Parole chiave

Controparti centrali

La Controparte centrale (clearing house) è il soggetto che si mette in mezzo tra due contraenti evitando che questi siano esposti al rischio di inadempienza della propria controparte contrattuale. La Controparte centrale si tutela dal conseguente rischio assunto raccogliendo garanzie (i cosiddetti margini). Il suo obiettivo è di garantire il buon fine delle obbligazioni assunte, anche qualora uno dei due contraenti dovesse fallire. Il suo fine ultimo, insomma, è di evitare un effetto domino sui mercati. Per questo i Regolatori spingono affinché una fetta sempre maggiore del mercato dei derivati standardizzati venga regolata attraverso Controparti Centrali.

Ultimo aggiornamento 16 maggio 2018

Ultime notizie su Controparti centrali
    • News24

    Dalle banche alla finanza, il rischio ha cambiato casa

    Dieci anni dopo le grandi banche sono state imbrigliate in oltre 200 regolamenti e normative a livello mondiale (secondo i calcoli di qualche tempo fa di Boston Consulting), i derivati sono stati in gran parte convogliati dentro Controparti centrali... Le regole partorite dopo il crack di Lehman hanno fatto di tutto per portare fette sempre più consistenti di questo gigantesco mercato dentro i «cuscinetti assorbi-urti» delle Controparti centrali. ...dei derivati in Controparti...

    – di Morya Longo

    • News24

    Yellen: «Mercati più sicuri». Ma sale il rischio su obbligazioni ed Etf

    «Le regole partorite dopo la crisi del 2007 hanno reso il sistema finanziario globale più solido. Ma quelle stesse regole hanno creato anche effetti indesiderati, che oggi rappresentano dei rischi». Sentire queste parole pronunciate dall'ex presidente della Federal Reserve Janet Yellen, durante

    – di Morya Longo

    • Econopoly

    Derivati = il male? Ecco come il linguaggio sfrutta ignoranza e carenze di identità

    Dire che i derivati sono il male della finanza equivale a dire che la frutta fa bene ed è gustosa, ma la macedonia è dannosa e disgustosa. Non a caso, s'è diffusa presto la notizia secondo cui il loro valore in circolazione supererebbe abbondantemente i 500 trilioni di dollari. Il modo in cui si 'si dice' qualcosa determina sia il gradimento sociale della sortita linguistica sia il successo di chi parla o scrive o fa ciecamente e biecamente propaganda. Non a caso, se consultiamo la Banca dei Reg...

    – Francesco Mercadante

    • News24

    Da 135 euro a 100 milioni, sui derivati l'Europa in ordine sparso sulle sanzioni

    Sulle sanzioni in materia di trasparenza sui derivati, le autorità europee viaggiano in ordine sparso. E' quanto emerge da un rapporto pubblicato dall'Esma (Supervisory Measures and Penalties under Articles 4, 9, 10 and 11 of Emir) che mostra come dal punto di vista delle attività informative alle

    – di Antonio Criscione

    • Econopoly

    Rieccoli, i famigerati Cds. Dobbiamo ancora averne paura?

    C'erano una volta i cattivissimi Cds, aggeggi finanziari sconosciuti al grande pubblico finché, nella baraonda del 2008 non portarono al naufragio di Aig, colosso americano delle assicurazioni. E dopo allora quest'acronimo, che sta per credit default swap, finì all'indice e insieme assurse alla celebrità. Discettare di Cds divenne la normalità nel clou della crisi dell'euro del 2011-12, ma poi l'attenzione su questi strumenti è scemata. Ciò non vuol dire che siano spariti. Semmai sono stati rico...

    – Maurizio Sgroi

    • News24

    Derivati, volumi in calo. Ora l'allarme si sposta sulle controparti centrali

    La buona notizia è che il mercato globale dei derivati continua a dimagrire, pur avendo tutt'ora un volume nozionale di 532mila miliardi di dollari e un valore di mercato lordo di 11mila miliardi di dollari. L'altra buona notizia è che una fetta sempre maggiore di questo mercato passa ormai

    – di Morya Longo

    • News24

    Sì del Senato alla legge di delegazione europea

    Via libera dell'Aula del Senato al Ddl di delegazione europea 2016-2017. Il provvedimento passa ora all'esame della Camera. Il voto è arrivato a larga maggioranza, con 153 sì, 8 no e 56 astenuti. Approvata anche la relazione consuntiva sulla partecipazione dell'Italia alla Ue nel 2016.

    – di Redazione Norme e Tributi

    • News24

    Ue: il clearing sui derivati in euro dovrà traslocare da Londra

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTEBRUXELLES - A pochi giorni dall'inizio dei negoziati tra Londra e Bruxelles sull'uscita della Gran Bretagna dall'Unione, la Commissione europea ha presentato oggi un progetto legislativo che deve consentire alle autorità comunitarie di meglio controllare le operazioni di

    – di Beda Romano

1-10 di 54 risultati