Parole chiave

Controlli a distanza

Lo Statuto dei lavoratori (legge 300/1970, articolo 4) vieta ai datori di lavoro l'uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per controllare a distanza l'attività dei lavoratori. Gli apparecchi richiesti da esigenze organizzative e produttive o di sicurezza, dai quali deriva la possibilità di controllare a distanza i lavoratori, possono essere installati se è stato raggiunto un accordo con le rappresentanze sindacali aziendali. Il tema del controllo a distanza dei lavoratori è tornato d'attualità in seguito ad alcuni casi di licenziamento, motivati dall'uso distorto che - secondo l'azienda - il lavoratore aveva fatto di internet, ad esempio attraverso i social network, durante l'orario di lavoro

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Controlli a distanza
    • News24

    Il lavoro agile ridisegna i limiti su orario, controlli e sede di attività

    Smart working, innanzitutto, è una «filosofia manageriale fondata sulla restituzione alle persone di flessibilità ed autonomia nella scelta degli spazi, degli orari e degli strumenti da utilizzare, a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati». Questa è la definizione data

    – di Aldo Bottini e Valeria Morosini

    • News24

    Licenziabile chi abusa dell'internet aziendale

    Il dipendente che usa in maniera sistematica la connessione internet aziendale per fini personali può essere licenziato per giustificato motivo soggettivo. E l'azienda che usa degli strumenti di controllo a distanza per accertare l'utilizzo irregolare dei beni della società non è soggetta alle

    – di Giampiero Falasca

    • News24

    Controlli a distanza più liberi nel rispetto del Codice privacy

    La nuova disciplina dello smart working pone in termini diversi dal passato il tema dell'esercizio del potere di controllo sulla prestazione lavorativa. Questo potere datoriale, insito nella stesso concetto di subordinazione, si esercitava prevalentemente de visu, nelle sedi aziendali.

    – di Aldo Bottini

    • News24

    Salta la trattativa sul rinnovo del contratto delle telecomunicazioni

    Negoziati interrotti e proclamazione di uno stato di agitazione con 16 ore di sciopero, 8 delle quali da consumare entro il 31 gennaio. Si blocca il negoziato fra Assotelecomunicazioni-Asstel (che rappresenta nel sistema Confindustria la filiera delle tlc), e i sindacati di settore Slc-Cgil,

    – di Andrea Biondi

    • Agora

    La privacy dopo il Jobs Act, il Regolamento Ue il Data protection officer online su Job24, il testo nel post

    Il testo dell'intervista video con l'avv. Valeria De Lucia dello Studio Trifirò & Partners   @TrifiroPartners online sul canale lavoro Job24 Tutela dei dati - La privacy dopo il Jobs Act e l'adeguamento al nuovo regolamento europeo - avv. Valeria De Lucia - Studio Trifirò & Partners La tutela della privacy è un tema oggetto di crescente attenzione da parte di qualunque cittadino, che cresce di pari passo con l'evolversi di taluni strumenti tecnologici e dell'uso che ne facciamo quotidianamente...

    – Rosanna Santonocito

    • News24

    Privacy, dopo il Jobs Act molto lavoro da fare anche in chiave europea

    In qualunque attività della nostra vita, compreso lo svolgimento di una attività lavorativa o imprenditoriale, utilizziamo strumenti tecnologici sempre più interconnessi che permettono di raccogliere, conservare ed elaborare dati e di trasmetterli a terzi. Si tratta di informazioni che, spesso,

    – di Rosanna Santonocito

    • News24

    Necessaria l'autorizzazione per il sistema Gps sull'auto

    Il Gps montato sull'automobile aziendale di un dipendente di norma non è uno strumento di lavoro. L'Ispettorato nazionale del lavoro, la neonata agenzia unica istituita dal decreto legislativo 149/2015 per svolgere le attività ispettive già esercitate da ministero, Inps e Inail, prende posizione

    – di Aldo Bottini

    • News24

    Controlli a distanza, limiti del Garante

    Anche in tempi di Jobs act, il controllo a distanza dei lavoratori deve tener conto di una serie di vincoli. E questo nonostante la recente riforma del lavoro sia intervenuta pure sull'articolo 4 dello Statuto dei lavoratori (la legge 300/1970), allargando le maglie dell'utilizzo di strumenti che

    – di Antonello Cherchi

    • News24

    Tlc pronte alla sfida innovazione

    Entra nel vivo il confronto sul rinnovo del contratto collettivo nazionale dei lavoratori nel settore telecomunicazioni. La piattaforma sindacale è stata presentata a inizio maggio dalle organizzazioni confederali di categoria ad Assotelecomunicazioni-Asstel, che rappresenta nel Sistema

    – di Andrea Biondi

1-10 di 116 risultati