Parole chiave

Cooperative compliance

La cooperative compliance consente di accedere a strumenti di dialogo preventivo tra contribuente ed Entrate in grado di evitare contestazioni, di ridurre gli adempimenti amministrativi e di esonerare dal rilascio di garanzie per i rimborsi di imposte.

L'intento è di garantire la certezza del diritto e di deprocessualizzare il diritto tributario partendo dai grandi gruppi, all'inizio con un fatturato superiore ai 10 miliardi. A regime potranno entrare tutti i cosiddetti «grandi contribuenti», ossia chi fattura più di 100 milioni di euro all'anno. Il regime è opzionale (va presentata un'istanza alla quale l'Agenzia deve rispondere entro 120 giorni) e mira a ricondurre la gestione del rischio fiscale all'interno dei sistemi di gestione e controllo delle aziende secondo le logiche del Dlgs 231/2001 sulla responsabilità amministrativa

Ultimo aggiornamento 06 ottobre 2016

Ultime notizie su Cooperative compliance
    • News24

    Leonardo, sì alla cooperative compliance

    A fare da apripista, a gennaio, era stata la Ferrero, la prima, tra le grandi aziende, ad aderire al regime della cooperative compliance, vale a dire l'interlocuzione costante e preventiva con l'agenzia delle Entrate, finalizzata a valutare congiuntamente le situazioni suscettibili di generare

    – di Celestina Dominelli

    • News24

    Web tax, rischio falsa partenza

    Un po' come la tassa Airbnb, che non è una tassa (ma una ritenuta) e non riguarda solo Airbnb, anche la web tax italiana non corrisponde al suo "nome comune". Più che un'imposta, è una procedura facoltativa rivolta ai grandi operatori - compresi i big di internet come Google e Facebook -, che può

    – Cristiano dell'Oste e Giovanni Parente

    • News24

    Lettere di compliance, atteso mezzo miliardo

    Lettere di compliance, ravvedimento e tutta l'attività di prevenzione dell'evasione valgono fino a 550 milioni. E' quanto prevede la convenzione tra dipartimento delle Finanze e agenzia delle Entrate siglata ieri sull'attività della macchina fiscale nel triennio 2017-2019. Un risultato che dovrà

    – di Marco Mobili e Giovanni Parente

    • News24

    Lotta all'evasione, è di 16 miliardi l'obiettivo 2017

    Prevenzione e servizi ai contribuenti stanno conquistando sempre più spazio. Ma il core business resta pur sempre il contrasto all'evasione fiscale. E l'obiettivo che l'agenzia delle Entrate si è posta per il 2017 e che verrà con ogni probabilità "ratificato" all'interno della prossima convenzione

    – di Marco Mobili e Giovanni Parente

    • News24

    La «cooperative compliance» convince ma restano i nodi da sciogliere

    Un elemento importante di quel salto di qualità nei rapporti tra Fisco e contribuente. Ancora però con alcune fragilità e rischi. In primo luogo quello penale. La Conferenza internazionale in corso a Courmayeur, organizzata dal centro nazionale di prevenzione e difesa sociale in collaborazione con

    – di Giovanni Negri

    • News24

    Fisco, la cooperative compliance fa i conti con due livelli di rischio

    Doppio profilo di rischio per la cooperative compliance. E' quanto emerge dal provvedimento delle Entrate (101573/2017) che identifica due profili: il rischio significativo e il rischio rilevante. Vediamo le differenze.

    – di Graziano Gallo e Asa Peronace

    • News24

    Agenzia delle Entrate, Orlandi in uscita: va alle Finanze

    Per Rossella Orlandi si prepara un'altra avventura professionale dopo la direzione dell'agenzia delle Entrate. Con un "trasloco" da via Cristoforo Colombo a via dei Normanni (zona Colosseo), sede del dipartimento delle Finanze. L'ipotesi già sottoposta alla diretta interessata è quella di affidarle

    – di Marco Mobili e Giovanni Parente

    • News24

    «Compliance» senza doppi controlli

    Cooperative compliance senza doppi controlli. Sarà un ufficio ad hoc presso la direzione centrale Accertamento delle Entrate a "governare" tutta l'operazione dell'adempimento collaborativo. Sia per la fase di ammissione, sia per quella di interlocuzione successiva, sia per quella relativa ai

    – di Marco Mobili e Giovanni Parente

    • News24

    Manovra, verso tassa soggiorno su Airbnb e affitti brevi

    Anche chi soggiornerà in Airbnb e case private potrebbe essere obbligato a pagare la tassa di soggiorno nei Comuni che già la prevedono per gli hotel. E' il contenuto di alcuni emendamenti di maggioranza all'articolo 4 della manovrina. «Le unità immobiliari date in locazione per periodi di durata

    – di Andrea Gagliardi

1-10 di 95 risultati