Parole chiave

Domanda estera

La domanda estera, per l'Italia, è la domanda di prodotti (beni e servizi) italiani che viene dai mercati esteri, e che si traduce in esportazioni italiane. Le esportazioni dipendono essenzialmente da due fattori: da come tira l'economia nei mercati di sbocco (la domanda interna degli altri Paesi); e dalla competitività delle merci italiane, cioè dalla loro qualità e dal loro prezzo. Quando la domanda interna è debole le imprese raddoppiano gli sforzi per vendere all'estero: si dice, allora, che l'economia è tirata dalle esportazioni. Quello che conta, agli effetti di questo tiraggio, è la domanda estera netta: cioè le esportazioni, meno le importazioni

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Domanda estera
    • News24

    Più crescita e meno debito nel 2016

    Questa crescita «continua e diffusa», rilevano i tecnici, è stata messa a segno al netto dell'effetto negativo della domanda estera netta, visto che le importazioni maggiori rispetto all'export hanno pesato per 0,5 punti.

    – di Colombo e Trovati

    • News24

    Federmeccanica: +2,4% produzione nel primo semestre. Ma livelli precrisi lontani

    «Le dinamiche positive registrate nell'industria metalmeccanica - spiega Federmeccanica - risultano ascrivibili all'incremento dei consumi delle famiglie (+1,2% nel dato tendenziale Istat del secondo trimestre) e alla domanda per beni d'investimento (+2,6%) ma anche grazie alla positiva evoluzione della domanda estera rivolta al settore.

    • News24

    Il surplus tedesco, il bene dell'Europa e quello di Berlino

    Secondo Rajan, il «settore manifatturiero super-efficiente» della Germania ha operato «accanto a un settore di servizi moribondo», creando un "focus" continuo sulla domanda estera «anche quando la domanda interna è "addormentata"».

    – di Fabrizio Coricelli

    • News24

    Pmi, cosa insegna il caso Albertini

    Nel 2011, ultimo anno per cui il dato è disponibile, 49% del valore aggiunto nazionale del manifatturiero rifletteva la domanda estera totale, un balzo rispetto al 2008 (45%) e sostanzialmente di più che la media Ocse (42%). Non sorprende che metallurgia e automotive siano i comparti dove maggiore è il coefficiente di attivazione della domanda estera sul valore aggiunto nazionale.

    – di Andrea Goldstein

    • News24

    Per il manifatturiero ripresa consolidata

    Soprattutto per non sprecare l'occasione di proseguire e rafforzare la fase di ripresa: anche quest'anno, secondo le previsioni Unioncamere-Confindustria Toscana, le prospettive dell'industria sono positive, con la domanda estera che torna a tirare (+10,1% l'export nel primo trimestre 2017 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno) dopo un 2016 opaco (l'anno si è chiuso con vendite estere a +0,6%) e il mercato interno che dovrebbe proseguire nella fase di moderata espansione.

    – di Silvia Pieraccini

    • Econopoly

    Contrattazione decentrata e politica dei minimi: un'idea per il Sud

    Inoltre l'effetto regressivo si può innescare in particolare in economie tipicamente poco dipendenti dalla domanda estera e dalla domanda proveniente dalle altre regioni del Paese (che compenserebbero un eventuale effetto regressivo sulla domanda... Il Grafico 3 mostra che le regioni del Sud sono effettivamente meno esposte alla domanda estera rispetto ad altre regioni: questo le rende dunque più sensibili ad eventuali diminuzioni della domanda interna.

    – Tortuga

    • News24

    CsC: produzione industriale +0,5% a maggio

    Il Centro studi di Confindustria rileva un aumento della produzione industriale dello 0,5% in maggio su aprile, quando c'è stato un calo dello 0,4% su marzo, comunicato ieri dall'Istat. Nel primo trimestre 2017 l'attività è diminuita dello 0,3% congiunturale (dopo +1,0% nel quarto 2016); nel

    • News24

    Borse, Tokyo in calo (-0,5%) appesantita dai titoli tecnologici

    TOKYO - L'indice Nikkei della Borsa di Tokyo ha chiuso oggi in ribasso dello 0,52% a quota 19.908,58 punti. A indirizzare il mercato verso il basso sono stati soprattutto i titoli del comparto tecnologico, sulla scia della precedente debolezza del settore a Wall Street dopo un report problematico

    – dal nostro corrispondente Stefano Carrer

    • News24

    Record dei robot della ceramica

    Ha battuto lo scorso anno il muro dei 2 miliardi di euro di fatturato, record di sempre per l'industria italiana delle macchine per ceramica, e ha messo a segno nel primo trimestre del 2017 un boom del 60,6% (anno su anno) delle vendite in Italia di cui non c'è traccia nel passato. «Per quanto il

    – di Ilaria Vesentini

1-10 di 638 risultati