Parole chiave

Controllo formale

Per controllare la correttezza delle deduzioni o detrazioni operate nella dichiarazione presentata, il Fisco può procedere attraverso il cosiddetto controllo formale. A tal fine l’Agenzia può inviare una comunicazione indicando ciò di cui necessita prova, concedendo 30 giorni al contribuente per produrre copia dei documenti richiesti. All’esito del controllo ove riscontrasse inesattezze, invia tramite raccomandata una seconda missiva contenente la motivazione della rettifica e la relativa pretesa. Il contribuente, provvedendo al pagamento entro 30 giorni, beneficia della sanzione ridotta a 2/3 di quella ordinaria.

Ultimo aggiornamento 14 dicembre 2016

Ultime notizie su Controllo formale
    • News24

    Il nuovo Fisco va costruito ogni giorno sul territorio

    La notizia della riorganizzazione dell'agenzia delle Entrate - anticipata ieri dal Sole 24 Ore - va salutata con favore, non fosse altro perché finalizzata a migliorare il rapporto tra fisco e contribuente. Va detto però che nell'ultimo decennio di riorganizzazioni, soprattutto a livello centrale,

    – di Antonio Iorio

    • News24

    Procede l'Opas di Atlantia su Abertis: la spagnola Aena rinuncia alla contro-offerta

    Aena si ritira dalla partita su Abertis. Ma manda un segnale chiaro al mercato: attorno al gruppo iberico oggetto di offerta da parte di Atlantia l'interesse è elevato e il dossier è sul tavolo di molti tra operatori e banche d'affari. Expansion ha rilevato in mattinata il potenziale appetito del

    – di Laura Galvagni e Monica D'Ascenzo

    • News24

    Imu, un anno per correggere gli errori e pagare il giusto

    L'ultima chance per fare il ravvedimento operoso per l'Imu o la Tasi è il 30 giugno dell'anno successivo a quello dell'omesso o insufficiente versamento e ciò vale anche per il saldo Imu e Tasi che scade il 16 dicembre. Ad esempio, per ravvedere l'omesso pagamento del saldo 2016, scaduto il 16

    – di Luca De Stefani

    • News24

    L'isola dell'adulterio

    L'ultimo libro di Edoardo Albinati - Un adulterio, appena uscito per Rizzoli - sembra scritto in opposizione esplicita al suo penultimo, La scuola cattolica, apparso solo l'anno scorso, in tempo per vincere il premio Strega. Personale nella fattura e originalmente costruito, La scuola cattolica era

    – di Gianluigi Simonetti

    • News24

    Miani: troppi gli adempimenti che non producono margine

    «No, non sono pentito di aver sollecitato i sindacati, alla vigilia dell'insediamento del Consiglio nazionale, a desistere dallo sciopero contro l'amministrazione fiscale. Anche se, a distanza di quattro mesi non è cambiato granché». Massimo Miani, presidente del Consiglio nazionale dei dottori

    – di Maria Carla De Cesari

    • News24

    Le autocertificazioni rafforzano il visto di conformità sul 730

    Controllo dei documenti di spesa, effettuazione delle relative annotazioni quando necessarie e richiesta delle dichiarazioni sostitutive per i dati che il contribuente può autocertificare. In questo periodo, professionisti e Caf entrano nella fase calda della documentazione sottostante a

    – di Massimo D'Amico, Giorgio Gavelli e Adriano Perosa

    • News24

    Attenzione alle carte da conservare

    Tra la ricezione e l'invio ci sono di mezzo le verifiche. Dopo aver visionato la precompilata, e prima di procedere a ri-trasmetterla all'agenzia delle Entrate, i contribuenti sono chiamati a confrontare (carte alla mano) i bonus fiscali "caricati" in dichiarazione con quelli realmente spettanti.

    – Dario Raffaele Aquaro

    • News24

    Accesso alla precompilata: ecco come ottenere il pin

    Recuperate le password, accendete i computer: dalle ore 13 del 18 aprile è possibile consultare la dichiarazione precompilata accedendo al sito dedicato raggiungibile dalla home page del portale dell'agenzia delle Entrate. Per accedere bisogna essere in possesso delle credenziali Fisconline o

    – di Francesca Milano

    • News24

    Istituzioni ancora impreparate alla sfida della sicurezza informatica

    Carceri e web sono i crocevia della cultura terroristica. La preoccupazione del primo ministro Gentiloni non può essere non condivisa, ma merita una precisazione. E' impreciso parlare di web, forse pericolosamente limitativo.La ragionevole fonte di angoscia risiede infatti nelle tecnologie,

    – di Umberto Rapetto *

1-10 di 152 risultati