Parole chiave

Cedolare secca

La “cedolare secca” è un regime facoltativo, che si sostanzia nel pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali, nei contratti di locazione degli immobili. In più, per i contratti sotto cedolare secca non andranno pagate l’imposta di registro e l’imposta di bollo, ordinariamente dovute per registrazioni, risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione. La cedolare secca non sostituisce l’imposta di registro per la cessione del contratto di locazione. La scelta per la cedolare secca implica la rinuncia alla facoltà di chiedere, per tutta la durata dell’opzione, l’aggiornamento del canone di locazione, anche se è previsto nel contratto.

Ultimo aggiornamento 24 novembre 2016

Ultime notizie su Cedolare secca
    • News24

    Cedolare e calamità, doppio limite

    La cedolare ridotta al 10% per i contratti concordati nei Comuni colpiti da calamità sconta una doppia limitazione: di perimetro e di tempo. L'agevolazione si applica per le locazioni stipulate - anche in seguito - nei Comuni oggetto di stati d'emergenza deliberati dal 28 maggio 2009 al 27 maggio

    – di Lorenzo Pegorin e Gian Paolo Ranocchi

    • News24

    Web tax: allo studio una cedolare secca sulle multinazionali (ma si aspetta la Ue)

    Andare oltre la web tax transitoria introdotta con la manovra di primavera e arrivare in tempi brevi, forse già con la prossima legge di bilancio, a una tassazione strutturale delle società e dei gruppi multinazionali della rete che non hanno una stabile organizzazione in Italia. Tra le ipotesi

    – di Davide Colombo e Marco Mobili

    • News24

    Roma leader nel turismo, ma prevale il mordi e fuggi

    Roma resta l'indiscussa capitale del turismo italiano con quasi 20 milioni di arrivi e 40 milioni di presenze l'anno. Ma rischia di diventare sempre di più la capitale dei turisti low cost, mordi e fuggi. Gli ultimi numeri continuano a mostrare sempre il segno più, ma ci sono almeno due campanelli

    – di Marzio Bartoloni

    • News24

    Split payment, un tesoretto di 5 miliardi da inizio anno

    Lo split payment nei primi sei mesi dell'anno ha garantito all'Erario 5 miliardi di euro di Iva sugli scambi interni. Un dato comunque in flessione del 3,4% rispetto al primo semestre 2016(-175 milioni). Un dato destinato a crescere, almeno nelle intenzioni del Governo che, con la manovra

    – di Marco Mobili

    • News24

    Contratti di locazione - Registrazione e versamento

    Adempimento: Termine ultimo per il versamento dell'imposta di registro sui contratti di locazione stipulati il 1° luglio o rinnovati tacitamente a decorrere dal 1° luglio. I contratti di locazione, dopo il versamento dell'imposta autoliquidata, devono essere registrati entro 30 giorni dalla data

    – Scadenziario

    • News24

    Contratti di locazione - Registrazione e versamento

    Adempimento: Termine ultimo per il versamento dell'imposta di registro sui contratti di locazione stipulati il 1° luglio o rinnovati tacitamente a decorrere dal 1° luglio. I contratti di locazione, dopo il versamento dell'imposta autoliquidata, devono essere registrati entro 30 giorni dalla data

    – Scadenziario

    • News24

    Versamenti, il rinvio esclude l'Irap

    La proroga dell'ultima ora e a tempo scaduto dei versamenti delle imposte sui redditi rischia di generare più danni che benefici. Questo perché la versione ufficiale del decreto pubblicato sulla Gazzetta ufficiale 169 del 21 luglio 2017, sembra restringere la proroga al 20 luglio 2017, o dal 21

    – di Tonino Morina

    • News24

    Casa, ecco che cosa succede se non è stata pagata la tassa Airbnb

    Non è andato molto bene il primo appuntamento con la «tassa Airbnb». A quanto risulta, ben pochi "intermediari immobiliari" hanno obbedito alle prescrizioni di legge: versare all'erario, entro il 17 luglio, la ritenuta del 21% sugli affitti turistici i cui contratti siano stati stipulati a partire

    – di Saverio Fossati

    • News24

    Ritocchi senza sosta: sono 130 dal 2011

    Il cantiere dei bonus è sempre aperto. Mentre riparte il tema del riordino delle tax expenditures, l'esperienza degli ultimi anni dimostra che tra i vari provvedimenti che si sono susseguiti sono stati almeno 130 i ritocchi. Il calcolo parte dal decreto salva-Italia di fine 2011 e "abbraccia" anche

1-10 di 1440 risultati