Parole chiave

Codice appalti

Il codice degli appalti attualmente vigente è stato approvato con Dlgs 163/2006 ed è costituito da 257 articoli più vari -bis, -ter, allegati. A queste norme si aggiungono altri 359 articoli (e anche qui numerosi allegati) del regolamento attuativo del codice approvato con Dpr 207/2010. Il “corpo unico” arriva così a oltre 650 norme che nascono orginariamente dal recepimento dalle direttive Ue 2004/17 e 2004/18.

Dal 2006 a oggi il codice degli appalti ha subito oltre 600 modifiche, di cui 300 dal governo Monti a oggi.

La riforma del codice degli appalti, attualmente all’esame della commissione Lavori pubblici del Senato, nasce anzitutto dall’esigenza di recepire le nuove direttive europee 23, 24 e 25 del 2014, ma è largamente condivisa anche l’esigenza di forte semplificazione del quadro legislativo e regolamentare del settore. Quello all’esame del Senato è un Ddl delega approvato dal governo il 29 agosto 2014.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Codice appalti
    • News24

    Quel cartellino giallo per le amministrazioni "cadute in fallo"

    Un cartellino giallo da sventolare in faccia alle amministrazioni cadute in fallo durante la gestione di una gara d'appalto, sotto la minaccia di una sanzione fino a 25mila euro. E' essenzialmente questo il potere di «raccomandazione vincolante» che - come il Sole 24 Ore ha segnalato in un articolo

    – di Mauro Salerno

    • News24

    Meno poteri all'Anac, scoppia il «caso». Palazzo Chigi: correzione a breve

    E' durata tutto il pomeriggio la polemica sul ridimensionamento dei poteri dell'Anac. In un crescendo stoppato dall'intervento in serata di palazzo Chigi che ha promesso di rimediare. Il passaggio del codice degli appalti che consentiva all'Autorità anticorruzione guidata da Raffaele Cantone di

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Nuovo codice degli appalti / In house, no deroghe

    Niente deroghe all'obbligo di mettere in gara l'80% dei lavori dei concessionari. Su indicazione di Camere e Consiglio di Stato saltano le norme che avrebbero dato più spazio all'in house.

    • News24

    Nuovo codice degli appalti / «Clausola» obbligatoria

    Diventa obbligatoria l'applicazione della clausola sociale per il mantenimento dell'occupazione nei cambi d'appalto ad alta intensità di manodopera. La formula ora in vigore la rendeva solo facoltativa. Anche a valle di pareri dell'Antitrust e dell'Anac che avevano segnalato la necessità di tenere

    • News24

    Nuovo codice degli appalti / Subappalti, resta il 30%

    Nonostante i richiami Ue restano i vincoli sul subappalto. L'impresa titolare del contratto non potrà subaffidare ad altre imprese più del 30% del valore complessivo dei lavori. Inoltre per gli interventi superiori a 5,2 milioni (e per quelli a rischio infiltrazione, qualunque sia l'importo) scatta

    • News24

    Nuovo codice degli appalti / Chiavi in mano oltre 150 milioni

    Stabilita a 150 milioni la soglia minima per l'assegnazione di opere ai general contractor. La formula dei lavori «chiavi in mano» inaugurata dalla «legge obiettivo» potrà così essere usata solo per le grandi infrastrutture. Il paletto serve a evitare che le Pa ricorrano ai a general contractor per

    • News24

    Nuovo codice degli appalti / Rating Anac volontario

    Resta l'obiettivo: valutare il curriculum guadagnato sul campo dai costruttori e non solo i "freddi" parametri di fatturato, organico e attrezzature. Cambiano le modalità: il rating d'impresa attribuito dall'Anac non sarà più obbligatorio, ma volontario. Premierà i "migliori" in gara, valutando la

    • News24

    Nuovo codice degli appalti / Pmi, aiuti e «riserva»

    Arriva un pacchetto di misure a favore delle micro e piccole imprese. Al primo posto c'è la riserva del 50% dei posti nelle procedure negoziate di importo inferiore al milione , chiesta da Comuni e Regioni. Alle piccole imprese viene poi garantito uno sconto ad hoc del 50% sull'importo della

    • News24

    Nuovo codice degli appalti / Pa, requisiti meno severi

    Salta la norma che allargava l'accesso all'albo delle centrali di committenza a tutte le Pa con articolazioni territoriali. Ma i requisiti di ingresso vengono ammorbiditi: il parametro delle gare svolte verrà calcolato su 5 anni anziché tre. Ora si attende il decreto del Mit con i requisit i

1-10 di 391 risultati