Parole chiave

Gdpr

Le norme del General data protection regulation (Gdpr) entreranno in vigore nel maggio 2018 e per adeguarsi serve un approccio multidisciplinare. Tra le novità la valutazione dei rischi dei trattamenti e, quando previsto, una valutazione di impatto, l’obbligo di adottare un livello di sicurezza adeguato al rischio, l’obbligo di segnalare le violazioni dei dati alla Autorità di controllo e, nei casi più gravi, agli interessati

Ultimo aggiornamento 30 gennaio 2017

Ultime notizie su Gdpr
    • NovaCento

    Spazio Europeo della Ricerca e Nuove Regole sul Trattamento dei Dati.

    A partire dal 25 Maggio del 2018 il Regolamento Generale Europeo sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR) entrerà in vigore, abrogando la Direttiva 95/46 e sostituendo le diverse normative nazionali con un unico insieme di regole sul trattamento dei dati direttamente e uniformemente applicabili in tutta l'Unione Europea. L'eliminazione dell'attuale frammentazione normativa in materia costituisce una tutela per i soggetti interessati, un vantaggio per le imprese e organizzazioni che processano ...

    – Maria Luisa Manis

    • Econopoly

    Prova a prenderli. Hacker, cybersecurity e politiche economiche (parte 1)

    Pubblichiamo un post di Claudia Biancotti e Riccardo Cristadoro, Senior Economist e Senior Director del Dipartimento di Economia e Statistica della Banca d'Italia* - A fronte dei fallimenti del mercato descritti nel post precedente è necessario disegnare politiche economiche correttive per elevare il livello di sicurezza informatica complessiva del sistema economico. Purtroppo in questo campo la ricerca è partita tardi e la raccolta di dati affidabili, essenziali per uno studio rigoroso del fen...

    – Econopoly

    • News24

    La rivoluzione Ue nella tutela dei dati: spazi per le imprese

    E' quanto prescrive il cosiddetto Gdpr (General data protection regulation) cioè il nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali (n. 679/2016) che sarà applicato da tutti gli stati membri dell'Unione europea a partire dal 25... Il Gdpr non prescrive quali siano le misure da adottare, dettando un elenco di adempimenti; al contrario, lascia all'impresa o all'ente titolare del trattamento, la valutazione dei rischi, del valore dei dati, della loro criticità e, dunque, la...

    – di Max Bergami e Giusella Finocchiaro*

    • NovaCento

    L'importanza della formazione dei lavoratori per la protezione dei dati personali

    Dato il progressivo aumento dei soggetti interessati alla protezione dei propri dati personali, le imprese stanno curando in via sempre maggiore le informazioni che raccolgono investendo soprattutto in misure di sicurezza efficienti atte a proteggere i dati trattati attraverso l'utilizzo di strumenti aziendali. Tuttavia molto spesso si tralascia un aspetto fondamentale per garantire il corretto utilizzo dei dati personali: la formazione dei dipendenti. Mentre il focus principale delle aziende è ...

    – ADAPT

    • News24

    Data Protection Officer: una figura strategica tra privacy e security

    Di questa figura professionale si sta iniziando a parlare con sempre maggiore insistenza perché, nella sostanza, la richiede il nuovo Regolamento europeo 2016/679 per la protezione e libera circolazione dei dati personali, il cosiddetto Gdpr, che andrà in vigore a partire da maggio del prossimo

    – di Gianni Rusconi

    • News24

    Privacy, incentivata la certificazione in via autonoma

    Il Gdpr (General Data Protection Regulation- Regolamento UE 2016/679) incentiva l'istituzione di meccanismi di certificazione della protezione dei dati «allo scopo di dimostrare la conformità al (...) regolamento dei trattamenti effettuati dai titolari del trattamento e dai responsabili» (articolo

    – di Rosario Imperiali

    • News24

    La cybersecurity è (anche) un problema di tutto il management

    La consapevolezza in tema di sicurezza informatica, nelle imprese italiane, sta crescendo e lo dimostra l'aumento della spesa in soluzioni dedicate, che nel 2016 ha raggiunto quota 972 milioni di euro, in salita del 5% rispetto 2015. Ma non è abbastanza. Perché, come ha rilevato anche l'ultima

    – di Gianni Rusconi

    • NovaOther

    Il patrimonio nascosto delle banche

    Ne hanno scoperto troppo tardi l'immenso valore. Ora rischiano di vederselo sottrarre, legalmente, dagli ultimi arrivati. Le banche sono rimaste oziosamente sedute per anni sul forziere del loro più grande patrimonio nascosto: i dati digitali dei propri clienti.  Tra pochi mesi, i lucchetti di quel forziere saranno forzatamente scardinati dalle nuove normative europee, che garantiscono l'accesso e la portabilità dei dati a nuove terze parti di servizio indicate dai clienti finali. Con l'entrata ...

    – Carlo Alberto Carnevale Maffé

1-10 di 16 risultati