziamenti con tassi e

    – di Adriano Lovera

    • News24

    Igd, +74% di utile netto nei primi 9 mesi a 64,7 milioni

    Igd, Immobiliare Grande Distribuzione Siiq, ha chiuso i nove mesi dell'anno con un utile netto di gruppo pari a 64,7 milioni, in aumento del +74,1% rispetto allo stesso periodo del 2016. Il risultato netto ricorrente (Ffo) è pari a 49 milioni di euro (+22,8%) e i ricavi da gestione caratteristica

    – di Radiocor Plus

    • Econopoly

    Banche che stress parte seconda: i test della Bce spiegati per essere capiti

    L'autore di questo post è Riccardo Tedeschi, senior specialist di Prometeia - Simplicity does not precede complexity, but follows it. Alan Jay Perlis (1922-1990) [1] Gli stress test macro-prudenziali della BCE Nella prima parte del presente articolo, si è visto come gli EU wide stress test dell'EBA (European Banking Authority) rappresentino fondamentalmente una valutazione micro-prudenziale e severa della solvibilità delle singole banche vigilate dalla BCE, utile per interventi preventivi in ...

    – Econopoly

    • News24

    Perché in Italia non ci sono mutui subprime

    In 10 anni il mercato dei mutui è profondamente cambiato in Italia. Sia la domanda che l'offerta hanno compiuto passi in avanti. La scossa è arrivata con ritardo rispetto al mondo anglosassone.

    – di Vito Lops

    • News24

    Mutui, i costi lievitano con le polizze. Ecco qual è il prezzo giusto

    Costano dal 2% fino a punte che superano il 10-12% dell'importo erogato e continuano ad assicurare alle banche lauti guadagni in provvigioni. Ma i consumatori sono più informati e potrebbe presto aprirsi un mercato più competitivo, con conseguente discesa dei prezzi, grazie alle ultime novità

    – di Adriano Lovera ed Emiliano Sgambato

    • Econopoly

    Banche centrali, tassi bassi e tanta liquidità: vigilanza macroprudenziale de che?

    Ho ricevuto una nota di Commerzbank (Economic Insight - "Supervisors can't cope" di Krämer) che si riallaccia a due miei articoli del 2016 qui e qui su Econopoly. Le due pagine di riflessioni vanno lette assieme all'ivi richiamato "Macroprudential frameworks: (too) great expectations?" di Borio; l'insieme dei lavori espone alcuni fatti: 1 - Ha preso corpo una supervisione bancaria il cui scopo si è evoluto dalla verifica delle condizioni di operatività bancaria "in sicurezza" rispetto ai rischi...

    – Leonardo Baggiani

1-10 di 208 risultati