Parole chiave

Bail-in

Letteralmente significa «salvataggio interno» delle banche in crisi. È nato per evitare in Europa il «bail-out», cioè il salvataggio esterno da parte degli Stati. Il bail-in è dunque un meccanismo di risoluzione delle crisi bancarie - introdotto dalla direttiva Brrd entrata in vigore nel 2016 - che prevede il coinvolgimento diretto di azionisti, obbligazionisti ed eventualmente depositanti oltre i 100mila euro. Nel caso in cui una banca sia in crisi, a pagare per il salvataggio o la risoluzione devono insomma essere in primo luogo gli investitori privati e non più gli Stati: prima gli azionisti, poi gli obbligazionisti subordinati, poi gli obbligazionisti senior e i depositanti (ma solo per la parte eccedente i 100mila euro).

Ultimo aggiornamento 18 maggio 2018

Ultime notizie su Bail-in
    • News24

    Contratto Lega-M5S, le misure Sul risparmio peccano di faciloneria

    Se sarà davvero il "governo del cambiamento" non lo si vedrà per il programma su banche e risparmio. Un capitolo che sembra approvato senza problemi, tanto che è privo dei segnali gialli e rossi che indicano le aree ancora controverse in sede tecnica o politica.

    – di Marco Onado

    • News24

    Europa

    Necessaria una ridiscussione dei trattati Ue e del quadro normativo principale. Va incrementato il livello di democrazia dell'Unione rafforzando anche il ruolo e i poteri del Parlamento europeo. L'impianto della governance economica (Patto di stabilità e fiscal compact) basato sul predominio del

    • News24

    Prelievi forzosi dai conti correnti, a Cipro torna la paura

    Cipro non riesce ancora a scacciare i fantasmi del passato. A oltre cinque anni di distanza dal "bail-in" che spazzò via in una notte 9,4 miliardi di euro (tra azioni, obbligazioni bancarie e conti correnti), l'enorme massa di crediti incagliati continua a pesare sul sistema finanziario dell'isola

    – di Enrico Marro

    • News24

    Andreas Dombret: «Bisogna ridurre i rischi nelle banche»

    Prima di entrare nel comitato esecutivo della Bundesbank con la responsabilità della supervisione bancaria, esattamente otto anni fa, Andreas Dombret ha trascorso tutta la sua carriera in banca: prima Deutsche bank, poi JP Morgan, Rothschild e BoA. E di banche e solo quelle si è occupato a tempo

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Il Fmi: tra due anni ciprioti più ricchi degli italiani (e nel 2022 pure i cechi)

    Alla faccia di "una faccia una razza", come dicono a Cipro dei fratelli italiani. Ma come: i ciprioti, cittadini dell'unico Paese Ue a subire nel 2013 nel giro di una notte un dolorosissimo bail-in (con prelievo forzoso dai conti correnti bancari) e un spaventosa recessione, stanno per diventare

    – di Enrico Marro

    • News24

    Bail-in, l'Italia al top dei rischi per i bond in mano alle famiglie

    L'Italia rimane il primo paese in Europa per attivi assoggettabili al bail-in, i primi ad essere azzerati nel caso di una ristrutturazione della banca, in mano alle famiglie. A evidenziarlo è il numero uno della Vigilanza bancaria Bce, Danièle Nouy. Che in una lettera in risposta all'interrogazione

    – di Luca Davi

    • News24

    König: «Difficile una garanzia unica sui depositi»

    Sul backstop europeo al Fondo di risoluzione unico, anche attivando il Meccanismo europeo di stabilità, «non è pessimista» perchè tutti sono d'accordo che questo passo va fatto, manca solo l'intesa su come farlo. Sul Sistema europeo di garanzia sui depositi vede «più difficoltà» tra i due

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Garanzie ma non per tutti, i depositi protetti al 68%

    A oltre due anni dall'entrata in vigore delle nuove regole sui salvataggi bancari (bail-in), con il coinvolgimento dei privati, le abitudini dei risparmiatori italiani non sembrano essere cambiate troppo. Le regole prevedono in linea teorica di andare a intaccare anche i depositi oltre i 100mila

    – di Andrea Gennai

1-10 di 1262 risultati