Parole chiave

Cuneo

È un indicatore dato dalla sommatoria di tutte le imposte che gravano sul costo complessivo del lavoro; è cioè la differenza tra lo stipendio materialmente percepito dal lavoratore dipendente e la sua retribuzione lorda, ovvero quanto effettivamente corrisposto dal datore di lavoro, comprensivo delle ritenute fiscali e dei contributi previdenziali ed assicurativi da lui versati per conto del lavoratore dipendente e, pertanto, trattenuti in busta paga

Ultimo aggiornamento 04 aprile 2017

Ultime notizie su Cuneo
    • News24

    Crescita in bilico con gli shock fiscali

    Numerose proposte fiscali, alcune desiderabili, molte altre ancora da libro dei sogni. A proposte imprudenti, se ne associano altre in sé anche accettabili ma che non hanno ancora copertura fiscale certa, quindi nel contesto di finanza pubblica italiana poche chance di essere realizzate. Si è già

    – di Mauro Marè

    • Info Data

    Amore, divorzio e geocoding. Ecco la mappa dei matrimoni finiti

    Dal dicembre 1970, quando fu introdotto in Italia il divorzio, sono tante le coppie che hanno deciso di lasciarsi dopo il matrimonio. Secondo i dati Istat riferiti all'anno 2017, infatti, oggi ci sono più di 1,5 milioni di persone che hanno sciolto il vincolo nuziale e non si sono risposate, mentre i coniugati sono invece poco meno di 29 milioni. Il tasso di divorzio quindi si attesta, in media, sul 5,1%, e tuttavia presente forti differenze regionali. E' nel Nord Ovest dove queste percentual...

    – Andrea Gianotti

    • News24

    Boccia: chi è contro l'industria è contro l'Italia, scelte chiare

    Basta con la campagna elettorale, si cominci a governare il paese. «Ora servono scelte, chiare». E' l'appello che Vincenzo Boccia manda alla politica dal convegno dei Giovani imprenditori di Rapallo. Dopo le amministrative, le elezioni Ue del 2019 e le vicende europee «non possono essere l'alibi»

    – di Nicoletta Picchio

    • News24

    Confindustria, Boccia: governo alla prova dei fatti, pronti a confronto

    E' «nelle responsabilità delle parti sociali aprire un confronto con l'attuale classe dirigente che governa il Paese», e «siamo pronti, appena ci convocheranno, a proporre quelle che sono le nostre idee di politica economica». Lo ha detto il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, al convegno

    • Info Data

    I Comuni dove finisce l'amore. Ecco dove si divorzia di più

    Dal dicembre 1970, quando fu introdotto in Italia il divorzio, sono tante le coppie che hanno deciso di lasciarsi dopo il matrimonio. Secondo i dati Istat riferiti all'anno 2017, infatti, oggi ci sono più di 1,5 milioni di persone che hanno sciolto il vincolo nuziale e non si sono risposate, mentre i coniugati sono invece poco meno di 29 milioni. Il tasso di divorzio quindi si attesta, in media, sul 5,1%, e tuttavia presente forti differenze regionali. E' nel Nord Ovest dove queste percentual...

    – Andrea Gianotti

    • News24

    La nuova vita delle Fondazioni: socie stabili nelle ex popolari

    Con 40 miliardi di patrimonio, le 88 Fondazioni ex bancarie continuano a rappresentare per l'Italia un importante strumento di investimenti nel sociale e, negli anni recenti, anche nel promuovere e co-finanziare start up sul territorio. Al 24° congresso Acri dal titolo «Identità e cambiamento», che

    – di Alessandro Graziani

    • News24

    Dalla «tartaruga» alla generazione frecciarossa

    Sul cambiamento del Paese negli ultimi 50 anni ha inciso in misura determinante l'evoluzione del trasporto ferroviario. C'è un dato che colpisce e certifica il successo del treno: il raddoppio dei passeggeri. Nell'anno 1965 i viaggiatori furono poco più di 320 milioni; oggi sulla rete nazionale

    – di Marco Morino

    • News24

    Fimaa: nelle grandi città prezzi in lieve ripresa. Ma la media italiana è negativa

    Continua la lenta ripresa del residenziale, ma manca ancora lo sprint ormai atteso da (troppo) tempo, soprattutto a causa del peso fiscale. Acquisti quindi ancora in aumento con prezzi che (con l'eccezione di alcune grandi città) lasciano ancora qualcosa sul terreno. E' il quadro che emerge da una

    – di Emiliano Sgambato

    • News24

    Boccia: speriamo il Jobs act non cambi in peggio

    «Sulla questione Jobs act, è chiaro che ogni cambiamento può essere migliorativo o peggiorativo. Speriamo non sia peggiorativo. Ma su questo il confronto con il governo mi sembra sano, per capire quali cose sono nell'interesse del Paese, dei lavoratori italiani e delle industrie». Dice così il

    – di Nicola Barone

1-10 di 4169 risultati