Parole chiave

Cambio effettivo

Il cambio effettivo misura l’andamento di una valuta rispetto alle monete dei partner più importanti, evitando di far riferimento a un solo tasso di cambio che, per quanto importante, potrebbe rivelarsi fuorviante. È un numero indice, ed è calcolato con una media ponderata: ciascun cross (euro/dollaro, o euro/sterlina, per esempio) ha un peso definito dalle dimensioni dell’interscambio commerciale tra i due paesi, aggiornato nel tempo. Secondo l’ultimo calcolo, che risale al 2015, sul cambio effettivo dell’euro a 19 valute (ma la Bce calcola anche il cambio a 12 ,a 18 e a 38valute), l’euro/dollaro pesa per il 15,92%, e l’euro/sterlina
per il 12,99%.
L’euro/renminbi, di gran lunga il più importante, pesa per il 22,18%, l’euro/yen per il 6,69%, l’euro/zloty per il 6,40%. Se si tiene conto dell’inflazione, si può calcolare il cambio effettivo reale.

Ultimo aggiornamento 04 luglio 2016

Ultime notizie su Cambio effettivo
    • News24

    La vittoria di Macron spinge l'euro: la moneta unica oltre 1,10 sul dollaro

    Macron significa Europa, e una moderna politica economica. Significa soprattutto la fine dell'incertezza politica. Per i mercati - come si è già visto dopo il primo turno, quando era già chiaro che il leader di En marche! Aveva ottime probabilità di vincere - si tratta di una buona cosa. Non si può

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Per le borse mondiali un trimestre super-Toro, mai così bene dal 2013

    L'azionario mondiale archivia il miglior trimestre dalla fine del 2013: l'indice Msci World ha guadagnato oltre il 6% nei primi tre mesi del 2017. Un rialzo che non si vedeva da oltre tre anni. A favorire l'ottimismo, soprattutto nei primi mesi dell'anno, le aspettative per le politiche economiche

    – di Brambati e Di Cristofaro

    • News24

    Brexit e caduta della sterlina, un lungo viaggio ai confini dell'ignoto

    Theresa May, la prima ministra britannica, la prossima settimana invierà una lettera formale all'Unione Europea per mettere in moto la procedura di uscita regolata dall'articolo 50. La Brexit ci sarà solo quando i negoziati saranno conclusi. Questo non significa che il risultato del referendum

    – di Martin Wolf

    • Econopoly

    L'Italia, il futuro dell'euro e perché la Germania ha le sue sovrane ragioni

    Il tema della rottura della zona euro pare sia tornato di stretta attualità. Mai veramente sparito nel corso degli ultimi anni, gli avvenimenti di queste settimane, dalla lettera del governatore Draghi in cui si faceva riferimento ad alcune conseguenze dell'uscita dalla zona euro, alle dichiarazioni (mal interpretate) della Cancelliera tedesca su possibili diverse velocità di appartenenza alla UE, fino all'incertezza sul risultato delle prossime elezioni in Francia, Olanda e Germania, hanno fatt...

    – Francesco Lenzi

    • News24

    L'Italia, il futuro dell'euro e le ragioni (sovrane) di Berlino

    Una crisi della zona euro pari o addirittura più grave di quella del 2011 è tema ormai tornato, purtroppo, di stretta attualità. Dibattito mai veramente sopito nel corso degli ultimi anni e riacceso dagli avvenimenti di queste settimane: dalla lettera del presidente della Bce, Mario Draghi, in cui

    – a cura di Alberto Annicchiarico

    • News24

    L'istanza di rimborso «integra» la dichiarazione

    L'approvazione di una norma tributaria può prevedere retroattivamente la deducibilità di alcune voci di costo inserite in dichiarazione, a condizione di presentare una nuova dichiarazione conforme alle nuove regole. Lo sgravio fiscale, però, non è precluso al contribuente che presenta una

    – di Luca Benigni e Gianni Rota

    • News24

    Per la Bce più difficile ignorare i critici del Qe

    Un balzo brusco e inatteso. Il salto dell'inflazione di Eurolandia all'1,1% a dicembre, dallo 0,6% di novembre apre molti interrogativi su quali scenari si aprano ora sul fronte dei prezzi e quali riflessi potranno esserci sulla politica monetaria della Banca centrale europea.

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    La Fed alla prova dell'indipendenza

    L'esito della riunione della Fed sui tassi - sapremo oggi le decisioni - è scontato dai mercati: un rialzo di un quarto di punto del tasso-guida è praticamente sicuro. Su questo rialzo ci sono due osservazioni da fare. La prima riguarda il presente. La seconda riguarda il futuro.

    – di Fabrizio Galimberti

    • News24

    La Fed verso il rialzo dei tassi, ma l'incognita Trump rende tutto più difficile

    La previsione sembra abbastanza semplice. La Federal reserve, alla fine della sua riunione di dicembre, mercoledì 14, dovrebbe alzare i tassi: 0,25 punti percentuali, fino allo 0,50-0,75 per cento (dall'attuale 0,25-0,50%). I tempi sembrano maturi, e molti componenti del Fomc (il Federal Open

    – di Riccardo Sorrentino

1-10 di 169 risultati