Le parole chiave

Bretton Woods

Bretton Woods è una località nello stato del New Hampshire negli Usa. Lì si tenne dal 1º al 22 luglio 1944 la conferenza che stabilì le regole per le relazioni commerciali e finanziarie tra i principali paesi industrializzati del mondo. Gli accordi di Bretton Woods fissarono l'obbligo per ogni paese di adottare una politica monetaria tesa a stabilizzare il tasso di cambio ad un valore fisso rispetto al dollaro, che veniva così eletto a valuta principale il piano istituì sia il Fondo monetario internazionale (Fmi) che la Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (detta anche Banca mondiale o World Bank) con il compito di ridurre gli squilibri internazionali.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Bretton Woods
    • News24

    La Banca del Giappone come la Fed (nel dopoguerra)

    - partì dal Tesoro, che nel 1961 decise di far scendere i rendimenti dei decennali e di far salire, o di tenere stabili, quelli dei titoli a due anni, per stimolare l'economia attraverso i tassi a lunga evitando tensioni sui cambi più sensibili a tassi a breve (all'epoca vigeva il sistema di Bretton Woods sulla convertibilità del dollaro, ma erano possibili piccoli arbitraggi).

    – di Riccardo Sorrentino

    • News24

    Ciao Carlo Azeglio

    «Pensa, lunedì avremmo festeggiato i settant'anni di matrimonio e gli avevo detto: Carlo, faremo una cosa intima tra di noi». Mi dice la signora Franca, al telefono, e aggiunge: «Tu lo conosci bene, devi dire quello che sai, devi dire che era una persona perbene». La signora Franca si esprime con

    – di Roberto Napoletano

    • News24

    I grandi uomini che hanno ampliato i confini dell'economia

    Questa infornata di premi Nobel dell'economia lancia un importante segnale sui confini della scienza economica. Con la premiazione di Herbert Simon (nel 1978) l'Accademia delle Scienze svedese ha detto che "non di solo pane (o di sola economia!) vive l'uomo" e ha allargato le frontiere della

    – di Fabrizio Galimberti

    • News24

    Trump e la voglia di protezionismo

    Il mondo sta andando al contrario di come eravamo abituati a vederlo andare. La globalizzazione, che ha fatto emergere nuove potenze economiche quali la Cina, non è più di moda e con essa sembrano eclissarsi il multilateralismo e restringersi l'area delle democrazie. «Americanismo, non globalismo,

    – di Adriana Castagnoli

    • News24

    Taglio tassi dimezzato, ma la lira cade

    Come vanno gli affari dopo il colpo di stato? Anche la finanza nella Turchia del controgolpe di Erdogan viene epurata: insieme a 21mila insegnanti, 1.500 rettori di Università, sono stati fatti fuori anche 1.600 dipendenti del ministro delle Finanze. La fiducia è la materia prima più carente in un

    – Alberto Negri

    • News24

    Carney allenta la stretta sul capitale delle banche, sterlina ai minimi dal 1985

    LONDRA- I fantasmi cominciano a prendere corpo. Il rallentamento dell'economia britannica si fa realtà spingendo la Banca d'Inghilterra ad agire allentando la stretta sul capitale della banche per garantire credito e fronteggiare quella che il governatore Mark Carney ha definito «cristallizzazione

    – Leonardo Maisano

    • News24

    Il voto indebolisce «la Pax americana»

    I mercati europei continuano a perdere. Potevamo aspettarcelo. Ma quello americano? Quello giapponese? Il rapido, forte, preoccupante contagio mondiale nel post Brexit non possiamo spiegarlo solo con l'impatto economico dell'uscita del Regno Unito sull'Europa.

    – Mario Platero

    • News24

    Perché il problema principale di Draghi non è la Grecia ma la Germania

    In questo momento il problema principale di Mario Draghi non è la Grecia. E' la Germania. La settimana scorsa il presidente della Banca centrale europea ha replicato agli attacchi di Berlino contro la sua politica dei tassi bassi sottolineando che il persistente surplus della Germania nel saldo con

    – Wolfgang Münchau

    • Econopoly

    Quanto è credibile il misterioso Shanghai Accord sulle valute?

    Il 22 settembre 1985 presso l'Hotel Plaza di New York i ministri delle finanze ed i banchieri centrali del cosiddetto gruppo dei 5 (G5) formalizzarono il più importante memorandum di intervento sul mercato valutario dalla fine del sistema di Bretton Woods,  quello che è stato definito il "Plaza Accord". Si giunse così al termine di un quinquennio che, caratterizzato dagli alti tassi d'interesse reali introdotti dalla Fed nel 1981 e continui e crescenti deficit  pubblici dell'amministrazione Reag...

    – Francesco Lenzi

1-10 di 326 risultati