Parole chiave

Contraddittorio endoprocedimentale

È la possibilità per il contribuente di potersi confrontare con l’ufficio a conclusione di una verifica fiscale, spiegando le proprie ragioni poste alla base dei comportamenti ritenuti scorretti dai verificatori. La giurisprudenza di legittimità è ancora divisa in merito alla possibilità di concedere il contraddittorio al contribuente entro i 60 giorni successivi alla conclusione della verifica fiscale, qualora quest’ultima venga svolta «a tavolino» e non presso la sede di svolgimento dell’attività.

Ultimo aggiornamento 20 febbraio 2017

Ultime notizie su Contraddittorio endoprocedimentale
    • News24

    Più tutele nei controlli a tavolino

    Il principio del «necessario contraddittorio endoprocedimentale» rileva, non soltanto nel caso di contestazione di violazioni a seguito di accesso, ma anche nel caso degli «accertamenti a tavolino». Pertanto, laddove l'amministrazione finanziaria intenda contestare eventuali elusioni o evasioni di

    – di Rosanna Acierno

    • News24

    Indagini finanziarie, manca all'appello un intervento sul contraddittorio

    L'intervento introdotto nella conversione del Dl 193/2016 sull'articolo 32 del Dpr 600/1973 in tema di indagini finanziarie appare forse criticabile sul piano del metodo (l'impiego della conversione di un decreto legge contenuto assolutamente eterogeneo) e, per certi aspetti, anche nel merito (è un

    – di Andrea Carinci

    • News24

    Nelle verifiche fiscali confronto preventivo a tutto campo

    Nei controlli fiscali il contraddittorio preventivo è a tutto campo. Senza limiti legati alla tipologia del tributo accertato. Continua, infatti, a non convincere, anche a seguito di recenti interventi della giurisprudenza di merito e di prassi dell'agenzia delle Entrate, la soluzione adottata di

    – di Lorenzo Lodoli e Benedetto Santacroce

    • News24

    L'intervento chirurgico non «libera» dagli studi

    Un intervento chirurgico condiziona certamente la produzione di ricavi e quindi il rispetto di parametri e studi di settore ma, per giustificare il

    – di Francesco Falcone e Antonio Iorio