Parole chiave

Contratti a progetto

I contratti a progetto sono una tipologia di contratto di lavoro disciplinata dalla Legge Biagi del 2003. I co.co.pro. definiscono il lavoratore non come un dipendente, ma un collaboratore autonomo. L'attività svolta dal collaboratore, infatti, deve essere legata alla realizzazione di un progetto (o programma di lavoro o fasi di esso). La riforma Fornero, legge dal 18 luglio 2012, ha stretto i vincoli sul progetto (deve essere unitario, prima si poteva fare un contratto per singoli segmenti)

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Contratti a progetto
    • News24

    Iliad, sbarco in Italia a fine anno con telefonia mobile. Oltre 1 miliardo investito

    Iliad punta a sbarcare in Italia con i servizi di telefonia mobile "non prima della fine dell'anno" ed èe' interessata a partecipare all'asta per le frequenze 5G. Lo ha detto il ceo Maxime Lombardini alla conferenza stampa di presentazione dei conti semestrali del gruppo francese di tlc controllato

    – di Giuliana Licini

    • News24

    Inps, Boeri: «Difendere il sistema contributivo e i giovani»

    E' necessario «difendere il sistema contributivo e dare grande attenzione ai giovani». Lo ha detto il presidente dell'Inps, Tito Boeri, nel corso della lectio magistralis su "Il lavoro futuro" tenuta questo pomeriggio all'università di Teramo, su invito del rettore Luciano D'Amico.«Oggi - ha detto

    – di Alessia Tripodi

    • News24

    Call center: in Puglia allarme sui fondi per la formazione

    In Puglia i grandi call center sono in allarme: temono di non vedersi finanziare dalla Regione, con i fondi della nuova programmazione europea, i piani di formazione presentati, ritenuti necessari al rafforzamento competitivo del settore e alla qualificazione degli addetti. Nulla di certo, per il

    – di Domenico Palmiotti

    • News24

    Rina conclude l'acquisizione della britannica Edif

    Rina spa, holding del gruppo omonimo che opera nei settori di certificazioni, ispezioni e consulenza ingegneristica, ha chiuso l'operazione di acquisto del 100% del britannico Edif group (portfolio company di Phoenix equity partners), per una somma intorno a 150 milioni di euro. L'operazione era

    – Raoul de Forcade

    • News24

    Ecco come si calcola il part time prima della pensione

    Il datore di lavoro che concorda un contratto part time pre-pensione con un dipendente dovrà erogare in busta paga un "bonus" pari ai contributi pieni (in genere 23,81%) sulla retribuzione persa, anche se con il contratto a tempo pieno e trasformato prevedeva sgravi o agevolazioni economiche.

    – Antonino Cannioto

    • News24

    Rina acquista la britannica Edif per 150 milioni e punta alla Borsa

    Rina spa, holding dell'omonimo gruppo specializzato in certificazioni, ispezioni e consulenza ingegneristica, ha acquisito per circa 151 milioni di euro (118,5 milioni di sterline) il britannico Edif group, una portfolio company di Phoenix equity partners. L'operazione è il preludio alla quotazione

    – Raoul de Forcade

    • Econopoly

    Lavoro e Jobs Act, ecco perché l'inversione di tendenza non pare essere all'orizzonte

    Pubblichiamo un post di Marta Fana, dottoranda in economia presso l'Istituto di Studi Politici di Sciences Po, Parigi; Dario Guarascio, assegnista di ricerca presso l'Istituto di economia, Scuola Superiore Sant'Anna, Pisa; e Valeria Cirillo, assegnista di ricerca presso l'Istituto di economia, Scuola Superiore Sant'Anna, Pisa - L'ITALIA E IL LAVORO: LE CONSEGUENZE DEL JOBS ACT di Marta Fana, Dario Guarascio, Valeria Cirillo Nell'intervento in risposta all'editoriale di Luca Ricolfi, in cui è ...

    – Econopoly

    • News24

    Sei mesi di congedo ai genitori fino ai 3 anni del bambino

    Maggiori tutele assistenziali e previdenziali per i lavoratori autonomi. Gli articoli 8,9 e 10 del disegno di legge approvato dal Consiglio dei ministri amplia i diritti già esistenti e ne aggiunge altri.Le misure assistenziali che riguardano la maternità e la paternità sono stati adottati

    – Nevio Bianchi

    • News24

    Call center in allarme: dirottati alla cig 20 milioni destinati al settore

    C'è una dote di 20 milioni di euro che le aziende di call center "virtuose", cioè quelle che anni fa hanno stabilizzato il personale, rischiano di non vedere più. Inizialmente avrebbero dovuta riceverla sotto forma di sgravi contributivi, poi come sostegno ai piani di riqualificazione e formazione

    – Domenico Palmiotti

1-10 di 144 risultati