Parole chiave

Bund

Sono i titoli di Stato decennali della Germania emessi per finanziare la spesa pubblica del Paese. Le obbligazioni tedesche - Bundesanleihen - vengono utilizzate, per la loro solidità e affidabilità, come riferimento dei titoli emessi dagli altri Paesi europei. Il differenziale rispetto ai rendimenti dei bund, lo spread, misura infatti il grado di fiducia degli investitori. Più lo spread sale, più lo Stato in questione è percepito come rischioso. I rendimenti dei titoli di Stato a sei mesi tedeschi sono scesi, con la crisi del debito, in territorio negativo

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Bund
    • News24

    Sugli Stati debiti per 61mila miliardi, ma meno esposti agli speculatori

    Oggi gli occhi sono tutti puntati sulla Cina, che detiene 1.176 miliardi di dollari di debito pubblico americano. Dato che Donald Trump ha dichiarato guerra commerciale al Paese, il timore che Pechino possa "vendicarsi" vendendo titoli di Stato statunitensi si diffonde sui mercati finanziari. Ma il

    – di Morya Longo

    • News24

    BTp e CcT, qual è il titolo di Stato più «resistente» al rischio politico?

    Non c'è stato il temuto «attacco» al debito italiano, né dopo l'esito incerto del voto del 4 marzo scorso e neppure adesso che, come era nelle previsioni, si fatica a dare un Governo al Paese. Il rendimento dei BTp è anzi tornato sui valori dello scorso autunno (1,71% per il titolo decennale) e il

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    Petrolio e minerari spingono le Borse. Milano al top da gennaio

    La corsa del greggio dopo le scorte Usa, con il Wti ai massimi da dicembre 2014 (a 68 dollari al barile), e gli acquisti sui minerari grazie al rally dei metalli di base, sull'allentamento delle tensioni Usa-Cina, hanno spinto Londra (+1,3% Ftse 100) e sostenuto le Borse europee che hanno chiuso la

    – di C. Di Cristofaro e A. Fontana

    • News24

    I listini europei resistono alla crisi siriana, a Milano bene le banche

    L'esplodere delle tensioni in Siria, colpita nel week end dai bombardamenti della coalizione formata da Stati Uniti, Francia e Regno Unito, al momento non spaventa i listini azionari mondiali, che hanno ripreso le contrattazioni senza particolari scossoni. La tenuta degli indici europei (qui

    – di A. Fontana e P. Paronetto

    • News24

    Wall Street in rosso sgonfia le Borse sul finale. A Milano giù Tim e Azimut

    Le Borse europee frenano sul finale e, complice il calo di Wall Street, passano all'incasso dopo una settimana in cui Piazza Affari è risalita dell'1,5% e lo Stoxx600 dell'1% circa. Il rallentamento degli acquisti sul settore auto e le vendite su tecnologici e farmaceutici hanno riportato gli

    – di C. Di Cristofaro e A. Fontana

    • News24

    Perché gli hedge fund sono negativi sull'Italia

    Lo spread Bund-BTP è sotto controllo e la Borsa italiana è l'unica tra le principali piazze europee a poter vantare un rialzo da inizio anno del 5 per cento. L'incertezza sull'esito della partita politica nel nostro Paese non ha finora avuto le temute ripercussioni sui mercati. Ma il rischio Italia

    – di Andrea Franceschi

    • News24

    Debito, nodo deficit sulle maxicedole

    Alzare la cedola e abbassare il valore nominale delle nuove emissioni del debito pubblico per la politica ha una traduzione semplice sul piano dei numeri e complicata su quello delle scelte: significa allargare gli spazi di deficit da dedicare al servizio del debito e quindi diminuire quelli che

    – di Gianni Trovati

    • News24

    Effetto Xi sui mercati, rally di Tim (+3%). Brent oltre i 70 dollari

    L'impegno del presidente Xi Jinping a un'economia cinese più aperta, che segue i toni concilianti di Trump sulla guerra commerciale, fa scattare Wall Street (arrivato a guadagnare il 2%) e le Borse europee grazie in particolare agli acquisti su auto e minerari. Piazza Affari, già ieri ai livelli di

    – di S. Arcudi e A. Fontana

    • News24

    Europa guardinga sui dazi. Milano chiude positiva in scia a Wall Street

    Prima seduta settimanale guardinga per le Borse europee: nonostante la chiara risalita di Wall Street, dopo il tonfo di venerdì sera, il botta e risposta a colpi di dazi Usa-Cina consiglia cautela agli investitori e a questo si aggiunge il rafforzamento dell'euro/dollaro sopra 1,23 in attesa

    – di E. Micheli e A.Fontana

1-10 di 6338 risultati