Parole chiave

Faang

Si tratta dell’acronimo formato dalle iniziali dei quattro giganti della rete Facebook, Amazon, Apple, Netflix, Google. In Europa si studiano le contromosse per evitare che lo spostamento verso l’economia digitale sottragga agli stati ampie fette di imponibile. Per questo si sta studiano la possibilità di una web tax, che permetta appunto di evitare questa sottrazione di base imponibile. Tuttavia la presenza di Stati che si oppongono a questa soluzione, rende il cammino più accidentato.

Ultimo aggiornamento 07 ottobre 2017

Ultime notizie su Faang
    • News24

    Wall Street e il dominio delle "Big five" del tech. Il rischio bolla

    Secondo BofAML la strategia operativa su “Faang e Bat” (Facebook, Amazon, Apple, Netflix, Google più le cinesi Baidu, Alibaba e Tencent) è la più gettonata tra gli investitori globali. ... Tanto che l’appetito sui “Faang e Bat” non da pochi è considerato un’opportunità in ottica “contrarian”. ... I vari acronimi quali “Faang” oppure “Bat” aiutano a richiamare nell’immediato un mondo legato all’hi-tech.

    – di Vittorio Carlini

    • News24

    Apple e gli altri «Faang». E' l’ora di distinguere tra i colossi hi-tech

    In quella che sembrava una settimana difficile per la galassia dei cosiddetti Faang (acronimo col quale viene individuato il gruppo composto da Facebook, Amazon, Apple, Netflix e Google), il colosso di Cupertino ha piazzato una trimestrale... I Faang stanno bene, ma non benissimo ... I Faang stanno bene, ma non benissimio.

    – di Biagio Simonetta

    • News24

    Big Tech sull'orlo dell'abisso? Wall Street appesa ai conti Apple: i numeri da tener d'occhio

    Le deludenti trimestrali di Netflix e soprattutto di Facebook hanno trascinato due delle perle tecnologiche statunitensi, le cosiddette Faang, ufficialmente in zona “orso”, ovvero almeno il 20% al di sotto dei massimi. L’indice Faang+ (quello con Facebook, Apple, Amazon, Netflix e Google, oltre a qualche titolo tech cinese) è sceso in pochi giorni del 10%, entrando in zona correzione, dopo aver brillato nei primi sei mesi dell’anno. ...quella sui titoli Faang sia la...

    – di Enrico Marro

    • News24

    Borse, petrolio, Bitcoin: chi vince e chi perde sui mercati nel primo semestre

    Chi l'avrebbe mai detto? Bitcoin -57%, Nasdaq +10%, DAX 30 -5%. Petrolio +22%, oro -4%, dollaro +2,5%. Nel primo semestre del 2018 è andata proprio così. I numeri espressi dai mercati finanziari evidenziano variazioni significative, molte delle quali a doppia cifra. Il flusso di capitali si è

    – di Vito Lops

    • News24

    Fondi hedge, allerta dell'authority europea sui 150 ribassisti di Borsa

    Questo rosso ovviamente non ingloba solo eventuali puntate al ribasso rivelatesi poi inesatte ma certo annovera anche il calo delle posizioni long (rialziste) considerate le turbolenze dell’ultimo periodo sui mercati, vuoi per i dazi commerciali imposti dagli Usa di Donald Trump alla Cina, vuoi per lo scandalo legato alla gestione dei big data da parte di Facebook e altri colossi tecnologici (la cosiddetta “Faang economy”).

    – di Vito Lops

    • News24

    Datagate, il «conto» sale a 700 miliardi

    Il conto dello scandalo "Cambridge Analitica" ha superato i 700 miliardi di dollari. Tanto il settore tecnologico a livello mondiale ha perso in termini di capitalizzazione dallo scoppio del «Datagate» due settimane fa. Chi ha perso più di tutti è ovviamente la società finita sul banco degli

    – di Andrea Franceschi

    • News24

    Regole a una svolta. La digital economy ora è sotto assedio

    «Mi ricorda il Duemila». Ken Leech, chief investment officer del gruppo di asset management Legg Mason, riconosce l'eco "dolorosa" di bolle esplose in passato nel terremoto che oggi scuote la leadership tecnologica in Borsa. Allora gonfiate da un boom scriteriato di fragili dot com. Oggi nutrite da

    – di Marco Valsania

    • News24

    Hi-tech in Borsa, tutte le previsioni degli analisti sui conti di Apple & Co

    Oggi e domani saranno due giornate cruciali per i mercati. In programma infatti ci sono i conti societari delle cinque maggiori società quotate al mondo: Facebook, Apple, Amazon, Microsoft e Google (FAAMG in gergo). Cinque big tecnologici che messi insieme valgono in Borsa qualcosa come 3600

    – di Andrea Franceschi

    • News24

    Shiller e gli indici che fiutano le "bolle" finanziarie

    Nel 2013 Robert Shiller ha vinto il Nobel per le sue analisi sui prezzi delle azioni. Una vita di studi e una lunga lista di pubblicazioni dedicate a capire eccessi, irrazionalità degli investitori e "bolle" finanziarie. Proprio un indicatore elaborato da Shiller, il CAPE ratio (cyclically adjusted

    – di Mauro Del Corno

1-10 di 14 risultati