Parole chiave

Cds

Il credit default swap (CDS) è un contratto con il quale il detentore di un credito (protection buyer) si impegna a pagare una somma fissa periodica, in genere espressa in basis point rispetto a un capitale nozionale, a favore della controparte (protection seller) che, di converso, si assume il rischio di credito gravante su quella attività nel caso in cui si verifichi un evento di default futuro ed incerto (credit event).

Ultimo aggiornamento 13 ottobre 2016

Ultime notizie su Cds
    • Econopoly

    Fallimenti bancari, il barometro della paura torna a salire. Crisi in vista?

    Spread. Questa breve parola inglese, che significa differenziale di rendimento, è sicuramente una delle parole relative al mondo dell'economia che negli ultimi anni è diventata ampiamente di linguaggio comune. E' diventata così di linguaggio comune che, se si parla di "crisi dello spread", è raro trovare qualcuno che non sappia si tratti della crisi del 2011, quando il differenziale di rendimento tra il decennale italiano e quello tedesco veniva considerato come l'indicatore dello stato della cri...

    – Francesco Lenzi

    • News24

    Il voto in Italia: perché gli indicatori della paura sono ai minimi

    Sui mercati finanziari, a meno di 48 ore dal voto in Italia per il rinnovo dopo cinque anni del Parlamento, regna una calma apparente. L'esito della consultazione popolare non è per nulla scontato ma gli indicatori che dovrebbero segnalare incertezza e volatilità sono fermi, quasi come se la

    – di Vito Lops

    • News24

    Lo strano caso dei BTp e la scommessa azzardata sul «rischio Italia»

    Alzi la mano chi pensava di vedere lo spread italiano, quel famigerato differenziale fra i BTp e i Bund a 10 anni che tanto ha condizionato la nostra esistenza negli anni difficili fra il 2011 e il 2012, scivolare fino a 120 punti base, cioè ai minimi da circa un anno e mezzo, a poco più di tre

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    Rai, nodo risorse (e agenti) per il Contratto di Servizio 2018-2022

    Un contratto sfidante, con vari obblighi sul versante tecnologico e dell'internazionalizzazione, ma in cui rimangono alcuni nodi da sciogliere, primo fra tutti quello delle risorse, ma anche quello relativo al capitolo del "Piano di riorganizzazione dell'informazione", in cui è prevalsa la formula

    – di Andrea Biondi

    • News24

    Derivati di Stato per ridurre il deficit, poi è arrivato il «conto» di 24 miliardi

    Dal 2006 al 2016 hanno pesato sul deficit pubblico per quasi 24 miliardi di euro. Hanno attualmente un valore di mercato negativo di 31,8 miliardi. Di fatto hanno annullato per i conti pubblici italiani i benefici, in termini di risparmi in interessi, della politica monetaria della Bce. E oggi sono

    – di Morya Longo

    • News24

    Il puzzle del Venezuela: debiti onorati ma congelati

    E'un puzzle composito e dagli incastri impossibili. Quello del Venezuela è un dramma sociale, un disastro economico, un crack finanziario. Oltre che una partita a scacchi tra nemici e alleati di Nicolas Maduro. Tra i primi ci sono gli Stati Uniti, tra i secondi Cina, Russia e India. In questo

    – di Roberto Da Rin

    • News24

    Per i mercati un rally storico, ma nessuno si protegge dai rischi

    Nella settimana in cui i terroristi di Boko Haram hanno sferrato un violento attentato che ha causato 50 vittime in Nigeria, il Paese africano è riuscito comunque a "stuzzicare" il famelico appetito degli investitori emettendo un prestito obbligazionario di durata decennale e trentennale per 3

    – di Morya Longo

    • News24

    Sul petrolio l'ombra della crisi in Venezuela

    Petrolio non significa soltanto Medio Oriente, ma anche Venezuela. La crisi di Caracas è un fattore che probabilmente finora ha influito poco sul prezzo del barile, ma che in realtà ha avuto - e continuerà ad avere - un impatto significativo sul mercato del greggio.La produzione del Paese

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Pensioni: banche e assicurazioni avviano l'Ape volontario

    Manca solo l'ultimo via libera, quello del Garante dei dati personali, per la firma alla convenzione con Abi e Ania che farà decollare l'Ape volontario e l'Ape aziendale, ovvero le due forme di prestito-ponte per il pensionamento varate con la scorsa legge di Bilancio. Qualche giorno dopo i termini

    – di D. Colombo e M. Rogari

    • News24

    La verifica include la Cig corrente

    Cambiano i criteri di verifica della spettanza della cassa integrazione (Cigo, Cigs) e dell'intervento dei fondi di solidarietà, con particolare riferimento all'identificazione del quinquennio e del biennio mobile, utili per valutare l'accesso e la durata degli ammortizzatori sociali. Lo precisa il

    – di Antonino Cannioto e Giuseppe Maccarone

1-10 di 1355 risultati