Parole chiave

Capital Market Union

La Capital Markets Union , unione dei mercati dei capitali, è un progetto della Commissione europea per metter in moto maggiori capitali in Europa al servizio delle imprese. L’obiettivo è di fornire alle aziende del Vecchio continente, incluse le Pmi, un bacino sempre maggiore di capitali e un ventaglio sempre più ampio di fonti di finanziamento. L’idea è di creare insomma un’infrastruttura finanziaria, che aiuti le imprese e dunque i lavoratori. Mercati dei capitali più profondi e integrati - nelle intenzioni della Commissione - abbasseranno i costi dei finanziamenti per le imprese, e renderanno i mercati finanziari più resistenti. Lo scorso settembre la Commissione Ue ha pubblicato un «action plan», in cui si indicano le azioni priorotarie per costruire la Capital Market Unione nel 2019.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Capital Market Union
    • News24

    In Europa cartolarizzazioni al palo

    Nell'ambito della Capital Market Union, l'Europa ha deciso di rivedere le norme sulle cartolarizzazioni, ora molto stringenti, e di alleggerirle.

    – Isabella Bufacchi

    • News24

    Arrivano i fondi pensione europei: più concorrenza e meno costi

    ROMA - La proposta di un regolamento Ue per dar vita a una nuova tipologia di prodotti pensionistici individuali denominati PEPP (Pan-european personal pension) offrirà più scelta ai lavoratori privi di un fondo negoziale perché abbasserà gli attuali costi di offerta da parte di banche e

    – di Davide Colombo

    • News24

    I mercati guardano al dopo-Macron: frena il rally del BTp

    Non più fuga verso la qualità, questa volta è una fuga in avanti. I mercati hanno fretta di anticipare e ieri si sono mossi in accelerazione: data la vittoria di Emmanuel Macron come arciscontata, hanno prevalso le incognite sulle certezze, soprattutto frenando qualsiasi voglia di rally sui BTp che

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Cole-Fontayn (BNY Mellon): «Con la Brexit investiamo in Europa»

    Londra - «C'è un potenziale rischio di creare le condizioni che possano minare la stabilità del sistema finanziario, i politici sono consapevoli che i negoziati per l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea dovranno evitare proprio questo scenario, almeno si spera». Michael Cole-Fontayn,

    – di Mara Monti

    • News24

    Brexit o no, l'instabilità sarà il prezzo da pagare e l'Italia rischia di più

    «Brexit è un problema a livello globale. Il G20 lo ha incluso fra i possibili shock che potrebbero generare il rallentamento del quadro economico globale». Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan evidenzia la portata sistemica del rischio che la Gran Bretagna, con il referendum di giovedì,

    – P. Bricco

    • News24

    Tutte le regole da cambiare se vince il «si»

    Sull'eventuale voto favorevole all'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea un fatto è certo: il 24 giugno, il giorno successivo la fatidica data del referendum, non succederà nulla. La Gran Bretagna, infatti, ha due anni di tempo per rinegoziare con i partner europei gli accordi bilaterali

    – Mara Monti

    • News24

    Investimenti in infrastrutture, Usa e Canada fanno scuola

    Per capire da dove dovrebbe partire la lunga marcia dei fondi pensione italiani verso l'obiettivo di investimenti diretti nell'economia nazionale basta guardare una grafica pubblicata nell'ultima survey dell'Ocse sulle scelte di portafoglio effettuate nel 2015. Su una selezione di circa 50 grandi

    – Davide Colombo

    • News24

    Pmi, non solo banca per il dopo-crisi: spazio a bond, Ace, fondo di garanzia

    E' un esercito di 137mila società concentrate soprattutto nel centro Nord, con un numero di addetti compreso fra i 10 e i 250 e un giro d'affari fra i 2 e i 50 milioni di euro. Le piccole e medie imprese italiane, ancorché colpite dalla grande crisi che ha operato tra il 2007 e il 2013 una durissima

    – di Rossella Bocciarelli e Davide Colombo

1-10 di 25 risultati