Parole chiave

Cambio effettivo

Il cambio effettivo misura l’andamento di una valuta rispetto alle monete dei partner più importanti, evitando di far riferimento a un solo tasso di cambio che, per quanto importante, potrebbe rivelarsi fuorviante. È un numero indice, ed è calcolato con una media ponderata: ciascun cross (euro/dollaro, o euro/sterlina, per esempio) ha un peso definito dalle dimensioni dell’interscambio commerciale tra i due paesi, aggiornato nel tempo. Secondo l’ultimo calcolo, che risale al 2015, sul cambio effettivo dell’euro a 19 valute (ma la Bce calcola anche il cambio a 12 ,a 18 e a 38valute), l’euro/dollaro pesa per il 15,92%, e l’euro/sterlina
per il 12,99%.
L’euro/renminbi, di gran lunga il più importante, pesa per il 22,18%, l’euro/yen per il 6,69%, l’euro/zloty per il 6,40%. Se si tiene conto dell’inflazione, si può calcolare il cambio effettivo reale.

Ultimo aggiornamento 04 luglio 2016

Ultime notizie su Cambio effettivo
    • News24

    La Bce cambia pagina sul Qe, fine dell'attuale fase del programma di acquisti

    Le novità sono tutte arrivate a ottobre. La riunione Bce di dicembre, se non fosse per le nuove proiezioni macroeconomiche dello staff, potrebbe apparire un incontro - e una conferenza stampa - di pura "manutenzione" delle aspettative. La riunione di ottobre ha definito quello che accadrà da

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Usa verso il rialzo dei tassi. La riunione Fed spiegata in cinque grafici

    Un altro rialzo dei tassi. Dall'1-1,25% all'1,25-1,50%. La riunione di dicembre della Federal reserve non dovrebbe riservare sorprese: il nuovo passo avanti della politica di normalizzazione è ampiamente scontato dai mercati, e nulla lascia pensare che le cose possano andare diversamente. La

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Gli uragani non frenano il Pil Usa

    Una crescita inattesa. Il prodotto interno lordo americano, quest'estate, è cresciuto del 3% (trimestrale annualizzato), dopo il 3,1% realizzato in primavera. Gli analisti si aspettavano invece un andamento più lento dell'economia Usa, colpita tra agosto e inizio settembre da tre dei 10 forti

    – Riccardo Sorrentino

    • News24

    Bce, Draghi pronto ad annunciare tempi e modalità di riduzione del Qe

    E' probabilmente il momento giusto. Nella sua riunione di ottobre, il board della Bce potrebbe davvero dare le attese indicazioni sul futuro del quantitative easing (qe) nel 2018. Non soltanto perché mancano due mesi alla scadenza di dicembre, quando finirà l'attuale fase che prevede acquisti di

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Netflix, rialzi per le tariffe Standard e Premium

    Il servizio di distribuzione via internet di film e serie tv Netflix, a partire dal prossimo 9 ottobre modificherà alcuni piani tariffari. Non è previsto un cambiamento di prezzo nel piano base da un dispositivo, che resta di 7,99 euro al mese, mentre dal 9 ottobre per il piano Standard (che

    • News24

    Perché la Fed potrebbe rallentare la stretta sui tassi

    Il momento è arrivato. A tre anni dalla fine del quantitative easing, la Federal reserve dovrebbe annunciare nella sua riunione di settembre l'inizio della riduzione del proprio bilancio, un processo i cui dettagli tecnici sono stati rivelati a giugno. Non è una novità, quindi, e difficilmente il

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Produttività antidoto al super-euro

    L'euro forte è il risultato della ripresa economica, di un solido surplus commerciale e di una relativa stabilità politica. Il segnale che il vecchio continente ha finalmente preso il largo dalla tempesta della crisi e dalle acque stagnanti di bassa crescita degli ultimi anni. La Banca centrale

    – di Giorgio Barba Navaretti

    • News24

    Ecco i cinque punti chiave della riunione Bce

    La Banca centrale europea potrebbe non decidere, oggi. Potrebbe, cioè non fornire indicazioni sul quantitative easing del 2018: attualmente è previsto che il programma di acquisti di titoli duri fino a dicembre 2017, ma è chiaro che non sarà bruscamente azzerato a gennaio. Una decisione su cosa

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    L'euro forte rimescola le carte di Draghi: verso un lungo addio al Qe

    Settembre o ottobre? E l'euro forte che ruolo avrà? Sono queste le domande che aleggiano attorno alla riunione della Banca centrale europea, che ha promesso di rivedere la propria politica monetaria «in autunno», e quindi più probabilmente il mese prossimo. Il quantitative easing (Qe), nella sua

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    L'impatto dell'euro forte sulle strategie per l'inflazione

    Mancava soltanto l'euro forte a complicare il quadro già abbastanza intricato della Banca centrale europea alle prese con l'elaborazione di una strategia di uscita dal suo «quantitative easing». Il rafforzamento della valuta comune ha assunto un ruolo di primo piano nei pensieri dei banchieri

    – di Maximilian Cellino

1-10 di 184 risultati