Parole chiave

CcTeu

I CcTeu sono una classe di titoli nominali a tasso variabile con cedole semestrali indicizzate all'Euribor a 6 mesi, introdotta dal Tesoro nel giugno 2010. La struttura dello strumento, (la cui sigla indica appunto un Certificato di credito del Tesoro indicizzato all'Euribor) sarà simile a quella dei comuni "floater" emessi da altri emittenti dell'area euro (siano essi sovrani o istituzionali). L'indicizzazione della cedola all'Euribor è stata scelta con l'obiettivo di allargare la base degli investitori e rafforzare i livelli di efficienza e liquidità  del mercato secondario di tali strumenti.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su CcTeu
    • News24

    Europa positiva con frenata euro e inflazione. Milano chiude a +0,44%

    Le Borse europee chiudono la seduta in rialzo e vicine ai massimi di giornata favorite dalla frenata della moneta unica nei confronti del dollaro, arrivata dopo i dati sull'inflazione tedesca di agosto e dopo il Pil Usa del II trimestre. I principali indici azionari hanno guadagnato almeno mezzo

    – di P. Paronetto e A. Fontana

    • News24

    Dai mutui ai CcT, un parametro che muove 180mila miliardi

    A fine luglio l'ammontare di CcTeu presenti sul mercato (quelli appartenenti alla versione precedente indicizzata al tasso del BoT a 6 mesi sono ormai tutti scaduti) era pari a 137,4 miliardi, non proprio un'inezia dunque.

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    Dai mutui ai CcT, un parametro che muove 180mila miliardi

    A fine luglio l'ammontare di CcTeu presenti sul mercato (quelli appartenenti alla versione precedente indicizzata al tasso del BoT a 6 mesi sono ormai tutti scaduti) era pari a 137,4 miliardi, non proprio un'inezia dunque.

    – Maximilian Cellino

    • News24

    Borse, semestre si chiude con Milano a +7%. Londra maglia nera con +2,4%

    Le incertezze relative all'andamento dell'inflazione e delle politiche monetarie dalle due parti dell'Atlantico e i timori legati al tonfo di Wall Street di ieri portano a una nuova seduta di debolezza per le Borse europee mentre sul fronte dei titoli di stato sono proseguite le vendite anche se

    – di C. Di Cristofaro e A.Fontana

    • News24

    Tassi BTp giù dopo il flop M5S ma l'Italia resta sotto la lente

    I mercati non hanno mai amato il rischio politico perché è ingestibile applicando modelli, equazioni, algoritmi e statistiche. Ma ora, dopo gli eventi dell'ultimo anno che vanno dai continui colpi di scena di Trump e Brexit alla contorta tornata elettorale europea - ora Francia e Italia - della

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Borse, solo Milano chiude positiva. Italgas corre, giù Mediaset dopo Ue

    Solo Piazza Affari grazie alle utility e al lusso riesce ad archiviare in rialzo la seduta di Borsa mentre gli altri listini continentali chiudono in rosso e vicino ai minimi di giornata con le vendite che si sono concentrate su banche e telecomunicazioni. Il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni

    – di E. Micheli e A.Fontana

    • News24

    Il BTp Italia rompe il ghiaccio con un buy-back e concambio da record per 4,2 miliardi

    La più grande emissione di un titolo di Stato venduta in un unico collocamento, il BTp Italia "monstre" in scadenza il prossimo novembre per 22,418 miliardi, è stata oggetto di un buy-back e concambio di dimensioni record per 4,2 miliardi realizzati con il sindacato di collocamento tramite Banca

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Meno BTp acquistati dalla Bce

    A partire dall'aprile 2017 e fino al dicembre 2017, e oltre questa data "se ve ne sarà bisogno", la Bce acquisterà titoli di Stato italiani nel suo programma PSPP (Public sector purchase programme) per un importo mensile atteso dagli addetti ai lavori attorno ai 7 miliardi di euro, ovvero, 2

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Borse indifferenti all'avvio di Brexit. A Milano svetta Leonardo

    I listini europei chiudono contrastati nel giorno in cui è stata avviata la procedura per l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea. Londra, Parigi e Francoforte hanno chiuso sopra la parità con guadagni comunque inferiori al mezzo punto percentuale mentre hanno pagato dazio le Borse più

    – di C. Di Cristofaro e G. Maurino

1-10 di 210 risultati