Parole chiave

Cold ironing

Col termine inglese si indica la possibilità di alimentare le navi con corrente elettrica fornita da terra, mentre sono ferme in banchina. Normalmente le unità all'ormeggio tengono accesi i motori per mantenere in funzione il sistema di condizionamento dell'aria, le dotazioni di emergenza, le cucine e, nel caso di navi da crociera, per dare energia alle cabine dei passeggeri. Per ridurre le emissioni dei motori nei porti, è stato ideato un sistema di cavi elettrici collegati a cabine a terra che consente alle navi di avere l'energia occorrente. Solo pochi scali al mondo, però, possiedono questi impianti

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Cold ironing
    • NovaCento

    La Puglia regina della green economy italiana

    Un altro Sud è possibile: la Puglia lo dimostra anche con il circolo virtuoso messo in moto sulle fonti energetiche pulite. Se l'Italia, nel 2011, ha centrato il primato mondiale per la crescita nel fotovoltaico, lo deve anche all'attivismo pugliese: con 1.940 megawatt installati, la Puglia ha conquistato di gran lunga il primato sulle altre regioni, ospitando quasi il 20% del parco fotovoltaico italiano e piazzandosi in testa anche nella graduatoria pro capite, con ben 232 watt fotovoltaici per...

    – Elena Comelli

    • News24

    Mediterraneo, sulle rotte degli Ottomani

    Gli architetti delle grandi navi partono da quella che in gergo definiscono una Wish List, ovvero una lista dei desideri del passeggero, considerati veri e propri bisogni da esaudire. Avviene così anche sulla nuova Costa Favolosa, pronta per la sua crociera inaugurale che parte da Venezia il 7

    • NovaCento

    Da Goteborg a Los Angeles, le banchine diventano elettrificate

    Il cold ironing è un sistema già abbastanza diffuso in Europa e nel mondo, soprattutto fra quei porti che vogliono crescere senza danneggiare troppo l'equilibrio ambientale dell'area. Il primo porto a sfruttare l'elettrificazione delle banchine per alimentare le navi in sosta è stato quello di Goteborg, in Svezia, nel lontano 1999. Nello scalo svedese sono infatti presenti cinque banchine elettrificate in bassa e media tensione, con una potenza di 1,25 MW e una connessione a 6 o a 11 kv, che for...

    – Elena Comelli

    • News24

    ECO-FRONTE DEL porto

    Banchine elettrificate, taglio delle emissioni nocive e risparmi sono la nuova frontiera

    – Elena Comelli

    • NovaCento

    Eco-fronte del porto: il traffico marittimo si fa verde

    Elettrificazione delle banchine per l'alimentazione delle navi in sosta. Mobilità il più possibile elettrica di passeggeri e merci. Produzione di energia con impianti fotovoltaici o eolici e illuminazione con tecnologia led. Miglioramento dell'efficienza energetica. Introduzione di sistemi telematici per fluidificare i traffici. Il porto - da sempre associato con acque inquinate, fumi pestilenziali, camalli arrabbiati e traffici loschi - si fa verde. E proprio perché fino ad oggi non ha attirato...

    – Elena Comelli

    • NovaCento

    A Venezia si punta a emissioni zero

    Il porto di Venezia ha l'obiettivo di diventare il primo scalo "carbon neutral", riqualificando l'area portuale dal punto di vista energetico e procedendo lungo un percorso di tutela del porto e di tutta la laguna. Con oltre 2mila ettari di superficie, 30 chilometri di ormeggi, 205 chilometri di rete ferroviaria interna e 70 di rete stradale, 13 terminal commerciali, 10 industriali e uno crocieristico, gestiti da 5 mila addetti, 300 operatori portuali e 24 imprese terminaliste, il porto di Venez...

    – Elena Comelli

    • News24

    Venezia e La Spezia, i primi porti verdi

    Venezia e La Spezia diventeranno "porti verdi": saranno i primi in Italia ad applicare in ambito portuale tutte le migliori tecnologie disponibili in campo

    • News24

    Venezia e La Spezia, i primi porti verdi

    Venezia e La Spezia diventeranno "porti verdi": saranno i primi in Italia ad applicare in ambito portuale tutte le migliori tecnologie disponibili in campo

1-10 di 11 risultati