Parole chiave

Cooperazione

La fiscalità è una delle materie per cui i trattati europei prevedono l'unanimità. Tuttavia, la procedura di cooperazione rafforzata consente ad alcuni Stati membri di implementare talune normative, a condizione che gli effetti di tali normative si limitino alla giurisdizione di tali Stati: non deve quindi aversi alcun effetto sugli altri Stati membri, che non aderiscono alla cooperazione rafforzata

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Cooperazione rafforzata | Stati Membri |

Ultime notizie su Cooperazione

    L'allarme di Verizon: carte di credito sempre meno sicure

    «La condivisione dei dati e la cooperazione tra diversi settori è essenziale per comprendere il panorama delle minacce in evoluzione, e per il progresso della sicurezza dei pagamenti a livello globale.

    – di Biagio Simonetta

    Il 40% delle ragazze 25-29enni non studia, non lavora e non lo cerca

    Quattro giovani donne italiane su dieci fra i 25 e i 29 anni sono "inattive", cioè non studiano, non lavorano, non cercano lavoro. Sono le cosiddette NEET. Fra i ragazzi della stessa età la percentuale è del 28%, che pone questo gender gap al quinto posto fra i più alti dell'area OCSE. La percentuale di inattive si abbassa man mano che cresce il livello di istruzione: fra le laureate di questa fascia di età lo è solo il 17%. Un dato interessante è che fra i 20-24enni, cioè i ragazzi appena più g...

    – Cristina Da Rold

    Apprendere ad apprendere: ecco come nasce l'intelligenza artificiale

    Perché la diversità tra due componenti strette nello stesso spazio‐tempo è prima conflitto, poi negoziazione, poi ancora errori e approssimazioni, e infine cooperazione. Cooperazione anche e forse sopratutto inconsapevole: man mano, infatti, che ogni componente si specializza in un tipo di risposta, è la capacità di risposta globale dell'insieme che diventa più efficace per affrontare qualsiasi perturbazione esterna ...basate sulla cooperazione inconsapevole di molte piccole reti...

    – di Massimo Buscema

    Il 40% delle ragazze 25-29 enni non studia, non lavora e non cerca lavoro

    Quattro giovani donne italiane su dieci fra i 25 e i 29 anni sono "inattive", cioè non studiano, non lavorano, non cercano lavoro. Sono le cosiddette NEET. Fra i ragazzi della stessa età la percentuale è del 28%, che pone questo gender gap al quinto posto fra i più alti dell'area OCSE. La percentuale di inattive si abbassa man mano che cresce il livello di istruzione: fra le laureate di questa fascia di età lo è solo il 17%. Un dato interessante è che fra i 20-24enni, cioè i ragazzi appena più g...

    – Cristina Da Rold

    Ecco perché il capo di Alibaba non flirta più con Trump

    “l'impegno di creare un milione di nuovi posti di lavoro era basato su rapporti di cooperazione amichevole tra Cina e Stati Uniti che non ci sono più”.

    – dal nostro nostro corrispondente Riccardo Barlaam

1-10 di 8806 risultati