Parole chiave

Bundesbank

È la banca centrale della Germania. Fondata nel 1957 al posto della bank Deutscher Länder (che aveva introdotto il marco tedesco nel 1948), ha sede a Francoforte, come la Banca centrale europea. Nel corso degli anni si è guadagnata una grande credibilità per la sua indipendenza e per la capacità di tenere sotto controllo l'inflazione e di garantire una moneta forte e stabile come il marco. Attualmente fa parte dell'Eurosistema come le altre 16 banche centrali dell'area euro. Il suo presidente è Jens Weidmann, che ha preso il posto del dimissionario Axel Weber. Ha avuto un ruolo fondamentale nella creazione della Banca centrale europea.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Bundesbank
    • News24

    I governatori di 5 banche centrali nell'Osservatorio Giovani-Editori

    Si tratta, spiega lo stesso Osservatorio, di Klaas Knot, presidente della Nederlandsche Bank, Luis M. Linde, governatore della Banco de Espana, Francois Villeroy de Galhau, governatore della Banque de France, Ignazio Visco, governatore della Banca d'Italia e Jens Weidmann, presidente della Deutsche Bundesbank.

    • News24

    Schäuble, i «falchi» e l'integrazione europea

    Dimenticando di ammettere che lo ha raggiunto, come sostiene la Bundesbank, anche grazie a risparmi per 240 miliardi di euro nella spesa per interessi grazie alla politica dei tassi bassi della Bce di Mario Draghi, di cui è critico frequente e a volte feroce.

    – di Alessandro Merli

    • News24

    Draghi prende tempo fino a ottobre, a Milano pagano dazio le banche

    Chiusura contrastata per le Borse europee (segui qui i principali indici) nel giorno della Bce, che ha lasciato invariato il costo del denaro nel range 0-0,25% rinviando ogni decisione sul previsto "tapering" (ossia il rallentamento nel ritmo degli acquisti di bond) a ottobre, anche se tutto

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Quei rischi eccessivi delle banche tedesche

    Quello che sorprende nel modo con cui la Bundesbank ha annunciato i risultati di uno stress test che boccia quasi settanta banche, sia pure di modeste dimensioni, non è tanto il fatto in sé, quanto l'insistenza con cui si attribuisce la responsabilità ad una possibile ulteriore diminuzione dei tassi di interesse, chiamando quindi in causa prepotentemente la politica monetaria della Bce.

    – Marco Onado

    • News24

    Quei rischi eccessivi delle banche tedesche

    Quello che sorprende nel modo con cui la Bundesbank ha annunciato i risultati di uno stress test che boccia quasi settanta banche, sia pure di modeste dimensioni, non è tanto il fatto in sé, quanto l'insistenza con cui si attribuisce la responsabilità ad una possibile ulteriore diminuzione dei tassi di interesse, chiamando quindi in causa prepotentemente la politica monetaria della Bce.

    – di Marco Onado

    • News24

    Settanta banche tedesche bocciate agli stress test

    Sessantotto banche tedesche sono state bocciate agli stress test della Bundesbank. ... Una vulnerabilità che, evidenzia la Bundesbank, rischia di diventare ancor più esplosiva nel caso in cui i tassi di interesse - da tempo raso terra, o addirittura negativi - subissero un'ulteriore revisione al ribasso.

    – di Luca Davi

    • News24

    La Bundesbank rimpatria dopo la Guerra fredda parte delle riserve auree

    La Bundesbank, guidata da Jens Weidmann, ha riportato, scrive il Financial Times, a Francoforte 374 tonnellate di lingotti da Parigi e 300 tonnellate sono state prelevate dai depositi della Fed di New York. ... Il piano di rimpatrio della Bundesbank ha richiesto ben quattro anni per trasportare con sucesso e sicurezza 53.780 barre d'oro, ognuna delle quali pesa 12,5 chilogrammi e vale 440.000 euro, dai forzieri della Federal Reserve di New York e della Banca centrale di Francia.

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Draghi: Qe risposta alle nuove sfide

    L'intervista di ieri della BoersenZeitung a Jens Weidmann, presidente della Bundesbank, secondo il quale non c'è «una necessità acuta» di prolungare il quantitative easing (qe), da cui chiede un'uscita «ordinata che deve essere programmata tempestivamente» ha aumentato il desiderio di qualche precisazione.

    – Riccardo Sorrentino

    • News24

    Bce, per Weidmann non c'è bisogno di prolungare il Qe oltre il 2017

    Il presidente della Bundesbank Jens Weidmann ritiene che non ci sia necessità di estendere il programma Quantitative easing oltre dicembre 2017. ... Il presidente della Bundesbank ammette che, nel rapporto delle stime di giugno, venga dato come presupposto uno stimolo proveniente dalla politica monetaria, ma aggiunge che la politica della Bce potrebbe essere espansiva anche in assenza del programma di acquisto.

    • News24

    Piano Schaeuble, più peso all'Esm per aiutare i paesi del Sud Europa

    Fino all'ipotesi non esplicitata chiaramente in questa occasione, ma ipotizzata in passato dalla Bundesbank e dallo steso ministro delle Finanze tedesco di sostituire la Commissione europea, considerata troppo politica, nella verifica dei conti pubblici e relative sanzioni, con il Fondo salva stati europeo (Esm), l'erede dello EFSF.

    – di Vittorio Da Rold

1-10 di 2021 risultati