Parole chiave

Cambio effettivo

Il cambio effettivo misura l’andamento di una valuta rispetto alle monete dei partner più importanti, evitando di far riferimento a un solo tasso di cambio che, per quanto importante, potrebbe rivelarsi fuorviante. È un numero indice, ed è calcolato con una media ponderata: ciascun cross (euro/dollaro, o euro/sterlina, per esempio) ha un peso definito dalle dimensioni dell’interscambio commerciale tra i due paesi, aggiornato nel tempo. Secondo l’ultimo calcolo, che risale al 2015, sul cambio effettivo dell’euro a 19 valute (ma la Bce calcola anche il cambio a 12 ,a 18 e a 38valute), l’euro/dollaro pesa per il 15,92%, e l’euro/sterlina
per il 12,99%.
L’euro/renminbi, di gran lunga il più importante, pesa per il 22,18%, l’euro/yen per il 6,69%, l’euro/zloty per il 6,40%. Se si tiene conto dell’inflazione, si può calcolare il cambio effettivo reale.

Ultimo aggiornamento 04 luglio 2016

Ultime notizie su Cambio effettivo
    • Econopoly

    Uscire dall'euro servirebbe ancora? Ecco cosa ci dice la competitività di prezzo

    Esiste una narrativa fondamentale intorno alla quale si sono costruite la maggior parte delle critiche alla permanenza dell'Italia nell'euro. Questa narrativa si riferisce al fatto che l'introduzione dell'euro, impedendo alla nostra economia di svalutare la lira, e/o di rivalutare il marco tedesco, ha determinato squilibri nei conti esteri dell'Italia e degli altri Paesi aderenti all'euro. Squilibri commerciali che poi sono stati alla base della crisi dell'eurozona del 2010/2012. Superare la mon...

    – Francesco Lenzi

    • News24

    Brexit, come va l'economia britannica a due anni dal voto per l'addio alla Ue

    Due anni dopo, le tendenze sono ormai chiare. Brexit non è ancora una realtà, la Gran Bretagna fa ancora parte integrante dell'Unione europea e tutti gli effetti legati alla decisione di uscire dalla Ue sono determinati dalle semplici aspettative, alle quali si aggiungeranno i costi e i benefici

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    La Fed pronta al secondo rialzo dei tassi nel 2018

    Un nuovo rialzo dei tassi, il secondo dell'anno dopo quello di marzo. Dall'1,5-1,75% all'1,75-2 per cento. E' il momento giusto: a giugno è prevista - come ogni tre mesi - una conferenza stampa del presidente Jerome Powell e sono pubblicate le previsioni macroeconomiche e o "dot", le indicazioni dei

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    La Bce resterà «paziente» e «persistente»

    «Pazienza, persistenza, prudenza». Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha ripetuto la formula magica della politica monetaria di questa fase non più tardi di venerdì scorso. Ha di fatto escluso qualunque sorpresa - per altro già giudicata improbabile - dalla riunione di aprile

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Fed verso un rialzo più rapido dei tassi con il debutto di Powell

    E' la prima riunione Fed del nuovo presidente, Jerome Powell; e il suo esordio potrebbe coincidere con un rialzo dei tassi di interesse. Sarà davvero un appuntamento importante, quello di marzo, per la politica monetaria Usa. Tra conferenza stampa - anch'essa un debutto - e proiezioni

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Bce, è l'ora giusta per cambiare strategia? Oggi la riunione dell'Eurotower

    Potrebbe essere il momento giusto. Se non fosse per le incertezze politiche. Gli analisti sono scettici, pensano che non ci saranno variazioni nella comunicazione della politica monetaria (la "forward guidance") ma la Bce aveva immaginato per l'inizio dell'anno - e ormai siamo a marzo - una sua

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Bce preoccupata dalla volatilità

    La Bce lo ripete: la volatilità dell'euro «rappresenta - ha spiegato il bollettino economico pubblicato ieri - una fonte di incertezza che richiede di essere monitorata riguardo alle possibili implicazioni per le prospettive di medio termine dell'inflazione». Il presidente della Bundesbank Jens

    – Riccardo Sorrentino

    • News24

    Non solo dollaro e yen: ecco le 10 monete che perdono di più sull'euro

    L'arrembante avanzata dell'euro nei confronti del dollaro ha di recente guadagnato la ribalta delle cronache, e non poteva essere altrimenti viste le potenziali implicazioni di un simile apprezzamento del cambio sulla nostra economia e anche sulle decisioni della Banca centrale europea (Bce). Il

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    I cinque punti chiave della riunione Bce di oggi

    Prima riunione del board del 2018. Prima conferenza stampa dopo la riduzione a 30 miliardi degli acquisti di titoli. Prima occasione per avere informazioni più precise sui prossimi cambiamenti nella comunicazione della politica monetaria e della stessa strategia della Banca centrale europea. Pur in

    – di Riccardo Sorrentino

1-10 di 196 risultati