Le parole chiave

Fratelli musulmani

Il movimento islamista dei Fratelli musulmani è nato nel 1928 per iniziativa di Hassan el-Banna, per anni è stato la principale forza di opposizione in Egitto senza essere riconosciuto dallo Stato. I Fratelli musulmani si sono opposti alla secolarizzazione delle nazioni islamiche, in favore di un'osservanza più rigida del Corano. Dalla Fratellanza egiziana derivano tutte le altre organizzazioni diffuse sul piano internazionale e alcune sette estremiste. Dopo la rivoluzione del 2011 in Egitto e la caduta di Mubarak, i Fratelli musulmani sono stati riconosciuti. Il gruppo ha sostenuto il referendum costituzionale del marzo del 2011 e ha fondato il partito Libertà e giustizia. Nelle elezioni di settembre ha ottenuto 235 seggi. Alle presidenziali di quest'anno, le prime in Egitto, il leader del gruppo Mohamed Morsi ha vinto con il 51,73% dei voti.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Fratelli musulmani
    • News24

    Siria, ecco i punti chiave della fragile tregua

    Dovrebbe entrare in vigore questa sera al tramonto la tregua in Siria messa a punto da Russia e Stati Uniti e che ha ottenuto il via libera di alcuni Paesi e organizzazioni coinvolti nel conflitto pur suscitando qualche perplessità. Innanzitutto è difficile però poter definire tregua un accordo

    – di Gianandrea Gaiani

    • News24

    I tempi diversi del business e della diplomazia

    Dopo i militari, i giornalisti, gli insegnanti di ogni ordine e grado, i grand commis e i burocrati di stato, i medici e i poliziotti, ora tocca agli uomini d'affari privati. La grande purga di Erdogan che ha trasformato in golpe quello che doveva essere un legittimo ripristino della legalità ha

    – di Ugo Tramballi

    • News24

    Furia turca per le accuse tedesche

    Berlino cerca di smorzare i toni ma Ankara è furiosa dopo il report del governo tedesco, reso pubblico martedì dall'emittente televisiva Ard, secondo cui la Turchia sarebbe diventata negli ultimi anni una delle principali piattaforme per i gruppi jihadisti nella regione mediorientale e il

    • News24

    Libia, perché la liberazione di Sirte non è ancora la fine dell'Isis

    Potrebbe essere questione di ore prima che il premier libico Fayez al-Serraj annunci ufficialmente la liberazione di Sirte, roccaforte dello Stato Islamico in Libia. Dopo due mesi di assedio le milizie filogovernative della Tripolitania colgono un primo importante successo, da ascrivere soprattutto

    – di Gianandrea Gaiani

    • News24

    Chi sono in Libia gli alleati e i nemici?

    Le notizie dal mondo arabo-musulmano, e non solo da quello, sono preoccupanti: il pessimismo appare il criterio più affidabile per anticiparne gli sviluppi politici. La Libia non sfugge alla regola anche se la sconfitta dell'Isis a Sirte e la prossima riapertura dell'ambasciata italiana a Tripoli

    – di Alberto Negri

    • News24

    Chi controlla i pozzi di petrolio in Libia? I timori dell'Occidente

    Quando, a fine luglio, veniva annunciato un accordo per rilanciare l'export petrolifero della Libia, nessuno si era fatto molte illusioni. Ancora una volta le rivalità tra Tripoli e Tobruk rischiano di vanificare tutto.

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Se il fronte aperto dagli Usa disorienta l'Italia

    Il nuovo fronte libico aperto dagli americani ci coglie impreparati. Per i libici è un dramma - un Paese in dissoluzione tra scorribande delle milizie, criminalità, Isis e interventi esterni - per l'Italia continua a essere un dilemma: cosa fare in Libia? Non lo sappiamo con chiarezza ora, come non

    – di Alberto Negri

    • News24

    Perché i raid Usa non daranno il colpo di grazia all'Isis in Libia

    L'Italia è pronta «a considerare positivamente un eventuale utilizzo delle basi sul territorio nazionale, se dovesse essere funzionale ad una più rapida ed efficace conclusione delle operazioni in corso». Lo ha detto il ministro della Difesa Roberta Pinotti, rispondendo ad un'interrogazione sul

    – di Gianandrea Gaiani

1-10 di 837 risultati