Parole chiave

Benchmark

Un'emissione obbligazionaria è definita benchmark (di riferimento) quando ha caratteristiche di importo, liquidità e trasparenza tali da poterne fare un riferimento per altri emittenti. Le emissioni di titoli di Stato sono più spesso considerate benchmark sui mercati dei rispettivi Paesi. Importo benchmark per un bond può indicare semplicemente una dimensione rilevante, per esempio fra 500 milioni e 1 miliardo di euro.

Ultimo aggiornamento 27 aprile 2017

Ultime notizie su Benchmark
    • News24

    Human Technopole ora parte davvero. Lo scozzese Mattaj nominato direttore

    Il benchmark è ambizioso: riuscire a raddoppiare, entro sei o sette anni, le risorse a disposizione dello Human Technopole di Milano grazie ai contributi dei soci privati che si aggiungeranno ai fondi pubblici a disposizione (circa 100-120 milioni l'anno per dieci anni), ma anche ai fondi di bandi europei e internazionali.

    – di Giovanna Mancini

    • News24

    Gli stress test entrano nel vivo. Doppio fronte Npl-derivati

    Gli stress test bancari entrano nel vivo. Dopo uno slittamento di qualche mese legato all'introduzione dell'Ifrs9, a fine maggio le banche europee hanno inviato alla Bce le prime simulazioni che gli scenari disegnati dall'Eba generano su redditività, capitale e liquidità. Simulazioni che, almeno

    – di Luca Davi

    • News24

    Petrolio e banche frenano rally di Milano. Lunedì dividendi per 5 big

    Piazza Affari guida la correzione delle Borse europee al termine di una settimana di complessivo per l'azionario e si prepara per una ottava che si aprirà nel segno dei div idendi: saranno infatti cinque le big del Ftse Mib che staccheranno la cedola (Snam, Poste, Terna, StMicroelectronics e Exor),

    – di Chiara Di Cristofaro e Andrea Fontana

    • News24

    Mutui, perché la fine del Qe non danneggerà i prestiti alle famiglie

    Una Bce più colomba del previsto (difatti ha allungato a dicembre la scadenza del quantitative easing, proiettando uno scenario di tassi invariati almeno fino all'estate 2019 e in ogni caso bassi a lungo) tocca da vicino anche i portafogli di risparmiatori e mutuatari. Del resto, che la decisione

    – di Maximilian Cellino e Vito Lops

    • News24

    Draghi «colomba» rassicura i mercati: Milano +1,2%, l'euro crolla sotto 1,17

    I toni super-accomodanti di Mario Draghi, anche nell'annunciare la fine del Quantitative easing, hanno rassicurato i mercati e spinto le Borse europee, che hanno vissuto una seduta a due facce. A Milano il Ftse Mib ha guadagnato l'1,22%, sui massimi di giornata, a Parigi il Cac40 l'1,39% e a

    – di Flavia Carletti

    • News24

    Spread, cosa cambia se il confronto passa dal Bund ai Treasury Usa

    Da novembre 2011 nelle case degli italiani è entrata di prepotenza la parola (prima sconosciuta ai più) "spread". Da allora dietro questo termine ci si è abituati a confrontare la differenza di rendimento tra i titoli governativi italiani e quelli tedeschi. Il confronto è chiaro: se l'Italia paga

    – di Vito Lops

    • News24

    Lo spread scende a 236 punti, Piazza Affari vola (+3,4%) sulle parole di Tria

    Seduta da incorniciare per Milano, che il giorno dopo le elezioni amministrative vola grazie alle banche e al calo dei rendimenti con lo spread Btp-Bund in ritirata a 236 punti base. Piazza Affari archivia così la giornata come migliore d'Europa a +3,42% - recuperando così tutto il passivo

    – di Cheo Condina

    • News24

    Obiettivo 400mila auto per garantire il futuro

    Alfa Romeo è il punto di equilibrio fra l'Italia che non c'è più - l'Italia della produzione di auto di massa - e l'Italia del lusso estremo - prima di tutto Maserati, ma anche Lamborghini e soprattutto Ferrari - che significa un futuro elitariamente importante ma non massicciamente corposo

    – di Paolo Bricco

    • News24

    Nella «giungla» dei tassi intrappolati oltre 3mila miliardi di prestiti e bond

    Eonia ed Euribor, vecchi e nuovi, ma anche Ester e il free-risk rate alternativo che ancora deve essere prima individuato e poi battezzato. Gira davvero una babele di nomi attorno alla complessa riforma dei parametri di riferimento dei mercati monetari, investiti prima dai risvolti della crisi

    – di Maximilian Cellino

1-10 di 2558 risultati