Parole chiave

Indice Istat

L'indice Istat rappresenta da oltre trent'anni il riferimento utilizzato normalmente per adeguare i canoni di locazione al crescere dell'inflazione. Era obbligatorio (nella misura del 75%) solo se richiesto ogni anno dal proprietario. Con la liberalizzazione della legge 431/98, di fatto non è più previsto automaticamente nel contratto e deve essere specificato. Può anche essere calcolato per intero se l'accordo tra proprietario e inquilino lo prevede. L'Indice Istat è stato istituito per adeguare periodicamente i valori monetari (non solo le locazioni ma anche, per esempio, gli assegni dovuti al coniuge separato). Tecnicamente si chiama "indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (Foi) al netto dei tabacchi". Il Foi si riferisce ai consumi dell'insieme delle famiglie che fanno capo a un lavoratore dipendente operaio o impiegato. L'indice si pubblica sulla "Gazzetta Ufficiale" ogni mese.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Indice Istat
    • News24

    Cinema, benzina e autostrade: ecco i beni più cari a 15 anni dal debutto dell'euro

    A 15 anni dal debutto dell'euro è tempo di bilanci. I prezzi al consumo di alcuni beni e servizi sono cresciuti più dell'inflazione. Altri, invece, hanno faticato a tenere il passo rispetto alla rivalutazione della moneta unica. Oggi è possibile fare i conti, grazie alla pubblicazione dei

    – di Michela Finizio

    • News24

    L'indice negativo pesa su affitti e pensioni

    Dagli affitti alle pensioni, l'indicizzazione dei canoni o degli assegni impatta annualmente sul portafoglio degli italiani, chiamati a fare i conti - negli ultimi due anni - con variazioni percentuali di segno negativo. Qualche esempio può aiutare a inquadrare il meccanismo, che in alcuni casi è

    – di Cristiano Dell'Oste e Michela Finizio

    • News24

    L'indice negativo pesa su affitti e pensioni

    Dagli affitti alle pensioni, l'indicizzazione dei canoni o degli assegni impatta annualmente sul portafoglio degli italiani, chiamati a fare i conti - negli ultimi due anni - con variazioni percentuali di segno negativo. Qualche esempio può aiutare a inquadrare il meccanismo, che in alcuni casi è

    – Michela Finizio

    • News24

    Dal 1° gennaio rincarano solo le multe pesanti

    Il 1° gennaio scatterà il rincaro delle multe stradali più limitato di sempre: appena lo 0,1%. Ciò, per effetto degli arrotondamenti, vuol dire che tutte le sanzioni fino a circa 500 euro resteranno invariate e che quelle superiori aumenteranno solo di pochi euro. Dunque, il consueto adeguamento

    – di Maurizio Caprino

    • News24

    Trattamento di fine rapporto, stabilito il valore di novembre

    A novembre il coefficiente per rivalutare le quote di Trattamento di fine rapporto (Tfr) accantonate al 31 dicembre 2015 è pari a 1,445093. L'articolo 2120 del codice civile stabilisce che alla fine di ogni anno la quota di Tfr accantonata deve essere rivalutata. Per determinare il coefficiente di

    – di Nevio Bianchi e Pierpaolo Perrone

    • News24

    Rivalutazione del Tfr, definito il valore di ottobre

    Ad ottobre il coefficiente per rivalutare le quote di Trattamento di fine rapporto (Tfr) accantonate al 31 dicembre 2015 è pari a 1,320093. L'articolo 2120 del codice civile stabilisce che alla fine di ogni anno la quota di Tfr accantonata deve essere rivalutata. Per determinare il coefficiente di

    – di Nevio Bianchi e Pierpaolo Perrone

    • News24

    Definito il coefficiente di settembre per il Tfr

    A settembre il coefficiente per rivalutare le quote di trattamento di fine rapporto (Tfr) accantonate al 31 dicembre 2015 è pari a 1,195093. L'articolo 2120 del codice civile stabilisce che alla fine di ogni anno la quota di Tfr accantonata deve essere rivalutata. Per determinare il coefficiente di

    – di Nevio Bianchi e Pierpaolo Perrone

    • News24

    Tre anni di deflazione ma non per le tariffe locali

    «Deflazione» è la parola chiave di questi anni: prezzi fermi o addirittura in discesa e famiglie che - pure a fronte di buste paga e pensioni quasi immobili - riescono a recuperare potere d'acquisto e a portare a casa un carrello della spesa almeno dignitoso. Ma è davvero questa la situazione? Il

    – di Rossella Cadeo

1-10 di 274 risultati