Le parole chiave

Fesr

Il Fesr (sta per Fondo europeo di sviluppo regionale) mira a consolidare la coesione economica e sociale dell’Unione europea correggendo gli squilibri fra le regioni. In particolare, il Fesr concentra gli investimenti su diverse aree prioritarie chiave; tale approccio assume il nome di «concentrazione tematica»: si va da innovazione e ricerca al sostegno della competitività delle Pmi, dallo sviluppo di energie sostenibili e innovative alla promozione della digitalizzazione.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Fesr
    • News24

    11 milioni all'economia solidale del Sud Italia grazie a Banca Etica

    11 milioni di euro sono arrivati a molte imprese del sud Italia grazie a Banca Etica, l'unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica che opera su tutto il territorio nazionale attraverso una rete di filiali, banchieri ambulanti e grazie ai servizi di home e mobile banking. Banca Etica

    – di Lucilla Incorvati

    • News24

    Quali strade per la cabina di regia di Industria 4.0

    Ma quali strade intende battere la nuova Cabina di regia, che il prossimo 5 agosto il ministro Calenda ha annunciato di avviare, attingendo alle risorse finanziarie già stanziate nel Fondo rotativo (Fri) e da stanziare per l'orizzonte temporale 2016-2012 in appositi plafonds, con il concorso dei fondi regionali europei (Fesr, Fcs) e della Cassa Depositi e Prestiti?

    – di Fabrizio Onida

    • News24

    Disastro treni: altri 4 indagati, 10 milioni per le vittime

    Il ministro dei Trasporti Graziano Delrio ha tenuto di nuovo a sottolineare che quella di martedì non è stata «una strage di Stato» e che la Puglia ha avuto molte difficoltà nell'interlocuzione con l'Ue, che aveva finanziato il raddoppio del binario unico sulla tratta Corato-Barletta già nel 2012 nell'ambito della programmazione dei Fesr 2007-2013.

    – Manuela Perrone

    • News24

    I pm: non solo errori umani

    E poi ritardi, soprattutto al Sud, come quello che ha fatto slittare il raddoppio del binario nella tratta dell'orrore, approvato nel 2012 e finanziato dall'Unione europea con la programmazione dei Fesr 2007-2013.

    – Vincenzo Rutigliano

    • News24

    Scontro treni, indagati due capistazione. Pm: riduttivo parlare solo di errore umano

    Sono i due capistazione di Andria e Corato - Vito Piccarreta e Alessio Porcelli - i primi iscritti nel registro degli indagati per lo scontro fra i treni sul binario unico fra Andria e Corato, che ha causato maretedì la morte di 23 persone. Il fascicolo aperto dalla Procura di Trani ipotizza i

    – Andrea Gagliardi

    • News24

    Sotto accusa i controlli con il telefono

    «Ministro, lei è il primo responsabile, politicamente, di questa tragedia», ha detto Giuseppe D'Ambrosio, autore nel 2013 di un'interrogazione sul mancato raddoppio della tratta Corato-Andria, finanziato già con i Fesr 2007-2013 ma "traslato" sulla programmazione 2014-2020 (la presentazione delle offerte scade il 19 luglio).

    – Manuela Perrone

    • News24

    Scontro fra treni in Puglia, 23 vittime: primi nomi nel registro degli indagati

    La Procura di Trani ha iscritto i primi nomi nel registro degli indagati per i reati di disastro ferroviario colposo e omicidio colposo plurimo per lo scontro tra i due treni sul binario unico nelle campagne tra Andria e Corato. Il fascicolo punta al personale di Ferrotramviaria: innanzitutto ai

    – Andrea Gagliardi

    • News24

    Mattarella: una tragedia inammissibile

    Il potenziamento della tratta su cui è avvenuto lo scontro era stato inserito nella programmazione dei Fesr 2007-2013 e approvato ad aprile 2012.

    – Manuela Perrone

1-10 di 296 risultati