Le parole chiave

Default dell'emittente

È la situazione di insolvenza in cui può ritrovarsi un'emittente (una società , un ente ma anche uno Stato sovrano). In pratica consiste nell'incapacità tecnica di rispettare le clausole contrattuali previste dal regolamento di un finanziamento. È formale quando non si rispettano determinati indici di copertura o patrimoniali tali per cui il prestito potrebbe subire una significativa modifica del proprio merito di credito. Il default è invece sostanziale quando un emittente non sia materialmente in grado di corrispondere le rate di interesse o di rimborso del capitale alla naturale scadenza di ciascuna. È il rischio che corre la Grecia e che si cerca di scongiurare.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Default dell'emittente
    • News24

    Le strategie dei gestori nella caccia al rendimento

    Non ci sono pasti gratis. La regola aurea della finanza è quantomai attuale oggi in un mercato obbligazionario, sia sovrano che "corporate", in cui i rendimenti compressi dalle politiche ultraespansive delle banche centrali hanno costretto gli investitori istituzionali a prendersi più rischi per

    – di Andrea Franceschi

    • Agora

    Per la finanza la Terra non gira più intorno al Sole

    Tra i punti fermi dell'ordine delle cose c'è che la Terra gira intorno al Sole. Bene, stando alle nuove logiche della finanza non è più così. Tra i punti fermi finora c'era che i tassi dei titoli di Stato e delle obbligazioni in senso lato girassero intorno all'inflazione. Non è più vero. L'inflazione non c'è e se ne intravedono briciole all'orizzonte. Così i tassi nominali dei titoli oggi praticamente coincidono con quelli reali. O in molti casi sono addirittura superiori! Benvenuti nell'era d...

    – Vito Lops

    • News24

    Cds

    Con l'acronimo Cds si fa riferimento ai Credit Default Swap, contratti derivati che funzionano come polizze di assicurazione a copertura di un investimento

    • News24

    Banche in crisi: come funziona il bail-in e cosa cambia per i tuoi risparmi

    Le nuove regole europee in materia di gestione delle crisi bancarie hanno creato molta confusione tra i risparmiatori e gli addetti ai lavori. Vediamo di fare un po' di chiarezza riassumendo i termini della questione anche con l'aiuto di un documento messo a punto l'estate scorsa da Banca d'Italia.

    • News24

    La miopia Ue e i toni da abbassare

    Il capo della vigilanza della Banca d'Italia lo ha ricordato ieri. In Italia, ha spiegato, la funzione preventiva dei fondi di garanzia dei depositanti è stata la linea portante della soluzione delle crisi delle aziende di credito, dall'approvazione delle Legge Bancaria, nel 1936 a oggi. In

    – Rossella Bocciarelli

1-10 di 33 risultati